politica

Sì a scelte concordate, no a scelte preconfezionate. A castel Giorgio Sinistra e Socialisti reclamano il confronto con il PD

giovedì 12 febbraio 2009

Si sono incontrate lo scorso martedì a castel Giorgio, in vista delle prossime elezioni amministrative, le delegazioni dello SDI e della Sinistra locali. Temi all'ordine del giorno, Intese e alleanze elettorali, linee programmatiche, orientamenti generali.

Sul primo punto, le due delegazioni hanno ribadito, che, pur privilegiando il dialogo con i partiti di centro-sinistra, sono disposti ad accettare e riconoscere, come scelte anche proprie, solo quelle concordate e condivise, non quelle preconfezionate e unilaterali.

Sul secondo punto, per il momento, hanno ritenuto opportuno porre l'accento, più che sui contenuti specifici, che pure devono essere discussi e puntualizzati, su una questione di metodo di fondamentale importanza: ovvero la gestione della cosa pubblica deve essere sempre collegiale e aperta a ogni possibile contributo, e perchè sia così è indispensabile saper ascoltare , saper confrontarsi, saper lavorare insieme agli altri, evitando protagonismi e personalismi che , all'interno di ogni organismo, creano solo tensioni e rapporti conflittuali.

Sul terzo punto, le delegazioni si sono trovate d'accordo nel rilevare che ogni discussione politica, orientata a costruire una larga coalizione, deve avvenire, perchè ci sia condivisione , su un piano di pari dignità fra le varie forze politiche, evitando indebite forzature che non aiutano a risolvere alcun problema.

"Il diritto-dovere di fare politica del resto, in un paese democratico - ribadiscono in una nota stampa le due forze politiche - non è ne può essere un'esclusiva prerogativa dei partiti maggiori, ma anche di quelle forze e organizzazioni che nella politica hanno sempre creduto e credono".

Al di là delle parole ufficiali, misurate ma eloquenti, si avverte chiaramente lo scontento per come è stato condotto, o meglio "non condotto" il confronto con il complesso del centro sinistra dall'attuale amministrazione. E come non piaccia la scelta che una parte del PD di Castel Giorgio si sta adoperando per imporre, quella della riconferma dell'attuale sindaco, Luigi Peparello. Anche a Castel Giorgio, infatti, esattamente come a Orvieto, il Pd appare diviso, tra chi appoggia Peparello e chi, compresi i potenziali alleati di centro sinistra, appoggerebbe molto più volentieri l'attuale vice sindaco, Sandro Focarelli.

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 febbraio

Viola le misure di prevenzione, nei guai un 48enne

Al via le iscrizioni per i nuovi primi livelli Ais

Incontro su "Territorio e sviluppo con i bandi comuni. Immigrazione e sicurezza"

Passeggiata ecologica a risparmio energetico per "M'illumino di meno"

La Zambelli Orvieto si gode il momento, parola di Jasmine Rossini

Paletti, budini e borberi anti-estetici, il Circolo Sel "perplesso e deluso"

A Palazzo Orsini, le "Frequenze" di Stefano Cianti & Tony Ranocchia

I tassisti rilanciano con il Comune: "Ora il servizio di radio-chiamata”

Barberini rassegna le dimissioni. "E' venuto meno il rapporto fiduciario"

A colloquio con Maurizio Galimberti, dalle più grandi gallerie d'arte a "Mutamenti 2016"

Entra in vigore a marzo la nuova disciplina di turnazione dei Taxi

"Nessuno tocchi i lupi". Più di 3500 firme per la petizione per salvare lupi e cani randagi

Marini dispiaciuta ma intenzionata a fare chiarezza

Flamini (Prc): "Si dimetta anche la Marini, elezioni subito"

Differenziata vicino al 65% per i Comuni dove Cosp ha avviato il porta a porta

In corso all'Ambasciata d'Italia a Praga il confronto con i tour operator cechi

Continuano le aggressioni dei lupi. Per la Cia è allarme rosso in tutta la regione

Sel: "Non ci interessano i giochi di potere dentro il Pd, ma il diritto alla salute"

Prorogato il termine per le domande di iscrizione all'Elenco regionale delle imprese

Il giorno della civetta

Kino-Workshop, al Centro Viva si proietta "Film Blu"

Ciprini (M5S): "Priorità ai cittadini e non alla spartizione delle poltrone"

La Terra del Sorriso, una "Comunità Ospitale" ai limiti del Comune...

Non paghiamo le tasse al nero