politica

L’accordo economico sulle tariffe “Carta Tuttotreno Umbria”non risolve il problema degli orari e della qualità del trasporto per i pendolari orvietani

martedì 13 gennaio 2009
di Giampaolo Antoniella, Assessore Provincia Terni
L’accordo economico con la Carta Tuttotreno Umbria è un fatto positivo perché permette di evitare lo scandalo del doppio abbonamento. Restano da verificare alcuni aspetti sull’applicazione dell’accordo che non sembrano, almeno per quanto riguarda Orvieto applicabili. Non possiamo tuttavia dirci soddisfatti, i problemi dei pendolari restano tutti drammaticamente sul tappeto. Orari, qualità dei treni, sicurezza, puntualità, sono peggiorati ulteriormente con l’entrata in vigore del nuovo orario ferroviario dello scorso dicembre. La rassicurazioni che l’A.D. Mauro Moretti aveva più volte dato alla Presidente della Giunta Regionale, alle varie Istituzioni ed ai Pendolari sono sciolte come neve al sole. Siamo addirittura al paradosso che l’interregionale 2305 da Orvieto delle 9,05 arriva o Roma Tiburtina alle ore 11, con una percorrenza simile alle vecchie diligenze. E che, a parte le battute, tutti i treni per e da Roma ormai viaggiano con ritardi strutturali quotidiani. Nulla è stato risolto per i pendolari per Firenze e la qualità del materiale rotabile ormai meriterebbe una verifica quotidiana da parte delle ASL e degli enti preposti alla sicurezza. Tutto questo avviene in un territorio, a differenza di quello perugino, ove la infrastruttura ferroviaria, la cosiddetta direttissima permetterebbe di viaggiare con tempi molto più brevi e con materiale più nuovo. Le strategie di Trenitalia impediscono questo percorso perché orientato su una alta velocità ad “alta esclusività sociale”. Le scelte di Trenitalia e del suo A.D. sembrano avvenire in totale autonomia, come se F.S. fosse un’ azienda privata che rischia capitali propri, sappiamo tutti che non è così, è il Ministero del Tesoro l’azionista unico di F.S., cioè tutti i cittadini che pagano le tasse, che fanno i biglietti e gli abbonamenti ferroviari. Allora perché Moretti può fare e disfare, mettendo in discussione quello che è un principio basilare del nostro Stato il diritto universale alla mobilità. L ‘A.D. delle Ferrovie va oltre, batte cassa come un gabelliere nei confronti dello Stato esclusivamente per il progetto della “metropolitana d’Italia” Freccia Rossa, Freccia d’Argento, sfarzose presentazioni, presenza nei Talk Show come una vera star. A chi gli domanda qualcosa sulle proteste dei pendolari, del peggioramento del servizio risponde che la colpa è delle Regioni e dello Stato che non danno sufficienti risorse per treni. Ma la politica quanto può accora accettare questo atteggiamento? O forse è complice anch’essa di questo strisciante ed inesorabile progetto di dismissione del trasporto pubblico? Si perché di questo si tratta. Può ogni giorno un lavoratore o una lavoratrice pendolare “regalare” il proprio tempo di vita ad F.S. in un anno si calcola che i ritardi accumulati sono pari a circa 15 giornate, 15 giornate sottratte ai propri affetti, ai propri interessi. Molti di quelli che negli anni 80 si trasferirono da Roma ad Orvieto per la celerità e i buoni collegamenti ferroviari stanno pensando al percorso inverso. Sempre più si creano le condizioni perché anche il Trasporto Pubblico venga “privatizzato” sono aumentati in questi anni i collegamenti su gomma, gli autobus sempre più sostituiscono in alcune zone i treni soppressi o cancellati, con tutto quello che ne consegue da un punto di vista della sicurezza e dell’ambiente. Allora se il problema è POLITICO , la politica deve rialzare la testa, la Provincia di Terni in questi anni è sempre stata al fianco dei pendolari e continuerà ad esserlo, nell’assemblea convocata per venerdì prossimo dal Comitato Pendolari Roma Firenze io ci sarò e proporrò che ad Orvieto si faccia una grande iniziativa di coordinamento con tutti i Comitati Pendolari del centro-nord, invitando Province Regioni Parlamentari a parteciparvi. Bisogna riscrivere il Piano Nazionale dei Trasporti, un piano che sappia coniugare alta velocità e pendolarismo, che riponga al centro la questione del trasporto su ferro. Obiettivo ambizioso? Ma questo è il compito di una classe dirigente che pensa alla politica come reale servizio al cittadino e non come compromesso sistematico. La gente non ne può più di sentirsi dire cose di “maniera” “vuoti discorsi”, vuole risposte e se non sarà la politica a darle,per il nostro Paese si aprirà un ancora più triste periodo.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 gennaio

