politica

Sinistra Arcobaleno: occorre democrazia partecipata su temi ambientali, beni comuni e gestione rifiuti

mercoledテャ 26 marzo 2008
Folta partecipazione ieri sera a Villa Ciconia all段ncontro organizzato da Sinistra Arcobaleno sui temi ambientali, beni pubblici e gestione dei rifiuti. Giuseppe Ricci, candidato al Senato, ha aperto il confronto ricordando l段mportanza del progetto unitario di 鉄inistra Arcobaleno, che non un cartello elettorale ma un vero e proprio disegno per una nuova sinistra che ad Orvieto diventata un fatto concreto. In merito alle questioni ambientali Ricci ha sottolineato come questi temi abbiano un forte interesse locale e come la recente delibera assunta dal Consiglio Comunale di Orvieto sulla costruzione di una centrale a biomassa abbia riaperto la discussione su quale politica ambientale sia possibile per il futuro di Orvieto. Un futuro che affronti con seriet il tema della gestione dei rifiuti e che sia compatibile con la nostra pi importante risorsa ambientale. 鉄inistra Arcobaleno non pregiudizialmente contraria alla produzione proveniente da energia rinnovabile da biomassa ha sostenuto Ricci ma siamo preoccupati e perplessi sulle modalit con cui si giunti alla delibera comunale. Non vi chiarezza sulle dimensioni dell段mpianto, mancata una partecipazione della popolazione, del mondo dell誕ssociazionismo e delle rappresentanze interessate, ma soprattutto si evidenzia un rapporto non equilibrato tra pubblico e privato come invece dovrebbe esserci in materia di gestione dei beni pubblici. Dopo l段ntervento di Biondi che ha evidenziato come per una centrale da 10 MGW di biomasse occorrano 160 mila tonnellate/anno di materiale derivante da pioppicoltura, che ha una resa ettaro di 40 tonnellate, e pertanto fondamentale partire da una analisi seria sulle produzioni locali e su quanta biomassa sia possibile reperire dal territorio orvietano, stata la volta dellOn. Valerio Calzolaio che ha sottolineato come sia 妬mportante che Sinistra Arcobaleno abbia voluto affrontare un tema cos difficile in una logica di prospettiva futura che per noi va oltre il 13 e il 14 di aprile. Sinistra Arcobaleno propone una riflessione sugli indici di benessere di un Paese che non possono essere legati solo al PIL ma devono tener conto anche di un valore ambientale. Occorre attivare ha proseguito Calzolaio una democrazia partecipata sui temi come quelli della gestione dei rifiuti perch passare in una citt come Orvieto dal 15% attuale ad un 40% di raccolta differenziata non un passaggio che pu avvenire senza partecipazione. Vogliamo aprire ad Orvieto un cantiere di approfondimento su questo tema che sia il pi partecipato possibile, dove affrontare con realismo e competenza il tema delle energie rinnovabili. Parlare di biomasse ci fa nascere un sorriso ha concluso Calzolaio mentre la delibera di Orvieto ci fa nascere dubbi e perplessit熹. La serata si conclusa con l段ntervento dellOn. Gennaro Migliore: 澱en venga un dibattito cos vivace e partecipato come questa sera ha sottolineato ma soprattutto ben venga la costituzione di un Comitato di approfondimento sul tema della gestione dei rifiuti ad Orvieto. Non ha nessuna speranza un mondo in cui le risorse limitate vengono sfruttate senza pensare alle generazioni future ha proseguito Migliore e in questo senso occorre pensare ad un intervento radicale e orientato ad una logica di miglioramento generale del bene ambientale che vada concepito come una grande opera pubblica del Paese, che possa generare nuovi posti di lavoro, sostegno all誕mbiente e risparmio energetico complessivo. Per Migliore la distorsione della politica a fini del mercato ha generato disastri gravi, mentre occorre una politica di Sinistra in grado di costruire un futuro partendo da temi su cui non indifferente scegliere da quale parte stare In conclusione dell段ncontro ed esprimendo piena condivisione con quanto sostenuto da Ricci in apertura, anche Migliore ha ribadito l段mportanza del progetto di una nuova sinistra unita. 鉄i avviato un percorso ha ribadito Migliore - che non torner indietro e che ci vedr lavorare come una cosa sola anche dopo le elezioni del 13 e 14 aprile.

Commenta su Facebook