politica

Migliaia di persone alla manifestazione di Assisi. Le tre cose da fare ora secondo la Tavola della pace

domenica 18 gennaio 2009
di Flavio Lotti, dal sito www.perlapace.it
Tra voci di tregua, promesse di tregua, annunci di tregua, la feroce guerra di Gaza continua. Ieri Israele annuncia il cessate il fuoco unilaterale, ma in realtà è solo una disponibilità condizionata. Vuole mantenere il suo esercito a Gaza fino a quando Hamas non si arrenderà. Potrebbe essere solo l’inizio di una nuova lunga occupazione di Gaza. Intanto la macchina da guerra israeliana continua a sparare, ammazzare, terrorizzare e devastare. Nessuno potrà sapere cosa sta realmente accadendo per le strade di Gaza perché Israele impedisce ancora alla stampa internazionale di entrare nella Striscia. L’Italia, l’Europa, l’Onu e i responsabili della politica internazionale hanno il dovere di andare a vedere cosa significa realmente, sul terreno, questo “cessate il fuoco unilaterale” e intensificare la pressione diplomatica su tutte le parti per mettere definitivamente fine ai combattimenti e all’assedio di Gaza. Dopo verrà tutto il resto. Ieri, parlando da Nuoro, mentre si preoccupava di sostenere il suo candidato in Sardegna, il nostro Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha ufficialmente dichiarato la sua irresponsabile complicità. "Ho letto critiche sul nostro comportamento che invece è stato il piu' concreto e pragmatico possibile. Sapevamo - spiega Berlusconi - che Israele non si sarebbe fermato, lo sapevamo in maniera chiara e quindi non ci siamo messi dentro iniziative inutili destinate a non avere fondamento". In altre parole: Non ho voluto fare nulla per impedire questa strage perché Israele non ci avrebbe ascoltato.” Sapeva e ha lasciato fare. Una colpa che nessuna legge potrà prescrivere. Intanto ieri, ad Assisi, migliaia di persone hanno partecipato ad una grande manifestazione per la pace in Medio Oriente con l’adesione di oltre 1200 associazioni e organizzazioni di ogni orientamento culturale, politico e religioso, Comuni, Province, Regioni e forze politiche. E’ stata una giornata molto costruttiva. Abbiamo ascoltato molte voci da Gaza, Sderot, Gerusalemme, voci di palestinesi e di israeliani, di cristiani, mussulmani ed ebrei, voci di associazioni, sindacati, enti locali, esponenti politici. Abbiamo ascoltato, riflettuto e avanzato numerose idee e proposte. Ecco tre cose importanti da fare insieme. 1. Costituiamo in ogni città un comitato per la pace in Medio Oriente dove enti locali e associazioni che condividono l’Appello di Assisi “Dobbiamo fare la nostra scelta” possano lavorare assieme per coinvolgere e sensibilizzare la popolazione, promuovere una politica e un’informazione di pace e praticare una solidarietà fattiva. 2. Diamo un futuro ai bambini di Gaza. Partecipiamo tutti alla campagna di solidarietà con i bambini palestinesi di Gaza. L’obiettivo è raccogliere i fondi necessari per realizzare insieme quanto sarà possibile per alleviare immediatamente le loro sofferenze, per curare i feriti, per aiutarli a superare il trauma terribile che stanno vivendo e a ritornare a sognare un futuro migliore. I bambini e le bambine di Gaza sono più di 700mila. Più della metà degli abitanti di quella misera striscia di terra. La campagna è promossa dalla Tavola della pace e dal Coordinamento Nazionale Enti Locali per la pace e i diritti umani. Invia subito il tuo contributo sul C/C POSTALE N. 19583442 intestato all’Agenzia della Pace specificando “Bambini di Gaza” oppure con bonifico sul C/C BANCARIO N. 107073 della Banca Popolare Etica, Sede di Padova, ABI 05018 - CAB 12100 - CIN X - CODICE IBAN: IT90 X050 1812 1000 0000 0107 073. 3. Prepariamoci per andare tutti insieme a Gerusalemme, in Israele e nei Territori Palestinesi Occupati. Andiamo incontro alle vittime di questa tragedia senza fine, ai due popoli. Andiamo di persona per conoscere e per capire. Andiamo per esprimere la nostra solidarietà e la nostra vicinanza. Andiamo per fare quello che vogliamo facciano l’Italia, l’Europa e l’Onu: impegnarsi seriamente per mettere definitivamente fine a questa sanguinosa follia. Flavio Lotti, Coordinatore nazionale della Tavola della pace, dal sito www.perlapace.it La foto, riferita all'arrivo della manifestazione di ieri nella grande piazza della basilica di San Francesco, è presa dallo stesso sito internet.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 gennaio

Madame Bovary

Indagine della Procura, le puntualizzazioni di Enel

Giorno della Memoria, ricordare per prevenire. Iniziative della Cgil a Perugia e Terni

Conferenza su "Il mito di Giulia Farnese: amori, potere, storia…"

Robotica e agricoltura di precisione con il Progetto Pantheon

Orvieto FC, la prima squadre batte il GubbioBurano secondo in classifica

Per la Zambelli Orvieto è un momento magico, conquistata Montecchio Maggiore

Orvietana, sconfitta pesante contro il San Sisto

Finisce in carcere per una rapina in banca messa a segno due anni fa

Sicurezza, trecento controlli in due settimane sul territorio

Rti avanza richieste economiche al Comune, Tardani interroga il sindaco

Lia Tagliacozzo presenta il libro "La Shoah e il Giorno della Memoria"

L'Istituto per la Storia dell'Umbria Contemporanea per il Giorno della Memoria

In biblioteca lettura di "Sonderkommando Auschwitz" di Shlomo Venezia

Dal Castello Baronale alla Cappella Baglioni, fino al caffè a Villa Lais

Contro Azzurra Orvieto, Campobasso resiste ma non passa

Una brutta Vetrya Orvieto Basket lascia la vetta a Perugia

Violenza di genere, firmato il protocollo d'intesa per la realizzazione del sistema regionale di contrasto

"A spasso con ABC", giornata finale per i narratori del futuro

Sul palco del Rivellino, Anna Mazzamauro è "Nuda e Cruda"

Iniziative in tutta l'Umbria per San Francesco di Sales, patrono di giornalisti e comunicatori

"Col trattore in Complanare", in 140 a Ciconia per la benedizione dei mezzi agricoli

Il consiglio regionale FIE Umbria conferma alla presidenza Giulia Garofalo

Rumori di lavori in corso a Palazzo Monaldeschi, Olimpieri (IeT) interroga il Comune

Al Concordia, serata dedicata al teatro con "Il Canto del Gallo"

Comitato Scansano Sos Geotermia: "Il pericolo non va esportato in Maremma"