politica

Comunità Montana: aggiornato a venerdì l'incontro con Riommi. Intanto arrivano le reazioni politiche: durissimi i socialisti di San Venanzo

giovedì 12 febbraio 2009

E' stato interlocutorio e di riflessione l'incontro odierno tra l'assessore regionale Riommi e i quattro sindaci della soluzione istituzionale determinatasi, per la seconda volta, nel concitato e inconcludente consiglio che avrebbe dovuto eleggere gli organismi politici dell'ente. Riommi e i Sindaci Mocio (Orvieto), Bigaroni (Narni), Sensini (Amelia) e Ruggiano (Todi), hanno concordato che sono solo due le strade che si possono percorrere: o andare avanti con la soluzione istituzionale, che nella nuova legge delle CM è equivalente al commissariamento, o ritentare la soluzione politica, dandosi qualche giorno di tempo perché praticamente manca, a questo punto, il segretario provinciale del PD, per le dimissioni di Di Girolamo impegnato nelle primarie a Terni previste per questa sera. La riunione è stata dunque aggiornata a venerdì.

Intanto, sull'intricato pateracchio, arrivano le prime reazioni politiche. Una nota stampa della Sinistra dell'Orvietano chiama le forze politiche del centro sinistra della Provincia di Terni e del Tuderte a far prevalere il senso di responsabilità a vantaggio della tutela dei lavoratori della Comunità Montana, piuttosto che la pretesa di "strapuntini o postazioni di visibilità politica in Giunta". Visibilità che peraltro rivendicano, invece, i Socialisti di San Venanzo.

Questi ultimi, con un duro comunicato, non solo rivendicano una presenza sanvenanzese in Giunta, e precisamente nella vice presidenza, in virtù degli 8 mila ettari di territorio ricompresi nella CM, ma accusano palesemente il ramo ternano e orvietano del partito, con in testa il segretario provinciale Piacenti e il Vice Segretario Gialletti, di aver totalmente estromesso, con accordi sottobanco, San Venanzo e l'alto orvietano da qualsiasi rappresentanza politica e istituzionale nella nuova Comunità Montana.

"Il consiglio del 10 - afferma tra l'altro la sezione PS di San Venanzo - che non è saltato a causa dei socialisti ma per il caos generale avrebbe dovuto portare secondo questi scienziati della politica ad un Presidente della Comunità Montana del PD (Il sindaco di Orvieto) e ad un Vice presidente sempre del PD (il sindaco di Narni). I socialisti con 20 consiglieri nel nuovo consiglio della comunità montana sono decisamente il secondo partito (dopo i 36 del PD), secondo ogni logica politica avrebbero avuto il diritto ad avere la vice presidenza senza stare a discutere nemmeno. Senonché l'arroganza del PD che avrebbe voluto presidenza e vicepresidenza ed il servilismo della nostra segreteria che aveva ceduto tutte le posizioni del nostro partito, per di più togliendo qualsiasi rappresentanza a San Venanzo e dell'alto orvietano, hanno provocato questo disastro politico."

Riportiamo nelle correlate i comunicati integrali del PS di San Venanzo e della Sinistra dell'Orvietano.

Sulla questione della Comunità Montana prevalgano gli interessi dei lavoratori

Accordi sottobanco. Dopo 33 anni San Venanzo non ha più una rappresentanza nella Comunità Montana

Commenta su Facebook