politica

Accordi sottobanco. Dopo 33 anni San Venanzo non ha più una rappresentanza nella Comunità Montana

giovedì 12 febbraio 2009
di Sezione PS San Venanzo

Martedì 10 febbraio si è svolto ad Orvieto il secondo consiglio della nuova Comunità Montana dell'Orvietano, Tuderte, Narnese, Amerino, consiglio che avrebbe dovuto portare all'elezione della Giunta e del suo Presidente; consiglio che si è chiuso con un penoso niente di fatto e che fa ora seriamente rischiare all'ente il commissariamento.
Ricordiamo brevemente che dal 1976 San Venanzo è stato sede legale e politico-istituzionale della Comunità Montana Monte Peglia e Selva di Meana, comprendendo 15 comuni e oltre 100 dipendenti. Questa importante istituzione per il nostro territorio e per il nostro comune è stata duramente messa alla prova da una scellerata riforma endoregionale che ha stravolto l'assetto delle comunità montane coinvolte nel nostro territorio addirittura raddoppiando il numero dei comuni e creando organi come il consiglio con 90 membri. Organi di tal genere, per la mole che hanno (a chi capisce un po' di politica appare chiaro) sono creati per fare tante chiacchiere ma sono incapaci di decidere e la dimostrazione si è avuta già.

Fortemente critici siamo verso il PD che ha voluto e concepito questa riforma con la scusa del risparmio e l'ha voluta attuare in modo così veloce a fine legislatura senza capire quale scompiglio avrebbe portato all'interno dei comuni coinvolti. Oltre a ciò la critica diretta va anche all'assessore Riommi che nel Luglio 2008 venne a San Venanzo assicurando che l'assetto politico istituzionale dell'ente non sarebbe poi più di tanto mutato e dando rassicurazioni per il territorio, cosa che al momento non è assolutamente accaduta.
La nostra ferma critica quindi va da un lato alla gestione dell'intera riforma e dall'altro lato all'incapacità e al servilismo della classe dirigente sia del PD che del nostro partito della Provincia di Terni e nello specifico al segretario provinciale Piacenti e al Vice Segretario Gialletti, i quali con accordi sottobanco avevano totalmente estromesso San Venanzo e l'alto orvietano da qualsiasi rappresentanza politica e istituzionale nella nuova Comunità Montana.
Il consiglio del 10 che non è saltato a causa dei socialisti ma per il caos generale avrebbe dovuto portare secondo questi scienziati della politica ad un Presidente della Comunità Montana del PD (Il sindaco di Orvieto) e ad un Vice presidente sempre del PD (il sindaco di Narni). I socialisti con 20 consiglieri nel nuovo consiglio della comunità montana sono decisamente il secondo partito (dopo i 36 del PD), secondo ogni logica politica avrebbero avuto il diritto ad avere la vice presidenza senza stare a discutere nemmeno. Senonché l'arroganza del PD che avrebbe voluto presidenza e vicepresidenza ed il servilismo della nostra segreteria che aveva ceduto tutte le posizioni del nostro partito, per di più togliendo qualsiasi rappresentanza a San Venanzo e dell'alto orvietano hanno provocato questo disastro politico, ma la cosa più grave è quella che segue.

San Venanzo da sede legale con Presidente e Vice Presidente nell'ultima gestione (che per inciso ha chiuso con bilanci decisamente in attivo e quindi è stata un buona gestione) non avrebbe avuto neanche un membro in giunta perchè il presunto assessore socialista sarebbe toccato a Porano (che praticamente è come dire Orvieto) così si avrebbe avuto un presidente del PD di Orvieto un assessore Socialista di Orvieto, un Vice Presidente del PD (che continua a fare l'asso piglia tutto) di Narni e San Venanzo e l'alto orvietano completamente fuori dai giochi.
Ora la battaglia non è economica per coloro che vanno in giunta perché tutti sappiamo che non vengono percepite indennità per le cariche in questione ma è puramente politica per San Venanzo e per il suo territorio che copre circa 8 mila ettari di demanio regionale sulla comunità montana in questione e che necessita per una sana e corretta gestione del proprio territorio, vasto ed importante, di una rappresentanza reale nella giunta dell'ente e, come socialisti, rivendichiamo come seconda forza la Vice Presidenza.
Ma insomma non dovremmo essere noi con articoli di giornale a far valere diritti che stanno nei numeri e nel naturale stato di fatto delle cose, dovrebbero essere le classi dirigenti del partito a tutelare territori e posizioni politiche, ma evidentemente gli attuali membri della segreteria provinciale hanno altre posizioni (forse personali) da contrattare piuttosto che salvaguardare un territorio e il proprio partito.

I dubbi sulla gestione dell'attuale classe dirigente ternana del Partito socialista vengono anche sulla questione importante della provincia di Terni e sul Sindaco di Terni. Insomma perderemo il presidente della provincia Socialista, si vocifera sempre con più realismo che l'intero centro sinistra perderà il Comune di Terni; insomma noi socialisti continuiamo a perdere posizioni politiche e allo stesso tempo continuiamo a non avere una solida strategia politica per qualche posticino personale che indebolisce e di certo non tutela il partito nel suo complesso?
Ci auguriamo che almeno si provi a chiedere qualcosa sulla provincia di Perugia per noi poveri socialisti.

Ma tornando alle questioni di casa nostra, riteniamo che tutto il partito socialista del ternano sia estremamente indebolito da questi accordi sottobanco, che neanche riescono, e che in particolare il partito di San Venanzo che ricordiamo, se anche in termini assoluti essendo un piccolo comune non può decidere le sorti del partito a livello provinciale, ha però percentuali che gli scienziati della politica attuali dirigenti vedono con il cannocchiale nei rispettivi territori. Noi quindi delle loro strategie non abbiamo bisogno, raccogliamo consensi con onestà e capacità amministrativa e affrontiamo le sfide a viso aperto e con dignità, sempre mettendo davanti il bene del territorio e dei nostri cittadini.

In conclusione però il dispiacere più grande è per San Venanzo, il suo territorio e la sua comunità montana dalla quale vorrebbero estrometterci, ma noi continueremo a lottare affinché la rappresentanza politica dei Socialisti di San Venanzo venga mantenuta all'interno della nuova Comunità Montana se riusciremo ad evitare il commissariamento.
E ai dirigenti e amministratori del PD regionale diciamo di smettere di fare riforme scellerate attuate senza i dovuti passaggi e con una totale assenza di tempismo e concertazione. E ai dirigenti provinciali del nostro partito diciamo: "non state azzeccandone una, non vi viene voglia di prendervi un lungo periodo di ferie dalla politica?".


Questa notizia è correlata a:

Comunità Montana: aggiornato a venerdì l'incontro con Riommi. Intanto arrivano le reazioni politiche: durissimi i socialisti di San Venanzo

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 aprile

"Kaki Tree Project". Semi di pace per l'inaugurazione del Giardino delle Farfalle

"Orvieto a tutta Birra". Per tre giorni, la birra artigianale fa festa in Piazza del Popolo

Assemblea pubblica su "La chiusura dell'Ospedale e del Pronto Soccorso di Città della Pieve"

Zambelli Orvieto riapre le porte del PalaPapini per ospitare l'ostica Firenze

Olimpieri (IeT): "Un altro colpo alle attività produttive, bravo Germani"

In più di 150 per la "Festa del Ruzzolone". Il sindaco Terzino: "Orgoglioso di questo gruppo"

Laura Palmese (Orvieto Fc) verso il Torneo delle Regioni con la rappresentativa umbra femminile di Mister Pierini

Liberazione, la Consulta dei Giovani di San Venanzo incontra le scuole

L'assessore Gnagnarini replica a Olimpieri: "Le tasse e i ciarlatani"

Per "Amateatro", la Compagnia del Cantico porta al Boni "Cani e Gatti"

Approvato il calendario scolastico 2017-2018. La campanella suonerà il 13 settembre

Francesco Barberini vola a Napoli con il WWF e trova anche i dinosauri

Dal CIPE le risorse per i lavori al cimitero di Casemasce

Nell'anniversario della morte di Eleonora Duse

Si riunisce la Consulta del Lago di Bolsena. "Una risorsa da tutelare"

Al via la mostra-mercato delle eccellenze agroalimentari in centro storico

Seminario CIA sul registro telematico vitivinicolo. L'Umbria ha aumentato l'export di vino dell'11,35%

Valerio Natili eletto segretario generale regionale Fisascat Cisl e Fist Cisl Umbria

"Antitodi e tecniche contro l'antipatia digitale". Seminario al Palazzo dei Sette

"Sono i cittadini i primi a subire le conseguenze di una disorganizzazione organizzata"

Il Ministero dell'Interno conferma i presidi di Polfer e Polstrada

Al via la XXII edizione de "Il Libro Parlante". Gli appuntamenti di primavera

A maggio, Fiaccola Olimpica in Piazza Duomo. In Comune, la premiazione di "Ragazzi in gamba"

Nel 72esimo Anniversario della Liberazione, "Orvieto Cammina" per la libertà

Tre giorni di festeggiamenti a Baschi in onore di San Longino

Davide vs Golia, punto di vista sulle Primarie Pd

Accordo di collaborazione tra la Chinese Academy of Sciences e l'Università della Tuscia

Domenica su due ruote con il Vespa Club, arriva "Orvieto in sella"

Gianni Minà dialoga con Stefano Corradino: "Documento da cronista, vivo da protagonista"

Storia e cronaca della Resistenza italiana ed europea, arriva la mostra dell'Anpi

Scuola Keikenkai: sei campioni Italiani e cinque in attesa della maglia azzurra

Inaugurato il primo "Unitre Smile" realizzato dalla Bottega Michelangeli

Soddisfazioni in casa Radio Frequency Expert. Suo, il lotto Centro Nord

Ferma lo scuolabus e mette in salvo una bambina, poi muore

Sindaci protagonisti del cambiamento

Lo scandalo di potenza sui conflitti di interesse al mise si allarga alla geotermia

Gianluca Foresi modera il Meeting Nazionale delle Fondazioni a Gravina di Puglia

Test di successo il primo "Wine Show Orvieto, gemellato con il 50esimo della Castellana

Scampagnata del 1° Maggio nel Convento dei Cappuccini con Letteralbar

Senso unico alternato e chiusure sulla provinciale 46 di Tordimonte

Il Comune aprirà la sfilata in Vaticano per la 32esima edizione di "Viva la Befana"

In mostra le opere di Francesco Catteruccia. Proseguono i festeggiamenti per la S.Croce

Il Comune condannato dal giudice del lavoro. "Denaro pubblco speso male"

Superare ansia e timidezza

L'Ipsia di Orvieto in visita al Centro di Formazione Enel di Terni

Robert Glasper Experiment una Liberazione R&B al Museo del Vino

Marco Iacampo live al "Valvola". Presenta l'album "Flores"

Il Duomo non è un museo

In mostra le opere di Marco Gizzi. Al Palazzo dei Sette, cavalieri e templari

Passaggio del testimone per la Staffetta del Cuore a favore di Marco Simoncelli

Il PCdI esprime soddisfazione sull'incontro con don Maurizio Patriciello

"100 fiori contro la geotermia". Giornata di mobilitazione interregionale

Auguri a Rita Levi Montalcini. Per i suoi 101 anni diretta da Bologna a rete unificata. Dalle 21 di giovedì 22 aprile 2010 segui l'evento su Orvieto.TV

Gala Five: salvezza raggiunta!

Un aiuto per Haiti. "Hachiko" al Cinema Corso con il Volontariato di S. Vicenzo

Villalalago e Villa Paolina di Porano nella “Rete regionale di Ville, Parchi e Giardini”

Verso la quadratura del Bilancio? Sembrerebbe portare ossigeno il rinnovo della convenzione tra Comune e ATC

Dalla Provincia in arrivo 80.000 euro per la SP "del Piano" a Orvieto

Chiusa la stagione teatrale con Arnoldo Foà, al Mancinelli arriva a sorpresa Enrico Brignano

Scuola di Musica. Oltre 2000 firme a sostegno dell'Istituzione. A fianco degli insegnanti anche i Sindacati

Lettera aperta del Comitato antirumore. Improponibile la bozza di regolamento. Ecco le nostre proposte

L'Intercom dell'Orvietano conferma l'efficacia e l'efficienza della funzione associata di Protezione Civile su base comprensoriale

Eurotrafo. Preoccupazioni dell'UGL per la delocalizzazione. L'azienda: è grazie alle commesse da Cina e India che stiamo salvaguardando la produzione a Fabro

Precisazioni di Confcommercio sulla riunione per il QSV: "Non abbiamo cacciato nessuno, è la legge regionale che detta gli interlocutori della concertazione avanzata"

Commissariare il Comune? Forse prima si dovrebbe commissariare il Pd...

Si getta dalla Torre dell'Albornoz. Muore giovane uomo di Porano

Condanna mite per Oriano Ricci. Domani subentrerà in Consiglio Comunale a Maria Antonella Annulli