politica

Approvate in Consiglio l'acquisizione dell'ex Ospedale e la relazione del Sindaco sulla valorizzazione del patrimonio pubblico a Orvieto

giovedì 21 febbraio 2008
Approvate ieri in Consiglio Comunale, dopo un ampio dibattito (14 favorevoli, 5 astenuti: Conticelli, Cortoni, Zazzaretta, Olimpieri, Imbastoni), la relazione del Sindaco relativa alle “Strategie di Valorizzazione dei Patrimoni Pubblici presenti ad Orvieto” e la decisione di acquisire al patrimonio comunale il complesso dell'ex Ospedale di Piazza del Duomo avvalendosi della facoltà prevista dall’Art. 15/Bis comma 3 L.R. n. 14/97; in tal senso il Bilancio Pluriennale 2008-2010 sarà coerente con tale previsione. Contestualmente è stata approvata all’unanimità la risoluzione presentata dal Consigliere Conticelli, con la quale “Il Consiglio Comunale ritiene opportuno promuovere un’audizione della Conferenza dei Capigruppo Consiliari con ASL, Regione e Associazioni interessate sulla vicenda del lascito De Solis”. Su richiesta dei gruppi consiliari di minoranza iscritta all’ordine del giorno, la discussione (di cui si darà conto nel successivo comunicato) ha riguardato anche l’accordo tra Regione, Asl e Comune di Orvieto sulla definizione delle strategie di valorizzazione del complesso ospedaliero e di altri patrimoni pubblici presenti ad Orvieto. Per maggiori dettagli sull'acquisto dell'ex Ospedale rimandiamo a una nostra precedente notizia. Di seguito riportiamo invece, dal sito del Comune di Orvieto, la relazione del Sindaco, Stefano Mocio, che costituisce la premessa alla delibera consiliare che autorizza l'acquisto e definisce il progetto complessivo del centro storico: “Richiamate le linee di indirizzo dell’Amministrazione Comunale approvate e aggiornate nell’ultimo quadriennio, ed oggi in fase di avanzata attuazione. Con riferimento ai beni pubblici presenti sul nostro territorio, questa Amministrazione ha provveduto a ricercare un’ampia intesa con le altre istituzioni per arrivare ad una valorizzazione dei siti informata a principi di coordinamento, di efficienza e di efficacia. Armonizzare la proposta dell’amministrazione comunale di governo dei beni pubblici con quelle di Regione e Provincia non significa disconoscere la nostra identità territoriale che ne è alla base, ma, al contrario, valorizzare l’innovatività del nostro contributo, facendo emergere le potenzialità endogene locali. In concreto, l’obiettivo a cui abbiamo lavorato è stato quello di definire intese operative con l’Amministrazione Regionale e con quella Provinciale su alcune questioni che si ritengono assolutamente prioritarie. Con riferimento al documento presentato dalla minoranza, particolare rilievo assume l’accordo di programma a tre con la Asl 4 e con la Regione Umbria, per rispondere alle esigenze, fortemente sentite dalla cittadinanza, di modernizzare l’offerta sanitaria e di realizzare appositi spazi per gli anziani nel centro storico. L’accordo siglato il 27 luglio u.s. prevede che la Asl 4 realizzerà nella mensa della ex Caserma Piave un palazzo della salute, in grado di fornire servizi in spazi adeguati, senza barriere architettoniche e con un parcheggio sufficiente. Un risultato questo, estremamente importante ed atteso da anni dai concittadini del Centro Storico. Questo accordo, inoltre, segna alcuni risultati fondamentali per la nostra comunità: - i proventi netti dei ricavi derivanti dalle operazioni di riconversione e valorizzazione dei cespiti immobiliari non più necessari alla Asl per la erogazione di servizi di competenza saranno assegnati prioritariamente allo sviluppo ed alla riqualificazione dei servizi sanitari del territorio orvietano e per l’attuazione