politica

Stefano Mocio scioglie la riserva: dritto alla ricandidatura con l'appoggio del gruppo dirigente

sabato 13 dicembre 2008
di laura
Anche se ufficialmente scioglierà la riserva il prossimo lunedì 15 dicembre, presentando la sua ricandidatura al Partito Democratico, di fatto il Sindaco uscente di Orvieto, Stefano Mocio, la riserva l'ha sciolta questa mattina, comunicando ai giornalisti convocati in conferenza stampa la sua intenzione a correre la sfida delle primarie che si terranno, come stabilito dagli organi regionali del partito, il 22 febbraio 2009. Al suo fianco il coordinatore comunale del PD Carlo Emanuele Trappolino, che ha preceduto l'annuncio del Sindaco con una lunga e articolata disquisizione sia sulle ragioni ideali e il metodo interno del PD faticosamente impegnato nella sua strada di rinnovamento, sia sul percorso scelto dal partito per le primarie. Percorso da cui la “sfidante” Loriana Stella sembra uscita, rispetto a quanto tratteggiato sia pur senza far nomi dal coordinatore, per aver precorso a suo arbitrio modalità e tempi. Insomma la Stella avrebbe corso troppo la cavallina dando, in sedi non idonee, frecciate e giudizi avventati – è questo che è dispiaciuto - e il momento giusto per candidarsi decorrerebbe, in pratica, dalla riunione di giovedì scorso, dopo che gli organismi dirigenti del PD orvietano, sentito il parere a fine novembre degli attivi di circolo, si sono assunti la responsabilità di esprimere un giudizio – globalmente positivo – sull'amministrazione uscente, mettendolo a votazione nella contrastata riunione del coordinamento comunale di giovedì. Stefano Mocio ha annunciato che sarà proprio sulla base di quel documento, che assumerà come suo manifesto, che proporrà la sua ricandidatura, chiedendo di sottoscriverlo a chi lo sostiene: gente di partito e non. E ha dichiarato di non essersi mai pronunciato, in questi giorni carichi di tensioni e di riserve, proprio perché in attesa del giudizio del partito. “Mi ha molto gratificato – ha detto – il giudizio positivo di chi, in questi anni, ha lavorato con me in fasi molto difficili; è un fatto importante per chi, come me, ama fare amministrazione, per chi fa politica, pur nei suoi umani limiti, con grande correttezza e onestà. Visto che il partito si è pronunciato positivamente sul mio operato, presenterò la mia ricandidatura: felice, ma perfettamente conscio della sua onerosa responsabilità. Con un programma – ha specificato – che altro non è se non i progetti già avviati che devono trovare compimento; progetti che sono a buon punto, e Orvieto non merita che si ricominci da capo”. Si va dunque dritti verso le primarie, pronti a contattare le forze di centro sinistra fin dalla prossima settimana per una verifica programmatica; e poi, a seguire, sindacati, categorie, associazionismo, strati significativi del vivere sociale e culturale. E, se dovesse prevalere a livello regionale la logica delle primarie di coalizione, verso le primariette interne: per decidere tra Mocio e Stella, o, ipoteticamente, tra chiunque altro - a partire da lunedì, quando sarà insediato il Comitato organizzatore – si volesse candidare. Saranno primarie aperte, anche agli elettori che dovessero avvicinarsi per la prima volta, previa adesione di massima ai punti politici del progetto del partito Democratico. Quello che è chiaro e dichiarato è che il gruppo dirigente orvietano è dalla parte di Mocio e che Loriana Stella, per spuntarla, dovrà faticare non poco. Anche considerando i vantaggi che ha, comunque, un Sindaco uscente ben fiero e compreso del suo ruolo. “Continuerò a fare il Sindaco e a tener fede ai miei impegni fino all'ultimo giorno”, ha detto Mocio, che ha tutta l'intenzione di non esaurirsi nella campagna per le primarie. E il suo approccio sarà, essenzialmente, amministrativo, con la programmata verifica del lavoro svolto tramite pubbliche assemblee organizzate dai Consigli di Zona. Non sono mancate frecciate, sia pure composte, verso i Comitati elettorali all'americana, e verso chi, tingendosi di novità, fa in realtà un passo indietro arretrando in più facili e semplici localismi. Oggetto del contendere, ancora una volta, è soprattutto la ex Piave: lanciata verso lo sviluppo complessivo della città, ad avviso di Mocio, secondo il progetto varato, dopo la discontinuità del 2006, dall'attuale maggioranza e dal gruppo di lavoro preposto; oppure facile pasto, con quello che il Sindaco chiama “spezzatino localistico”, di gruppi di potere locale e di un progetto meno ambizioso. Fatto sta che risiede proprio nella rifunzionalizzazione della ex Piave, insieme ad altre questioni che devono chiudersi, la dirimente non solo delle primarie, ma forse anche delle amministrative: una conferma della linea Mocio-Capoccia se il bando dovesse avere buon esito, una vera e propria carica esplosiva se la matassa non dovesse districarsi. L'auspicio di Trappolino e di Mocio è stato comunque per una campagna rispettosa e non cruenta, che non miri a delegittimare le scelte del partito ma che si svolga effettivamente al suo interno e che, soprattutto, sia impostata sui rispettivi punti programmatici e non sugli interessi o sulle poltrone. “Il PD avrà il mio sostegno comunque vadano le primarie”, ha dichiarato Mocio (cosa del resto dichiarata, in altre occasioni, anche dalla competitor Stella); e hainoltre sottolineato come, sulla base di una condivisione di programma, potrebbero formarsi, per le amministrative, anche liste civiche collegate ai candidati/e a Sindaco. Dal canto suo, Trappolino ha fatto una vasta panoramica di un PD impegnato a trovare metodi e percorsi nuovi, pur nelle inevitabili difficoltà da un lato di una fase di passaggio interna, dall'altro di una profonda crisi epocale, che si estende ai vari modelli economici, culturali, sociali, imponendo alla politica di ritrovare un suo nuovo e autorevole ruolo di mediazione. Percorso tutt'altro che facile, nella nazione e a Orvieto, tra le pastoie di vecchie resistenze che annodano e frenano, o tra ferite e risentimenti ancora aperti. Perché anche queste primarie, comunque vadano e nonostante le difficoltà dell'inizio, non potranno che rafforzare la democrazia, se si sarà capaci di non indulgere a risentimenti e personalismi; ma saranno invece una solenne sconfitta se, malauguratamente, dovessero rimettere in circolo vecchi conti da chiudere o personalismi e ferite non ancora rimarginate.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 gennaio

