politica

La Variante di Porano. Un po' di storia

martedì 20 aprile 2010

Pubblichiamo di seguito, a cura dell'amministrazione di Porano, una nota che fa il punto sull'iter, negli anni, della variante stradale ipotizzata per evitare il passaggio del traffico nel centro storico:

"Già negli anni 80 l'Amministrazione Comunale di Porano, rilevate le difficoltà sempre crescenti confluenti sull'arteria principale di via G. Mazzini, a causa della viabilità di scorrimento del traffico veicolare e quello pesante, chiedeva alla Provincia di intervenire.

Infatti, in stretta sintesi:

· Con delibera del Consiglio Comunale n. 19 del 17/03/1986 richiede alla Provincia di realizzare una variante;
· Con delibera del Consiglio Comunale n. 6 del 07/01/1996 si ripropone la richiesta di una variante, ipotizzando più soluzioni;
· Con lettera n. di prot. 122 del 1/02/1996 l'Ufficio Tecnico della Provincia di Terni, comunicava di aver scelto la variante della Vecciutara-Poggio Amante, modificando, in parte, il tracciato proposto dall'Amministrazione Comunale, al fine di attenuare l'impatto ambientale, diminuendo i movimenti di materie e le opere d'arte da realizzare;
· Nel settembre 1997 è stato ultimato lo studio geomorfologico relativo alla strada di circonvallazione in variante alla strada provinciale dell' Abbadia scelta dalla Provincia, con esito positivo;
· Con delibera comunale n. 55 del 27/11/2002, l'Amministrazione Brugnoli sollecitava la Provincia a dar corso al progetto esecutivo del tracciato di poggio Amante, così come lo avevano studiato i suoi tecnici e che veniva considerato dall' Amministrazione la soluzione ottimale.

Sembrava tutto fatto.

In realtà, per problemi di fondi, la Provincia ritardava la realizzazione dell' opera e tutto inspiegabilmente veniva affossato.
Nelle more della realizzazione del nuovo Piano Regolatore, della variante, fatta propria dalla Provincia, non c'era più traccia. Al suo posto ne era stata disegnata un'altra più a ridosso del centro storico.
Questo nuovo tracciato, che non era una circonvallazione, ma al massimo un bypass, veniva annullato con l'apposizione del vincolo indiretto da parte della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Umbria.
Pertanto sul P. R. parte Strutturale, approvato nel marzo 2009 dalla passata Amministrazione, la parte Viabilità era totalmente assente.
La problematica, vista l'urgenza ormai trentennale, riallacciando i rapporti tecnico-istituzionali con la Provincia, dovrà essere ripresa al più presto da questa Amministrazione, con uno stralcio al P.R.G.

In particolare, in quest'ottica, nel P.R. parte Operativa, approvato il 16 aprile u.s., l'Ambito di Trasformabilità 4.4, relativo ad un centro residenziale e commerciale, è stato al momento rinviato, in attesa che venga completamente risolto il problema della viabilità, in quanto lo stesso afferisce al tracciato definito a suo tempo dalla Provincia e sollecitato nel 2002 anche dall' Amministrazione Brugnoli".


Questa notizia è correlata a:

Nessun ricorso della consigliera Ranchino contro il Comune di Porano. L'Amministrazione Cocco precisa

Commenta su Facebook