del riordino del nuovo Ospedale, in fase di avanzata attuazione ed i cui risultati quantitativi e qualitativi sono di facile lettura; - la possibilità di inquadrare la programmazione dei servizi socio – sanitari nell’ambito della riqualificazione del patrimonio immobiliare pubblico del centro storico di Orvieto, conferendo all’accordo stesso la valenza di strumento di programmazione sanitaria ai sensi dell’art. 3 comma 2 della L.R. 3/98. Scelta questa che rafforza enormemente l’impegno della Regione dell’Umbria per garantire l’esito positivo dell’operazione. Tale accordo, quindi, oltre a garantire moderne strutture sanitarie, correttamente collocate secondo gli attuali canoni di intervento (strutture facilmente trasformabili ed adeguabili agli attuali standard sanitari ubicate al di fuori dei centri storici e delle zone a traffico limitato) riverserà sul nostro territorio ingenti risorse finanziarie per intervenire nel potenziamento dell’offerta sanitaria. Tale offerta, inoltre, per quanto riguarda la realizzazione di strutture per anziani, dovrà essere rafforzata con i proventi relativi alla valorizzazione del lascito De Solis. Inoltre, sulla base di quanto previsto nell’accordo di programma, l’Amministrazione Comunale ha esercitato il proprio diritto di prelazione per l’acquisto della ex pediatria (delibera di CC n.133 del 28.09.2007), che sarà destinata a residenza sanitaria per anziani autosufficienti. I fondi necessari all’acquisto saranno individuati già nel bilancio 2008. Ritengo, adesso, necessari alcuni chiarimenti per respingere le critiche circa la mancanza di un progetto complessivo sul Centro Storico. Il Centro storico è stato il principale beneficiario degli interventi infrastrutturali legati alle leggi speciali per Orvieto e, a tutt’oggi, è l’epicentro di buona parte delle iniziative dell’Amministrazione Comunale in campo economico, sociale e culturale; nonostante ciò, fatica ad uscire da una fase complessa, caratterizzata dalla difficoltà di attrarre i giovani e di porre in essere proposte e progetti che superino la frammentazione ed il particolarismo. Negli ultimi anni non sono però mancati segnali positivi. Si pensi, ad esempio, alla capacità dimostrata da alcuni operatori commerciali di riconvertire le proprie attività all’indomani della chiusura della Caserma Piave. In mancanza, però, di un’identità veramente condivisa si corre il rischio di “livellare verso il basso” le capacità di un quartiere fondamentale, deputato a giocare, per la tipologia della nostra città e per una complessità di fattori e di valori (estetici, economici e culturali), il ruolo di motore di sviluppo di un intero territorio. Per questo motivo è stato pensato e approvato un piano per il Centro Storico, che affronta tre questioni fondamentali: 1) tutelare, promuovere ed “aggiornare” l’identità locale; 2) concorrere ad una gestione coordinata ed omogenea delle risorse culturali; 3) elevare la qualità di vita dei residenti e dei visitatori. Per raggiungere questi obiettivi sono state proposte alcune azioni: · attuazione organica del progetto di qualificazione urbana. Arredo pubblico (imminente riqualificazione, già finanziata, di Piazza Montemarte e di Piazza Fracassini), arredo privato (sono in fase di partecipazione con le associazioni di categoria i primi provvedimenti nell’area di Corso Cavour); · potenziamento delle infrastrutture per l’accoglienza turistica e per i servizi (IAT di Piazza Cahen, realizzato e funzionante); · valorizzazione delle funzioni produttive compatibili con l’immagine del centro storico e rafforzamento del ruolo del centro commerciale naturale (oggetto del nuovo piano del commercio che sarà approvato prima dell’estate); · sistema museale integrato e diffuso che sarà realizzato attraverso il rafforzamento delle sinergie istituzionali (è in fase di avanzata definizione un Accordo di Programma tra i soggetti interessati); · miglioramento dell’offerta di mobilità alternativa e di parcheggi (realizzata ed in fase attuativa); · incremento della funzione abitativa, anche di tipo convenzionato, agevolato e popolare, al fine di calmierare i prezzi degli immobili e di promuovere politiche residenziali di sostegno per giovani coppie, anziani e ceti deboli (provvedimento in parte realizzato con la consegna di 12 alloggi in loc. “le Conce” e con la sistemazione di alcuni alloggi nel centro storico; ed in parte in fase preliminare con la riconversione del Distretto, dell’Istituto Professionale, dell’edificio delle Zitelle Sperse e, tramite l’Ater, dell’Inapli); · definizione della “mission” del CSCO, in fase di ridiscussione all’indomani dell’approvazione dei c.d. Decreti Delegati, che hanno profondamente modificato i parametri per poter sviluppare Fondazioni fuori da “sedi universitarie storiche”. Nel breve periodo è necessario verificare se tale impostazione verrà confermata dal nuovo Governo, puntando, comunque, all’alta specializzazione ed alle convenzioni con università private e con quelle straniere. · difesa delle funzioni pubbliche, con particolare riferimento a quelle militari e giudiziarie, su cui l’Amministrazione si sta continuamente impegnando, e grazie alle quali diversi uffici pubblici e privati possono mantenere l’attuale rango ed organico; (Tribunale di Orvieto, Centro di Specializzazione della Guardia di Finanza, Casema ex Aeronautica). Realtà che vanno difese e potenziate perché rappresentano funzioni altamente qualificate ed economicamente rilevanti, anche in termini occupazionali; · realizzazione di lavori pubblici, tra i quali: - la rifunzionalizzazione ed il miglioramento di Viale Carducci (la Confaloniera) in fase di avanzata realizzazione ed il cui completamento è previsto nel 2008; - il completamento del restauro del Palazzo Simoncelli, per la realizzazione del Museo della Ceramica. I lavori sono in fase molto avanzata, così come l’acquisizione delle collezioni; - gli interventi sul complesso San Francesco, per la realizzazione della nuova Biblioteca Comunale. I lavori sono in fase molto avanzata ed il trasferimento della vecchia biblioteca avverrà entro l’estate; - la manutenzione straordinaria del Palazzo dei Congressi. Ogni anno sono stati garantiti interventi strutturali fondamentali per renderlo più competitivo. Si è intervenuti sui sistemi di refrigerazione su quelli illuminanti ed anche per il 2008 sono previsti altri interventi; - il completamento ed il restauro dell’ ex Chiesa della Madonna del Velo, destinata a diventare il centro di documentazione dei lavori sulla Rupe. L’intervento strutturale è terminato e si sta procedendo all’arredo interno; - la rifunzionalizzazione della chiesa di San Rocco e del Palazzo dei Sette, per qualificare ulteriormente tali spazi e per realizzare il collegamento tra le due strutture. Il progetto è stato approvato e finanziato e si è in fase di gara; - la ristrutturazione della ex infermeria della Caserma Piave, per realizzare il Palazzo Comunale delle Istituzioni. Questa operazione permetterà risparmi sugli affitti oggi pagati, per l’utilizzo di alcuni palazzi privati come sede di uffici comunali. I lavori sono in fase molto avanzata e nel bilancio 2008 saranno previsti ulteriori fondi per la copertura delle due terrazze scoperte. Tale intervento ci permetterà di azzerare le locazioni passive. - i costanti lavori di manutenzione straordinaria della Rupe, delle alberature dei viali, delle aree verdi e dei plessi scolastici; - gli interventi di cablaggio della città che sono in fase di completamento; - i programmati interventi di pavimentazione che ogni anno riguardano alcuni tratti stradali (via Alberici, via Postierla, via Ghibellina, ecc..); - la realizzazione del parcheggio di via Roma, in fase di avanzata realizzazione; - la rifunzionalizzazione della ex Caserma Piave attraverso una fase di marketing, fortemente partecipata, tendente ad avere gli elementi necessari per definire il capitolato d’appalto e, quindi, bandire la gara entro l’autunno del 2008. Tale procedure procedono secondo i tempi prestabiliti. L’Amministrazione Comunale, inoltre, entro agosto 2008 presenterà alla Regione un Piano Urbano Complesso per il Centro Storico. Esso conterrà interventi nell’area dell’ex Caserma Piave, su Piazza Cahen, a cui va data un’identità definitiva di piazza, sulla Fortezza dell’Albornoz, per la quale è previsto un intervento di riqualificazione, oltre ad interventi sul commercio da definire d’intesa con gli operatori commerciali presenti lungo Corso Cavour. Nella digressione sono stati riportati alcuni aspetti delle nostre linee di indirizzo, che per loro natura (sempre dichiarata) sono fortemente dinamiche e che, in nessun caso, vogliono assumere i limiti di un documento burocratico, né tanto meno, di un piano quinquennale. Discutibili, quindi, le critiche avanzate dalla minoranza di aver modificato nel tempo i contenuti del documento. In particolare, l’aver scelto di non legare le sorti dell’ex Ospedale con quelle della ex Caserma Piave risponde anche all’esigenza di evitare che operazioni contabili possano sminuire la portata degli interventi che vengono posti in essere per riqualificare complessivamente il patrimonio. E’ ora possibile affrontare la questione del riuso dell’ex ospedale, non più di proprietà del Comune dal 2001 ed al quale il Consiglio Comunale, nel 2000, ha assegnato due amplissime destinazioni d’uso: la prima, funzioni terziarie, servizi culturali e/o sociali (Du.B); la seconda, funzioni ricettive, alberghiere e di servizio (Du.E). Il bene, in applicazione della normativa vigente, è tornato nella disponibilità della Regione, al pari degli altri ex ospedali localizzati in realtà territoriali in cui è stato realizzato un nuovo presidio (Perugia, Foligno, ecc). Si ritiene che l’Amministrazione Comunale non possa non valutare l’acquisizione di questo bene al proprio patrimonio. E questo, soprattutto, per evitare che la ridefinizione delle destinazioni d’uso nel Centro Storico (a partire da quelle che saranno ospitate nelle ex caserme) possa solo in parte essere governata dall’Amministrazione Comunale. Sarebbe, infatti, inefficiente valutare le proposte potenzialmente riferite all’ex Caserma Piave senza poter aver un quadro d’insieme che si riferisca ai più rilevanti plessi pubblici del Centro Storico. Un’acquisizione questa che servirebbe a rafforzare il patrimonio utile pubblico, smentendo nella sostanza la presunta volontà dell’Amministrazione Comunale di svendere il proprio patrimonio. Con questa operazione il patrimonio pubblico comunale, da un punto di vista qualitativo, ne risulterebbe fortemente incrementato. Una volta definite le funzioni per la ex Caserma Piave sarà possibile assegnare destinazioni d’uso definitive a tutti gli immobili pubblici comunali, garantendo nel contempo la più efficiente destinazione in base alle caratteristiche del bene, la piena utilizzazione in modo da garantire la sostenibilità della gestione; e la individuzione di un giusto mix di funzioni che soddisfi, al tempo stesso, le esigenze pubbliche e quelle di mercato”.

