politica

Compatti contro il commissariamento. Pronta la proposta del centrodestra

domenica 17 ottobre 2010
di Davide Pompei
Compatti contro il commissariamento. Pronta la proposta del centrodestra

Non si può prescindere dal passato, ma occorre pensare al futuro. Se lo ripetono ormai da giorni, i consiglieri del centrodestra. Tesi a capire se dai colleghi del centrosinistra arriverà quel sì necessario ad approvare il bilancio. E si dicono pronti a tendere la mano agli avversari politici, pur di salvare il salvabile e scongiurare l'arrivo del commissario. La cui forbice inizierebbe a tagliare, senza la stessa coscienziosa partecipazione che nel farlo metterebbero gli amministratori locali.

Lunedì pomeriggio, nell'ambito della conferenza dei capigruppo, Olimpieri, Pizzo e Ranchino - rispettivamente a capo di Pdl, Udc e Orvieto libera - proporranno alle forze di centrosinistra il loro programma di risanamento. Un piano dei tagli, suscettibile di variazioni ma che ammonta a quasi 4 milioni di euro, sul quale iniziare a ragionare. Facendo i conti con le lancette dell'orologio, dal momento che mercoledì la proposta andrà in consiglio. La data del 20 ottobre, infatti, è il termine ultimo consentito dalla legge per l'approvazione del consuntivo 2009 e i conseguenti adempimenti.

Di certo c'è che nel 2009 le uscite del Comune si sono attestate intorno ai 27 milioni e mezzo e nel 2010, complessivamente, le uscite saranno inferiori a 24,5 milioni. Il previsionale 2011 vedrà un'ulteriore limatura delle spese per quasi un milione e mezzo. "Certo - ammette Pizzo - poco o nulla è stato fatto per ridurre l'indebitamento ma il bilancio della giunta Concina non ha neanche creato un ulteriore disavanzo". La messa a reddito della caserma sembra dunque essere per il centrodestra l'unica via per coprire il passivo dello scorso anno. Quello che occorre è però una locazione importante. "Le scelte di carattere finanziario - fa eco Ranchino - hanno già avuto pesanti ripercussioni sulla vita quotidiana dei cittadini. È venuta meno la manutenzione dell'esistente. Eppure, nonostante i tagli, sono stati lasciati inalterati i servizi sociali e culturali. Solo gli asili, costano al Comune 950 mila euro l'anno. Ora però gli organi di controllo chiedono di fare di più, con interventi strutturali su quelle voci che producono costi, vale a dire altri servizi e partecipate del Comune".

Tecnicamente, all'indomani dell'eventuale approvazione del consuntivo, il consiglio comunale dovrebbe decidere soppressioni e variazioni, ridimensionando i centri di costo ai quali la città è abituata. L'obiettivo è quello di dare vita ad una programmazione collegiale dei tagli, condivisa da tutte le forze in campo. E poi, ci sarà da sistemare il passato che condiziona pesantemente il presente e il futuro delle finanze comunali. Per evitarlo, secondo l'esponente di Orvieto libera occorre intervenire più drasticamente per raggiungere il pareggio. Ciò significa: contrazione di servizi ed eventuali soppressioni. Dalla maggioranza consigliare, il centrodestra si attende ora una piena assunzione di responsabilità.

"Le difficoltà di far camminare l'anatra zoppa - aggiunge Olimpieri - si misurano sulla gravità della situazione che abbiamo di fronte. Dal 24 giugno del 2009, l'amministrazione si è fatta carico del fardello economico ereditato. Ma non è più tempo di recriminare sulle responsabilità, ora bisogna puntare al bene della città. Occorre ridurre la spesa e predisporre un aumento delle entrate, anche attraverso la caserma, la cui vendita è indispensabile. Ma gli organi di controllo vogliono vedere un progetto concreto. Di qui la necessità di una collaborazione costruttiva. Per questo sono stati attivati tavoli partecipativi come non avveniva in passato". Il problema dei tagli che si profilano non è tanto quantitativo ma di inversione di tendenza. Queste sono le ore del confronto serrato per dimostrare la volontà concreta del percorso virtuoso che la Corte dei Conti chiede, precisando tempi e misure.

Pubblicato da Vieteno il 17 ottobre 2010 alle ore 10:40
Le ammissioni del Sig. Pizzo, di non aver creato ulteriore disavanzi senza per essere riusciti a ridurre l'indebitamento, sono apprezzabili solo parzialmente.
Il Sindaco ha avuto infatti la strada libera per attuare un serio e tempestivo piano di risanamento, ma non ne stato capace.
Ha aperto con inspiegabile ritardo le buste per la concessione di Vigna Grande e poi, fatto veramente grave, non ha indetto la nuova gara.
Nel frattempo, l'anno trascorso potrebbe segnare la fine di detta operazione, in quanto i mercati potrebbero non essere pi interessati nemmeno all'acquisto della ex Caserma Piave.
Ha proceduto al riequilbrio del 2009, confermando tutte le indicazioni poco veritiere contenute nel bilancio di previsione del precedente Sindaco, seppure non poteva non esserne a conoscenza.
Ha ridotto nel 2009 le entrate su ICI e TASSA RIFIUTI, come evidenziato nella relazione del dirigente comunale.
Non ha aumentato i controlli sui parcheggi, nonostante l'aumento del numero dei vigili urbani, che avrebbero potuto incrementare i proventi dai parchimetri e dalle multe.
Non ha soprattutto portato i soldi promessi a molti imprenditori in campagna elettorale, grazie alle sue amicizie presso il Governo nazionale.
Il Sindaco ha per sottovalutato un altro aspetto e cio quello di essere divenuto anch'egli responsabile del disastro economico del bilancio comunale.
Riconosciamo a lui un impegno gratuito ed elegante, ma lo consigliamo di dedicarsi ad altre attivit.
In quanto ai Consiglieri evidente il tentativo da parte dei nuovi di voler dimostrare la capacit di poter uscire dalla crisi (tentativo sino ad oggi non riuscito), da parte dei vecchi di non voler essere chiamati in causa da un possibile Commissario esterno (tentativo sino ad oggi riuscito).
Signor Pizzo, ammetta a questo punto che solo un Commissario potrebbe raddrizzare la situazione.
Pubblicato da antonietto Malatesta il 17 ottobre 2010 alle ore 19:25

Condivido l'analisi del signor Vieteno e vorrei aggiungere una domanda al signor Pizzo_ "ma perchè avete fatto il concorso per un nuovo dirigente della polizia urbana? a chi serviva? non bastavano i due (o quattro?) tenenti?" e infine; ma non si era stabilito che i dirigenti divevano avere tutti un contratto privatistico e non dovevano essere assunti a tempo indeterminato?" La prego mi risponda perchè in molti sono convinti che il centro destra ha coperto e continuato compromessi con una parte del centro sinistra che non si spiegano se non con qualche "legante" che sfugge alla nostra comprensione. Orvietano ansioso!

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 febbraio

Meteo

domenica 25 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

15:00 0.0ºC 88% discreta direzione vento
21:00 -2.5ºC 92% discreta direzione vento
lunedì 26 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 -3.7ºC 71% buona direzione vento
15:00 -3.7ºC 64% buona direzione vento
21:00 -8.0ºC 95% buona direzione vento
martedì 27 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 -3.4ºC 69% buona direzione vento
15:00 -1.6ºC 63% buona direzione vento
21:00 -7.8ºC 87% buona direzione vento
mercoledì 28 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 -2.7ºC 67% buona direzione vento
15:00 0.4ºC 66% buona direzione vento
21:00 -3.7ºC 87% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni