politica

Sinistra e Libertà si presenta agli elettori: nuovo metodo, unità, pari dignità, volti consolidati e nuove leve

domenica 17 maggio 2009
di laura
Sinistra e Libertà si presenta agli elettori: nuovo metodo, unità, pari dignità, volti consolidati e nuove leve

Insieme, ma con le proprie specificità; nell'unitarietà di un programma comune che è stato la base di discussione per il ricompattarsi del centro sinistra dopo le primarie del Partito Democratico (tutti tranne uno, il PdCI), ma con dei punti che stanno particolarmente a cuore a chi, da sempre, si impegna per una tradizione di governo laica e concretamente riformista: così, con le proprie peculiarità e con i propri candidati, si presenta agli operatori dell'informazione, perché se ne facciano mediatori con la città, la lista "Sinistra e Libertà" a sostegno di Loriana Stella Sindaco di Orvieto. Un cartello elettorale formato da partiti e movimenti che si sono messi insieme, non solo a Orvieto ma a livello nazionale, in vista delle elezioni 2009 (amministrative, provinciali, europee), ma che intende continuare a verificare, dopo la competizione elettorale, se esistono le condizioni per una nuova unità della sinistra riformista, ritenuta estremamente necessaria di fronte allo sbriciolamento a sinistra che si è determinato con i risultati delle ultime elezioni politiche.

Lo hanno spiegato, insieme ad altre questioni di carattere più prettamente locale, i rappresentanti di Sinistra e Libertà a Orvieto: Evasio Gialletti per il Partito Socialista, Andrea Mari per Sinistra Democratica, entrambi in lista per la carica di consigliere comunale, e Giampaolo Antoniella del Movimento per la Sinistra, candidato alle elezioni provinciali. Una lista, quella di Sinistra e Libertà alle comunali di Orvieto, che ha messo insieme nomi storici e collaudati della politica locale - come Franco Barbabella, Evasio Gialletti, Nazzareno Desideri - ad altri, la maggior parte, freschi e nuovi: dallo stesso Andrea Mari (secondo dei non eletti alle passate amministrative) a Rossella Fiumi, Valentina Settimi, Tiziano Rosati, così da far apparire piuttosto sterili le molte polemiche di questi giorni sul "vecchio" e "nuovo" di fronte alla vasta gamma di candidati, vecchi e nuovi in questa come in altre liste, tra cui gli elettori avranno la possibilità di scegliere.

Il valore dell'esperienza è stato messo in evidenza sia da Evasio Gialletti che da Antoniella, che hanno sottolineato come la formazione di una nuova classe dirigente sia necessaria e importante, senza tuttavia azzerare l'esperienza e il ruolo di chi ha il compito di passare il testimone. Lo stesso impegno, quello della formazione e dell'avvicendamento di una nuova classe poltica, è stato assunto da Andrea Mari, che ha sottolineato di intenderlo non solo in senso anagrafico, ma come rinnovamento di metodo: "Governare Orvieto - ha spiegato - non all'insegna degli equilibri tattici, ma del buonsenso e delle ragioni della convivenza sociale. Lavoro, sociale, sanità, sviluppo e rilancio della ex Piave sono le priorità, perché la città possa riattrarre le competenze costrette a spendersi fuori".

Sia Gialletti che Antoniella hanno poi sottolineato le ragioni e l'importanza dell'unità della coalizione di centro sinistra, criticando la scelta dei Comunisti Italiani a correre da soli, ritenuta incomprensibile specialmente considerando che risulta unica in Umbria e che, nel cartello elettorale, nei nostri stessi collegi PdCI e Rifondazione concorrono insieme alle provinciali. "Anche noi socialisti avremmo potuto correre da soli - ha affermato tra l'altro Gialletti - ma abbiamo preferito sacrificare gli egoismi personali e di partito privilegiando l'unità e il bene della città. Ribadisco che non vogliamo posti, ma solo presenza politica. L'onestà di questo progetto è testimoniata dal fatto che, nel processo di unità, abbiamo perso anche qualche pezzo di fronte alla discussione sulle poltrone o sulle epurazioni" (chiara allusione sia alla decisione di corsa autonoma del PdCI che al distacco di Fabrizio Cortoni di fronte all'ipotesi di alcune candidature del vecchio establishment comunale). E nel nome dell'unità e della pari dignità, alla candidata Sindaco Loriana Stella è stato chiesto - come ha evidenziato Antoniella, probabilmente memore delle travagliate vicende di Rifondazione nella scorsa consiliatura - che cemento dell'alleanza siano sempre gli obiettivi stabiliti nella comune concertazione e il programma, e che ogni scelta sia costantemente diffusa e condivisa tra tutte le componenti politiche.

Così, con il centro sinistra più o meno ricomposto, si entra nel pieno del confronto elettorale dove, come è piuttosto ovvio, l'interesse e la passione di elettori e candidati si concentrano in particolare sulle amministrative piuttosto che sulle provinciali e sulle europee. Ma qualche spunto di riflessione sul quadro locale, a dire il vero, lo meriterebbero anche le provinciali, dove può risultare appassionante soprattutto quanto potrà accadere nel collegio Orvieto 2, dove per il centro sinistra si fronteggeranno, tra gli altri, Stefano Mocio per il PD e, per Sinistra e Libertà, Franco Raimondo Barbabella. Dato come "collegio sicuro" per il rientro nell'asset politico del PD di Stefano Mocio e del suo gruppo, considerando che, come hanno dimostrato le primarie, nulla è più sicuro con un quadro ormai estremamente trasversale e mobile degli elettori, la candidatura di Barbabella appare quest'anno più che mai forte. C'è da giurare, infatti, che anche in questo caso la trasversalità potrebbe sconvolgere i piani e portare a risultati inattesi. Se infatti Mocio appare in grado di raccogliere i voti di simpatizzanti del PdCI non entusiasti della candidatura piuttosto debole di Ciro Zeno in quel collegio, Barbabella, dal canto suo, potrebbe attrarre quelli di molti elettori del PD scontenti del fatto, da loro stessi conclamato, che dopo la sconfitta delle primarie Stefano Mocio ha un po' gettato la spugna e non ha saputo fare il Sindaco della Città fino in fondo.

Pubblicato da lettore il 17 maggio 2009 alle ore 09:45
Non ho capito: con la frase "cos da far apparire piuttosto sterili le molte polemiche di questi giorni sul vecchio e nuovo", Barbabella e Gialletti ci invitano a non voltarli preferndo altri della loro stessa lista? Ma se sono cos generosi, come mai non si sono tirati indietro dall'inizio?
Pubblicato da Picchio il 17 maggio 2009 alle ore 10:07

Caro lettore o furbetto ??? bòòòòòòòò

Pubblicato da marco il 17 maggio 2009 alle ore 11:36
Era ora che presentavano qualcosa di Nuovo...ooooo...era ora! Gialletti, Antoniella, Barbabella ottime persone per una nuova politica Orvietana? Ma che se s ammattite tutte quante! Ma in pensione quando pensate di andarci? Date dimostrazione che a voi le poltrone non interessano e oggi stesso puntate il vs. ditino su quali saranno i giovani che occuperanno le poltroncine.
Pubblicato da laura ricci il 17 maggio 2009 alle ore 15:18
Consentitemi una riflessione sul giovanilismo a mio avviso ingenuo che vedo emergere, da tempo, da molti commenti, da destra come da sinistra. Non sono di prima giovent n Gialletti n Barbabella n Antoniella, n Olimpieri n Barberani n Zazzaretta n Pier Luigi Leoni. Ma come non si pu impedire a nessuno di esprimere la propria opinione e anche quando ne abbiamo una diversa quella altrui va rispettata, cos non si pu impedire alle forze politiche, nell'ambito di una contrattazione, di esprimere i candidati che ritengono pi opportuni. Elettori ed elettrici hanno un grande strumento a disposizione per orientare e determinare le scelte: il loro voto di preferenza. Che lo usino in piena libert, n dimentichino che segreto.

Detto ci, anche io ritengo che ci debba essere un generale ringiovanimento, ma che il rinnovamento debba passare, oltre che per l'et e la verginit politica, anche e soprattutto per le scelte operative, i modi, i metodi, i tempi, la trasparenza effettiva, l'innovazione competente e non solo dirompente, i linguaggi e quant'altro.

Credo per che sarebbe sbagliato immettere tutta linfa fresca e novella in un'amministrazione, a Orvieto come altrove. Amministrare tutt'altro che facile, bisogna conoscere meccanismi complessi, rapportarsi a dinamiche legislative, burocratiche e politiche numerose ed intricate, imparare a conoscerle e gestirle: non bastano pochi giorni, ci vuole tempo, e penso che qualche "vecchia volpe", nel senso buono del termine, possa aiutare i pi giovani, anche i pi capaci, a farsi un'esperienza.

Per entrare nel concreto, senza propaganda e in assoluta par condicio, ma semmai sbilanciandomi a destra, penso ad esempio che persone come Barbabella, che costituisce la memoria politica operativa degli ultimi decenni amministrativi della citt, o come Olimpieri, che conosce i meccanismi consiliari, o come Pier Luigi Leoni, che per tanti anni ha svolto non solo un ruolo politico, ma la preziosa professione di Segretario Comunale, potrebbero aiutare i pi giovani o i pi "nuovi", a destra come a sinistra, a comprendere certe dinamiche e a diventare a loro volta una buona classe dirigente.
In ogni caso, grazie a tutti/e dei vostri commenti.
Pubblicato da Erminio Ottone il 17 maggio 2009 alle ore 16:12
Condivido Gent.le Direttora,ma quando i "citati" si trasformeranno in docenti?
Sono anni che pontificano :"lasciate che i pargoli vengano...".
Ma le 24 ore sonio eguali per tutti e cosi i docenti saranno sempre piu' vecchi ed i discenti sempre meno giovani.
Mancano veramente i veri ed altruisti "peripatetici"!
O piu' prosaicamente non c'e' volonta' di lasciare,se non come frase ad effeto per carpire il voto dell' "ultimo" ingenuo .
Questa ,sara' la campagna elettorale del voto disgiunto,con troppe conosciute ombre a manovrare interessi politico-economici.
Orvieto,come Todi!

Pubblicato da king il 17 maggio 2009 alle ore 16:30
Come sempre Direttora precisa , puntuale ed esaustiva!!!!!!!!!!!
Buona campagna elettorale e buon voto a tutti!!!!!!!!!!!
Pubblicato da Chino di punta il 17 maggio 2009 alle ore 17:17

Cara Laura il tuo commento equilibrato e competente che possa riportare la verità in certi becere commenti , ho adirutttura in male fede. Si vuole dare una pedeta alla demograzie in questo paese, sotto la spinta del chiachiereccio, e demacogia, e quant'altro necessitti, predicando il nuovismo non di idee e del fare, ma quello anagrafico, e solo di alcuni Perchè???? Chi a questo interesse?? Cari scienziati della politica credo che sia molto facile indovinare, perche questo paese il film la visto già. Ma la gente credete che sia stupida, ha il cervello per pensare e giudicare, ceretmante non si farà influensare dalla stupidità di qualche predicatore. Ricordo sempre a questi signori che per le elzioni comunali non sono politiche per elegere il parlamento gli eletti vengono scelti dai partiti e no da chi va votare. Alle elezioni con ben sapete Ogni Lista ha venti canditati e si esprime una solo preferenza E SI DEVE Scrivere il cognome e nome. lA LISTA DI SINISTRA E LIBERTA' PER ORVIETO 90% sono canditati per la prima volta. Dunque più democrazia di così,cosa volete che i consiglieri le scelga ? il PODESTA', IL MARCHESE, IL RE, Il detto chi predica bene è sicuramente chi razzola male. E' sempre valido, uppure togliti , che lo prendo io. SALUTI

Pubblicato da lapo il 18 maggio 2009 alle ore 09:40
...e va bene che non bisogna stare troppo attenti alla forma, alla sintassi ed alla grammatica, ma a tutto c' un limite!

il mitico Tot, dopo aver letto "Chino di punta" avrebbe esclamato: "ogni limite ha la sua pazienza!"

prima di scrivere un commento (che, si presume, verr letto da centinaia di persone), bisogna avere la decenza di verificare se si in grado di scrivere non dico bene, ma almeno benino, in italiano

se la verifica dovesse dare esito negativo, meglio astenersi, credetemi!
Pubblicato da non possibile! il 18 maggio 2009 alle ore 13:14
cari concittadini ,vedete in che mani siamo,o meglio dire in che mani vi mettete, chino di punta (inconfondibile nel suo stile) orvietano, uno dei piu votati,e anche uno dei pi potenti.
capite come stiamo messi?
Pubblicato da Marchese del Grillo il 18 maggio 2009 alle ore 17:12
Ao, ma Chino de Punta mica sara' .... ? Na vorta a Roma se diceva "e parla come magni!!". Me sa che li l'omini piu' moderni de noantri hanno allargato er concetto.... "e scrivi come magni!!". Me vie' da pensa' che sti omini moderni magnano 'n gran male..... a giudica' da quello che ce tocca legge.....
Pubblicato da Ee Fiio der Grillo il 18 maggio 2009 alle ore 22:28

Marchè come sei dotto....................

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 maggio

La scultura "50 sfumature di me. Donna" si aggiudica il concorso "D.O.N.N.A."

Orvieto, Montefiascone e Pitigliano ancora uniti sotto il segno di "Volcanic Wines"

Calato il sipario sui festeggiamenti di San Venanzio Martire

Azzurra Ceprini Orvieto. Francesco Tringali, assistente allenatore della A1 e della U18 e coordinatore del settore giovanile

In tanti per ammirare l'infiorata artistica in onore della Madonna Ss. del Poggio

Ceramiche e fiori al Pozzo della Cava, arriva "Oltre la finestra"

L'Unione Orvietana Rugby alla Cittadella del Rubgy di Parma

"Un fiore per la città" mette radici nella Chiesa di San Giuseppe Patrono

Fiamme in via Garibaldi, fatti evacuare gli ospiti di un B&B

Orvieto Basket vs Foligno, tutto pronto per la finalissima

Susanna Tamaro incontra e incanta la scuola primaria di Sferracavallo

Nicoletta Campanella presenta "Le più belle del reame" dedicato alle Rose Banksiae

La disciplina delle circolazione stradale. Ecco cosa cambia

Polizia in campo per il contrasto all'immigrazione clandestina

L'Oasi WWF Lago di Alviano partecipa alla 25esima edizione di "Giornata delle Oasi"

Festival al Museo delle Terrecotte, un successo di "Parole & Note"

Caccia. La giunta regionale approva il calendario venatorio 2015-2016

Pd: "Sì al campo polivalente, no alla devastazione dei giardini pubblici"

Versamento acconto Imu e Tasi 2015. Va effettuato entro il 16 giugno

Casaperazza in festa per Santa Rita da Cascia

Gli studenti dell'Università della Tuscia restaurano il busto di Innocenzo X e lo Stemma in Travertino di Gregorio XIII

"Ri-governare Orvieto" con Laura Ricci Sindaca: Politiche giovanili, Scuola, Formazione, Sport

"Ri-governare Orvieto" con Laura Ricci Sindaca: Sociale, Sanità, Diritto alla Salute

Ad Allerona: "I fiori nel piatto - Le erbe spontanee mangerecce, come riconoscerle, apprezzarle .. e mangiarli"

Verso la gestione integrata dei rifiuti nel comprensorio orvietano

A Orvieto l'open day dei servizi educativi per la prima infanzia

In manette gli "amanti della truffa", rubavano soldi agli anziani con travestimenti e storie strappalacrime

"Ri-governare Orvieto" incontra i commercianti e i gestori di locali del centro storico

Tentarono di svaligiare la gioielleria di Baschi, si costituisce il rapinatore

Giovedi, in Piazza della Repubblica la chiusura della campagna elettorale di Giuseppe Germani

Il mistero dei Templari nell'opera "orvietana" di Simone Martini

Con "Anime Parallele" Orvieto riscopre la Necropoli etrusca di Crocefisso del Tufo

[VIDEO] Presentazione di "Anime Parallele"

"Le Meraviglie" al cinema, il film di Alice Rohrwacher oggi nelle sale italiane

Da Castel Giorgio a Cannes un vortice di emozioni e attese

Dedicata a Luigi Mancinelli e Orvieto la puntata di "Note di Bianca" in onda su Sky Classica Hd (29 Maggio)

La Compagnia Mastro Titta porta in scena al Mancinelli "Flashdance"

Terzo e conclusivo precetto etico. Per non ulteriormente oltraggiare l'arte della politica

Andrea Ricci, sindaco uscente di Montegabbione, scrive ai cittadini a conclusione del suo mandato amministrativo

"Matriarché. Il principio materno per una società egualitaria e solidale"

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni