politica

L'anatra zoppa non c'è più. Centro destra e centro sinistra lavoreranno insieme al programma per Orvieto e al bilancio comunale

lunedì 21 settembre 2009
di laura
L'anatra zoppa non c'è più. Centro destra e centro sinistra lavoreranno insieme al programma per Orvieto e al bilancio comunale

L'anatra zoppa, almeno al momento, in pratica non c'è più. Finisce infatti con una larga e unanime intesa su un ordine del giorno redatto concordemente dai capigruppo del Consiglio comunale di Orvieto l'avventura della mozione del PD e di Sinistra e Libertà, da alcuni giudicata nei giorni scorsi pressoché assurda, che si riprometteva di impegnare il Sindaco Concina e la sua Giunta a seguire, in assenza di un programma del Sindaco ancora da definire, le linee programmatiche che il centro sinistra aveva presentato per le elezioni amministrative: linee, era stato sottolineato, che avendo il centro sinistra riportato in Consiglio il 64% dei consensi, sono state di fatto approvate dalla maggioranza degli orvietani.

Di fronte al difficile frangente - che con tutto il Consiglio schierato vedeva, almeno nominalmente, il centro destra in minoranza - a farsi mediatore di una via d'uscita è stato lo stesso Sindaco Toni Concina, che ha chiesto ai capigruppo di riunirsi insieme a lui per trovare una soluzione condivisa. Anche se Leoni aveva posto una pregiudiziale, affermando che nello spirito della legge è il Sindaco che deve presentare il programma entro 90 giorni dalla sua nomina e che il caso proposto dal centro sinistra non è previsto, di fronte alle evidenti difficoltà di questa consiliatura molto particolare è prevalso il buon senso, dopo che il Sindaco Concina ha lasciato intendere che, senza l'accordo di una soluzione condivisa, la strada non avrebbe potuto essere che quella del commissariamento.

Il Consiglio è stato così sospeso e, dopo una lunga consultazione, si è proceduto concordemente al ritiro della mozione e alla sua sostituzione con un ordine del giorno firmato da tutti i capigruppo che demanda alla conferenza dei capigruppo stessa l'individuazione di alcuni punti programmatici considerati fondamentali per la città di Orvieto, sui quali sia il centro destra che il centro sinistra si impegnano a lavorare concordemente. Alla conferenza dei capigruppo si impegna a partecipare, a questo fine, anche il Sindaco, che dovrà concretizzare in azione di governo, con la sua Giunta, quanto verrà deciso e stabilito. L'ordine del giorno sostitutivo è stato votato all'unanimità e, considerando che tutti i consiglieri erano presenti, l'accaduto non è puramente numerico ma ha un forte valore simbolico.

La mozione Germani-Gialletti, come è stato più volte sottolineato nel breve dibattito che ha seguito l'interruzione del Consiglio, è stata praticamente "messa in frigorifero", pronta a riemergere se l'accordo dovesse saltare, ma disposta a restarci perennemente se si lavorerà in modo convinto e condiviso per il bene della città. Un'intesa piuttosto inedita anche nel panorama nazionale, che deve la sorprendente convergenza da un lato alla volontà propositiva della maggioranza consiliare di centro sinistra, che non ha inteso sottrarsi alle responsabilità sulla pesante situazione di bilancio che ha trasmesso al governo Concina, dall'altro alle difficoltà di governo del centro destra, determinate sia dall'isolamento politico in una regione a prevalenza di centro sinistra, sia da una certa verginità amministrativa, ma anche e soprattutto dall'enorme debito ereditato. Un perverso cul de sac, dal quale si esce o con il commissariamento o con una comune volontà di riemergere. La mediazione è stata dunque accettata da tutti i gruppi, forse più costrittivamente da Orvieto Libera, che si è limitata a votare a favore senza dichiarazioni di sorta e senza plaudere, come gli altri, al risultato.

"E' una bella giornata per Orvieto - ha affermato il Sindaco Concina - ringrazio destra e sinistra di aver accolto il mio appello. Abbiamo dato una dimostrazione di come si può abbattere e combattere l'anatra zoppa, alla luce del sole, senza prove di forza e senza inciuci. Vorrei che nel programma che andremo a stendere si difendesse l'importanza di Orvieto e l'interesse di questa città. Se lavoriamo insieme, questa città non solo ha tutte le carte per rinascere, ma rinascerà presto".