Complanare, nuova fase di spinta oleodinamica del ponte in acciaio

"Le Grandi Firme della Tuscia". In distribuzione il terzo numero dell'aperiodico di Letteralbar

Azzurra Ceprini A1. Palla a due al PalaPorano con San Martino di Lupari

Montelone, la Provincia scioglie il silenzio. La prossima settimana, il bando per i lavori stradali

In manette 22enne, rubò chioccia con tutti i pulcini

Larocca interrompe lo sciopero: "L'amministrazione continuerà a vigilare"

Approvato l'odg per inserire il "reato di tortura" nell'ordinamento italiano. Il plauso di Amnesty International

Esce "Studi Interrotti", l'album d'esordio de "Gli Scontati". Il 28 gennaio al Valvola

Sfilata di maschere e carri allegorici per la "Festa di Carnevale" di Porano

Torna a luglio la seconda edizione del Premio Letterario "Città di Lugnano"

Tir si ribalta in Autostrada, code e disagi bloccano il traffico

Due ristoranti "nostrani" alla sfida Tv di Alessandro Borghese

Lasciavano le auto su "quattro ceppi" e scappavano, beccata la banda del cric

Regione contro l’inceneritore in Umbria, ma i comitati chiedono garanzie sulle discariche

Garbini lascia, si dimette il sindaco di Castel Giorgio

Bollo per i veicoli di interesse storico o collezionistico: dal primo gennaio riduzione del 10 per cento

Auto alluvionate, Sacripanti (FdI-An) sollecita un nuovo bando per il risarcimento dei danni

Consiglio regionale, respinta la mozione sul "sostegno alla famiglia naturale"

Punti nascita, la presidente Marini rassicura: “Non sono previste altre chiusure”

"Ravensbrück. Il lager delle donne", gli scatti di Ambra Laurenzi al Palazzo del Popolo per il Giorno della Memoria

A Città della Pieve nasce il liceo musicale. Open Day di presentazione

"Internet e le nuove generazioni: ripartiamo dalla famiglia". Incontro conclusivo per "Famiglie al centro"

Differenziata lumaca, ora la Regione corre ai ripari: obiettivo 60% entro l'anno

Piano comunale di classificazione acustica, nulla di fatto. In standby le controdeduzioni

Kino-Workshop al Centro Viva. A lezione di linguaggio cinematografico

Incontro informativo sull'iniziativa comunitaria "Garanzia Giovani"

Jasmine Rossini: "Per la Zambelli Orvieto il campionato è aperto"

Cardinali al Sindaco: "Sul parco del Paglia ci dica cosa bolle in pentola"

Sanità, la giunta regionale umbra sospende il ticket intramoenia

Folklore e tradizione si incontrano per la seconda "Giornata delle Pasquarelle"

Il vescovo presiede i funerali di don Adelmo Ciurletti

Sacripanti (FdI-An) propone l'istituzione di un forum civico in materia di assistenza socio-sanitaria

Dall'orto al piatto. Dalla collaborazione fra le scuole, un progetto sperimentale

La Regione investe quasi 3 milioni di euro per finanziare la competitività delle aziende vitivinicole

Centro Studi, via allo "Spring Semester" della Kansas State University e della University of Arizona

Orvieto tra le sezioni Cai che hanno collaborato alla rete sentieristica-escursionistica umbra

Furti e atti vandalici al Fanello. Tardani: "L'amministrazione si attivi per garantire la sicurezza ai cittadini"

Il Consiglio dei Ministri commissaria L'Umbria e decide per la chiusura anticipata della caccia

Ballo in maschera al Teatro Boni. Musica e divertimento, come in una favola

Luciani sollecita la riqualificazione di Piazza del Commercio: "Come si sta muovendo il Comune?"

Il Comune ricorrerà al Consiglio di Stato, Germani: "Il terzo calanco non si farà"

Lo Sportello del Consumatore chiude i battenti: riflessioni sulla conclusione di un'esperienza

Rometti: "Per la Regione su Orvieto non ci sono assolutamente esigenze di ampliamento della discarica al terzo calanco"

L'assessore Cecchini: "Si è fatta ricadere sulle Regioni l’incongruenza fra le norme nazionali ed europee"

Contratti di Fiume, Minervini chiarisce la posizione delle associazioni private: "Fuori dalla Cabina di Regia".

Galanello Pd: "No al terzo calanco, l'obiettivo dell'Umbria è la minimizzazione dello smaltimento in discarica"

Il Circolo Pd di Orvieto Scalo al lavoro per la riqualificazione del quartiere

Scopetti e Taddei Pd: "No categorico al terzo calanco, Comune e Regione non devono mollare"

Il teatro amatoriale colora Monteleone. La rassegna al Teatro dei Rustici compie vent'anni