politica

L'Orvieto che vogliamo. Un ampio schieramento per riprogettare la città

domenica 24 gennaio 2010
di Giuseppe Germani, Gruppo consigliare PD al comune di Orvieto
L'Orvieto che vogliamo. Un ampio schieramento per riprogettare la città

Il Sindaco Concina e la giunta del Comune di Orvieto hanno proposto alle forze politiche della città di costituire un "fronte civico" per realizzare una proposta di Bilancio di respiro triennale, tesa a modificare drasticamente lo stato dei conti del Comune.
E' una proposta saggia, che riporta il confronto sui problemi reali e nelle sedi proprie, sia istituzionali che politiche.
Il gruppo consiliare del PD, da tempo sollecitava uno scatto che ponesse fine alla campagna elettorale e alle conseguenti polemiche, e permettesse di fare i conti con la particolare situazione politica che vede in Consiglio Comunale un Sindaco senza la sua maggioranza.

Già nella seduta del consiglio comunale del 9 dicembre 2009, il gruppo del PD aveva sostenuto fortemente che era necessario un patto civico per la città e conseguentemente la presa di coscienza da parte del Sindaco, che l'unica strada possibile per dare futuro alla città fosse questa. Questa soluzione quindi non può che farci piacere.
Occorre però che il Sindaco coinvolga non solo tutti i gruppi presenti in consiglio comunale, ma anche tutte le istituzioni e gli enti che rappresentano gli assetti della città.

La grave condizione economica e sociale, nazionale ed inevitabilmente anche locale, con lo stato dei conti del comune che non riescono più a sostenere il modello di sviluppo fin qui adottato, impongono di trovare una soluzione condivisa, che impegni un ampio schieramento a sostenere le scelte necessarie e a riprogettare la città che vorremmo nei prossimi anni.
Questa discussione non può avere un approccio esclusivamente "aziendalistico", è invece necessario concentrare l'attenzione su quale debba essere il ruolo del comune in una fase caratterizzata da questa grave crisi economica e sociale.

A nostro avviso, occorre esaltare tutti gli atti e i progetti che vadano nella direzione di contrastare gli effetti della crisi economica nei confronti dei cittadini e delle famiglie.
Questo vuol dire mantenere e se possibile ampliare nel bilancio quei capitoli che finanziano le attività sociali e i servizi.
Al tempo stesso, riteniamo che l'amministrazione possa mettere a disposizione progetti e risorse, per politiche che promuovano lo sviluppo e l'occupazione specialmente nel settore della salvaguardia del territorio e nello sviluppo di settori innovativi.

Valorizzare l'apparato comunale, facendolo diventare in molti settori punto di riferimento per l'intero comprensorio, e scelte amministrative tese a favorire lo sviluppo della green - economy e dell'economia della qualità potranno essere elementi qualificanti dei bilanci dei prossimi anni.
Se si inizia questo percorso, ci saranno tutte le condizioni per proporre un bilancio che abbia le risorse necessarie per recuperare il deficit strutturale e trovare quelle aggiuntive per le politiche di sviluppo.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 novembre

A piedi sul "Sentiero dei Vigneti", camminando nella storia con l'Asds Majorana

La Fondazione e la sua partecipazione in Cassa di Risparmio di Orvieto Spa

"Cultura per il No Profit". Un bando per la gestione di tredici gioielli demaniali

Pressing della minoranza, "Sia Orvieto la sede della stazione MedioEtruria"

Nebbia di me

Zambelli Orvieto con grande concentrazione al derby di San Giustino

Ode per la ragazza del Discount

Dentro questo mio accanito desiderio

Caterina Costantini e Lucia Ricalzone al Boni con "Il Club delle Vedove"

Finisce nel fiume Paglia, in buone condizioni l'operaio salvato dai vigili del fuoco

"La rivoluzione giovanile del '68" apre l'anno del Centro di Studio "Bonaventura da Bagnoregio"

Azzurra, Ipc Srl è match sponsor del prossimo turno di campionato

Nuove prospettive turistiche dalla valorizzazione della Via Romea Germanica

Piano di tutela delle acque, la giunta regionale preadotta l'aggiornamento

"Van Gogh Shadow", la cultura multimediale in mostra a Palazzo dei Priori

Sisma, riunione fra Regione, Protezione Civile e Anas per ripristino viabilità

Il Comune incontra i cittadini. Il quarto appuntamento è a Torre San Severo

Glicine dunque

Il Comitato Risparmiatori risponde alla Fondazione Cro

Si presenta il "Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile"

Insieme per dire basta alla violenza sulle donne. Iniziative a Orvieto, in Umbria e a Roma

"La Via della Misericordia nel Lazio. Immagini e riflessioni nell'anno del Giubileo e dei Cammini"

Ferraldeschi (Storia e futuro): "Un'amministrazione comunale che non c'è"

All'Unitre si presenta il libro "Sopportare pazientemente le persone moleste"

Unioni civili. Scontro al calor bianco tra M5S e Sel in consiglio

Sosta gratuita per quattro ore dal 14 dicembre. "Identità e Territorio" contraria

La Regione in campo con 12milioni di euro per il bacino del Paglia, ora la speranza è che partano i lavori

Elezioni Regionali: il Pd ha deciso di concedere il bis a Catiuscia Marini

Caso licenza ex Coop, il Comune batte i pugni: "Non siamo intenzionati a concedere proroghe"

Prima seduta del Cda del Centro Studi: Carlo Mari eletto presidente

Percorso di formazione “Fede Bene Comune - Nuova Civitas”, un momento di approfondimento e riflessione

Dalla chiusura del Giubileo un progetto di speranza e sostegno per l’Oratorio parrocchiale grazie al Rotary di Orvieto

Battipaglia – Azzurra Orvieto: 79 – 59. Rimbalzi difensivi, palle perse e altro fanno la differenza

"La Chiesa dei poveri. Dal Concilio a papa Francesco". Si presenta a Orvieto il libro di monsignor Bettazzi

Completati i lavori di adeguamento del depuratore. Venerdì l'inaugurazione

La tv tedesca racconta in un documentario come Orvieto si salvò dai bombardamenti

Omphalos: "In una città che sostiene tutte le famiglie si vive meglio"

La Compagnia del Limoncello porta in scena "Cercasi Scalandrino"

La figlia di Aldo Moro al convegno della Polstrada: "Lo Stato siamo tutti noi"

Enel effettua taglio piante e deramificazione nei pressi delle linee elettriche