Molto soddisfatti del risultato Evasio Gialletti di Sinistra e Libertà e il capogruppo del PD Giuseppe Germani. "Nonostante i dileggi e le polemiche dei giorni precedenti sulla nostra azione, abbiamo dimostrato - ha detto Gialletti - che la nostra non era e non è una provocazione, ma un metterci a disposizione per la città. Non dobbiamo sottovalutare che il Sindaco si è fatto garante di questa proposta, dobbiamo lavorare su punti condivisi, sia per il riequilibrio che per il bilancio".

"Abbiamo prodotto un buon lavoro - ha dichiarato Germani - siamo arrivati a quel che ci eravamo prefissi: l'individuazione di 4/5 temi assolutamente necessari per far progredire Orvieto. Possiamo trovare punti di convergenza senza inciuci e alla luce del sole, dai tavoli del Comune piuttosto che da altri tavoli che si potrebbero creare. Speriamo di trovare insieme una sintesi da approvare all'unanimità".
I punti irrinunciabili su cui trovare la convergenza sono, secondo il capogruppo del PD, quelli fondamentali su cui era impostata la sua relazione per la mozione che è stata ritirata, gli stessi che sono stati rapidamente enunciati ai capigruppo durante la sospensione e sui quali si dovrà tornare in modo più dettagliato: bilancio, sociale, infrastrutture, ambiente, sviluppo connesso alla rifunzionalizzazione della ex Piave.

Non tutti sono lieti di questo epilogo e, nelle file del centro destra, c'è già chi afferma che si è trattato di un errore politico perché, se si fosse andati alla votazione, forse il PD non sarebbe stato così compatto come lo schieramento faceva presagire e, lo stesso Tonelli, che come candidato Sindaco aveva sottoscritto un altro programma, non si sarebbe schierato. Ma, stando le cose come stanno, sono processi alle intenzioni e forse Concina, meno ingenuo di quanto lo reputano alcuni suoi sostenitori, ha voluto, con questo escamotage, togliere di mezzo, una volta per tutte, ogni ombra di inciuci o di franchi tiratori e andare a una mediazione di certo atipica ma, nel tempo, più solida e controllabile.

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 ottobre

Bazar

La Zambelli Orvieto combatte ma si piega al forte Cuneo

Tecnici dell'Orvieto FC alla Parma Academy per un weekend di aggiornamento

Ecco i Comuni umbri da dove fuggono i giovani tra 25 e 40 anni

Sulla fecondità morale di una non più rinviabile rivoluzione culturale

Vendemmia vita

I violini barocchi vanno in mostra all'Antiquarium di Tenaglie

Nuovo parroco ad Allerona Scalo, alla guida della parrocchia don Eugenio Campini

Chiusa per lavori la Chiesa di San Pancrazio Martire. Riaprirà a dicembre

"Via Signorelli chiusa h24. Perché?". Olimpieri (IeT): "Danni e disagi per i cittadini"

La Narnese rovina la festa all'Orvietana, 4 - 2: biancorossi ko

Tra mistero e racconto, l'universo femminile di Pietro Archis

Via ai lavori sulla strada regionale 205 Amerina. Interventi per quasi 70.000 euro

Noto professionista stroncato da un malore, inutili i soccorsi

Buona la prima per la Vetrya Orvieto Basket

Di nuovo "On Air". Radio Orvieto Web riprende le trasmissioni

Il Castello di Torre Alfina diventa fiaba per "The Hunting. Il Gioco dell'Amore" dei Cherries

Scuola, concluse le conferenze d'ambito. A giorni, il Piano complessivo da trasmettere in Regione

Chianella al convegno di Alta Scuola: "Maggiore attenzione al dissesto idrogeologico"

Fondazione Giovanni Paolo II e Centro Peres per la Pace, si firma l'accordo

"Cannabis, il farmaco e la droga". Uil presenta il corso di formazione

Inaugurato il nuovo campo in erba dello Stadio "Luigi Muzi"

"Omaggio a Stefano Rodotà". Doppio appuntamento in Sala Consiliare e al Palazzo dei Sette

Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni, "un'esperienza da ripetere"

Asl 2, i sindacati dei pensionati chiedono il rispetto degli impegni presi

La Azzurra Ceprini torna da Bologna a mani vuote

Simon Picone, mediano di mischia della Nazionale, incontra i rugbysti al De Martino

Giornate della Castagna, primo weekend da incorniciare

Al via pulizia e taglio della vegetazione presso il Belvedere del Moai

Mostra fotografica e brindisi a "La Casella" per festeggiare trent'anni di attività

Dall'Otto per Mille, oltre 480.000 euro al Parco di Vulci

Con "CamminainTuscia", la Via Francigena è sulla buona strada

Arriva "Box 18". Il Comune regala la Costituzione ai neo-maggiorenni

"Alternanza Day" alla Camera di Commercio, tra scuola e lavoro

Sul timpano spunta "Il gruccione". L'arte di strada per migliorare il decoro urbano

Inaugurato il giardino inclusivo della Scuola dell'Infanzia di Ammeto

Ricci (RP): "La Regione si attivi per valorizzare Parco e Museo Vulcanologico"

Nuovo libro per Claudio Lattanzi, "Orvieto nel Medioevo. Ascesa e declino"

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 16

Il clero della Diocesi elegge il nuovo consiglio presbiteriale

Nucci (San Venanzo Viva): "Il sindaco se ne infischia dell'opposizione"

Il Comune dichiara guerra alle biciclette: "Via dal parcheggio di Via Roma"

Tordi (M5S) replica a Bizzarri: "Segnaletica inesistente e monumenti bistrattati"

Incontro partecipativo per costruire insieme la "mappa di comunità"

Foto, storie e ricordi di Orvieto fuori dai cassetti. Il primo ad aprirli è Reno Montanucci

Si presenta il restauro artistico e architettonico di San Giovenale

Il Centro Antiviolenza di Orvieto apre le porte

Alert System, cosa è e come funziona. Rischio denuncia per chi procura falsi allarmi

Al Mancinelli Pino Strabioli e Alice Spisa portano in scena "L'abito della sposa"

Vergaglia (M5S): "Portiamo Orvieto a Bruxelles. Nota stonata la bocciatura dell'Ufficio Europa"

Vertenza Ast, Orvieto aderisce allo sciopero. Germani: "Sostegno ai lavoratori"

In arrivo la prima edizione del festival del dialogo "CuriosaMente"

Prima giornata per il festival del dialogo CuriosaMente

Seconda giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Terza giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Al via la 24esima edizione della Mostra Micologica

Le cooperative di Orvieto: "Lo sciopero sortisca effetti"

La Libertas Pallavolo Orvieto se la vede con il Clitunno Volley

Cgil, Cisl e Uil: "Dalla mobilitazione una proposta alternativa per il futuro della nostra comunità"

Un convegno per riflettere su "Alzheimer. Una lotta contro la disabilità"

Al Giubileo del Malato le testimonianze di Giosy Cento

Gioventù nazionale insieme all'associazione "Non c'è fango che tenga"

A Morre la castagna è regina dell'autunno

Ars Wetana, una tradizione ritrovata. Alla ricerca delle artigiane artiste del prezioso merletto orvietano

Breve storia dell'Ars Wetana

Trasferimento dei rifiuti campani. Nettamente contraria Altra Città: 'Le ecoballe dirigetele altrove'

Yunus, un esempio per tutti: i veri grandi non hanno presunzione

Il comunicato del Comune di Orvieto sull'assegnazione del Premio per i Diritti umani 2004 a Muhammad Yunus

Prime giornate cardiologiche orvietane: il progetto Orvieto Cittàcardioprotetta si presenta a livello nazionale

Si mobilita l'UDC. Enrico Melasecche: occorre difendere Orvieto dalla falsa solidarietà ambientale della sinistra

27-29 ottobre. Convegno a Collevalenza sulla prima Enciclica di Benedetto XVI DEUS CARITAS EST

La Romeo Menti a Collescipoli viene raggiunta nei minuti finali

Prova maiuscola della Romeo Menti che in juniores regionale batte la capolista Nestor

Debutto in scioltezza per i maschi del volley orvietano: la Libertas Pallavolo Orvieto schiaccia il Gualdo Tadino per 3-0

Abile excursus pianistico nella forma Fantasia. Pieno successo del Concerto del maestro Cambri al Festival Valentiniano

Diffondere la cultura d'impresa tra i giovani. L'impegno congiunto dell'amministrazione orvietana e Novaumbria

Insediamento della Coop centro Italia sull'Amerina: la Conferenza dei Servizi ha detto sì. Al via la megadistribuzione

Il piano integrato del sistema commerciale del Comune di Orvieto: le linee

La lavorazione del merletto orvietano

Velia Pollegioni

Renata Cardarelli

Maria Piacentini

Antonietta Burattino Ubaldini

Manuela Ciotti

Scrosci di applausi per Luca De Filippo al Mancinelli. Il lavoro della Te.Ma comincia a dare buoni frutti