Complanare, nuova fase di spinta oleodinamica del ponte in acciaio

"Le Grandi Firme della Tuscia". In distribuzione il terzo numero dell'aperiodico di Letteralbar

Azzurra Ceprini A1. Palla a due al PalaPorano con San Martino di Lupari

Montelone, la Provincia scioglie il silenzio. La prossima settimana, il bando per i lavori stradali

In manette 22enne, rubò chioccia con tutti i pulcini

Larocca interrompe lo sciopero: "L'amministrazione continuerà a vigilare"

Approvato l'odg per inserire il "reato di tortura" nell'ordinamento italiano. Il plauso di Amnesty International

Esce "Studi Interrotti", l'album d'esordio de "Gli Scontati". Il 28 gennaio al Valvola

Sfilata di maschere e carri allegorici per la "Festa di Carnevale" di Porano

Torna a luglio la seconda edizione del Premio Letterario "Città di Lugnano"

Tir si ribalta in Autostrada, code e disagi bloccano il traffico

Due ristoranti "nostrani" alla sfida Tv di Alessandro Borghese

Lasciavano le auto su "quattro ceppi" e scappavano, beccata la banda del cric

Regione contro l’inceneritore in Umbria, ma i comitati chiedono garanzie sulle discariche

Garbini lascia, si dimette il sindaco di Castel Giorgio

Bollo per i veicoli di interesse storico o collezionistico: dal primo gennaio riduzione del 10 per cento

Auto alluvionate, Sacripanti (FdI-An) sollecita un nuovo bando per il risarcimento dei danni

Consiglio regionale, respinta la mozione sul "sostegno alla famiglia naturale"

Punti nascita, la presidente Marini rassicura: “Non sono previste altre chiusure”

"Ravensbrück. Il lager delle donne", gli scatti di Ambra Laurenzi al Palazzo del Popolo per il Giorno della Memoria

A Città della Pieve nasce il liceo musicale. Open Day di presentazione

"Internet e le nuove generazioni: ripartiamo dalla famiglia". Incontro conclusivo per "Famiglie al centro"

Differenziata lumaca, ora la Regione corre ai ripari: obiettivo 60% entro l'anno

Piano comunale di classificazione acustica, nulla di fatto. In standby le controdeduzioni

Kino-Workshop al Centro Viva. A lezione di linguaggio cinematografico

Incontro informativo sull'iniziativa comunitaria "Garanzia Giovani"

Jasmine Rossini: "Per la Zambelli Orvieto il campionato è aperto"

Cardinali al Sindaco: "Sul parco del Paglia ci dica cosa bolle in pentola"

Sanità, la giunta regionale umbra sospende il ticket intramoenia

Folklore e tradizione si incontrano per la seconda "Giornata delle Pasquarelle"

Il vescovo presiede i funerali di don Adelmo Ciurletti

Sacripanti (FdI-An) propone l'istituzione di un forum civico in materia di assistenza socio-sanitaria

Dall'orto al piatto. Dalla collaborazione fra le scuole, un progetto sperimentale

La Regione investe quasi 3 milioni di euro per finanziare la competitività delle aziende vitivinicole

Centro Studi, via allo "Spring Semester" della Kansas State University e della University of Arizona

Orvieto tra le sezioni Cai che hanno collaborato alla rete sentieristica-escursionistica umbra

Furti e atti vandalici al Fanello. Tardani: "L'amministrazione si attivi per garantire la sicurezza ai cittadini"

Il Consiglio dei Ministri commissaria L'Umbria e decide per la chiusura anticipata della caccia

Ballo in maschera al Teatro Boni. Musica e divertimento, come in una favola

Luciani sollecita la riqualificazione di Piazza del Commercio: "Come si sta muovendo il Comune?"

Il Comune ricorrerà al Consiglio di Stato, Germani: "Il terzo calanco non si farà"

Lo Sportello del Consumatore chiude i battenti: riflessioni sulla conclusione di un'esperienza

Rometti: "Per la Regione su Orvieto non ci sono assolutamente esigenze di ampliamento della discarica al terzo calanco"

L'assessore Cecchini: "Si è fatta ricadere sulle Regioni l’incongruenza fra le norme nazionali ed europee"

Contratti di Fiume, Minervini chiarisce la posizione delle associazioni private: "Fuori dalla Cabina di Regia".

Galanello Pd: "No al terzo calanco, l'obiettivo dell'Umbria è la minimizzazione dello smaltimento in discarica"

Il Circolo Pd di Orvieto Scalo al lavoro per la riqualificazione del quartiere

Scopetti e Taddei Pd: "No categorico al terzo calanco, Comune e Regione non devono mollare"

Il teatro amatoriale colora Monteleone. La rassegna al Teatro dei Rustici compie vent'anni