Riqualificazione urbana da Piazza Cahen alle aree commerciali di Corso Cavour nel PUC 2008 del Comune di Orvieto

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 dicembre

"Concerto di Natale" nel Castello Boncompagni Ludovisi di Trevinano

Orvieto Fc, c'è il big match contro la capolista Gadtch

Pallavolo Zambelli Day al PalaPapini di Ciconia

Sesto video per Francesco Barberini. Alla scoperta del Lago Trasimeno

La Corte dei Conti accoglie il ricorso del Comune. Gnagnarini: "Un successo per rilanciare Orvieto"

Una notte al cinema con i Fiori Neri. In rotazione il singolo "Tutti i giorni è Natale"

Provincia verso le elezioni, c'è il termine per la presentazione delle liste

Sacchetti per l'organico in distribuzione. Orvieto per Tutti: "Perchè a Bardano?"

Casa di Riposo San Giuseppe, ritardi nel pagamento degli stipendi. Botta e risposta tra Fp Cgil e Comune

I giovani e il futuro, prorogata fino al 16 gennaio la mostra della Croce Rossa Italiana

Alla maniera di

Le difficoltà delle sale cinematografiche in Umbria dopo il terremoto

La voglia di un'anima

Un rosseggiare

Carcere, l'Usl chiude la mensa agenti. Il Sappe si rivolge al provveditore

Senso unico alternato sulla provinciale 71, cambiano gli orari del trasporto scolastico

Notte Bianca d'Inverno, trentadue appuntamenti in attesa del Natale

Percorso educativo di accoglienza ed integrazione a favore dei migranti ospitati nel territorio

Al Csco incontro su "Cellule staminali tra scienza, pseudoscienza ed etica"

Ricostruzione post sisma, riunione del comitato istituzionale. Circa 12mila, le verifiche fast

Non lo specchio, per favore

Molto di me

Sì della giunta alla riqualificazione delle strutture di Piazza della Pace

Grande sporco, piccola spazzatrice. Parte la sperimentazione nei vicoli del centro storico

Nuovi allestimenti per "Porano nel Presepe". Il ricavato all'associazione "3.36 per Barbara & Matteo"

La Natività a Orvieto. Fino all'8 gennaio sulla Rupe tredici interpretazioni della tradizione del presepio

"Il Fanum Voltumnae e i santuari comunitari dell'Italia Antica". Da venerdì a domenica Convegno internazionale di studi

Giullarate. Dopo le aste andate deserte le 10 cose che il comune di Orvieto proverà a vendere per risanare il Bilancio

Shopping natalizio. Gratis il parcheggio a Orvieto dalle 16 alle 20 nei posti a striscia blu

Progetto "Una buona vita da cani" per contrastare l'abbandono dei cani e favorire le adozioni

Il Progetto "Una buona vita da Cani"

Adeguamento delle tariffe per la rimozione e custodia dei veicoli

Mercati su aree pubbliche nella settimana che precede il Natale, disciplina del commercio

In pubblicazione il quinto avviso d'asta pubblica per l'alienazione del Mattatoio Comunale

Bando per l'alienazione dei locali di proprietà comunale situati in piazza della Repubblica

Consegna dei riconoscimenti alla Protezione Civile e agli studenti dell'Alberghiero per il lavoro svolto il Liguria

"Due dozzine di rose scarlatte". La commedia brillante in scena al Mancinelli

Presentate le opere di approvvigionamento idropotabile realizzate da ATI4 Umbria nell'Orvietano

ATI4, gli interventi nell'Orvietano

Screening per la prevenzione e la salute del cavo orale. Pochi i bambini visitati. Proroga al 31 gennaio 2012

Maxiprofessionista del furto arrestato grazie a un'indagine condotta dalla Polstrada di Orvieto

A Porano Pranzo di Natale organizzato dal Centro di Salute Mentale della ASL 4 di Orvieto

"IKHIWA" organizza il mercatino del libro e oggetti vari all'Atrio del Palazzo dei Sette

JINGLE PARTY- La Grande Festa di Radio Orvieto Web al Maracuja

L'Anpi di Terni sui terribili fatti di Firenze

Un atto di indirizzo del Consiglio comunale per la valorizzazione del patrimonio pubblico del centro storico di Orvieto. Lo propongono i capigruppo di centro sinistra

Ancora congelate le dimissioni del vice sindaco Rosmini. Dura presa di posizione dei gruppi di centro sinistra verso il Sindaco che perde i pezzi e non rappresenta più i suoi elettori

La grande Roma dei Tarquini tema del XVI Convegno Internazionale di Storia e Archeologhia dell'Etruria

A Palazzo Soliano mostra fotografica "Orvieto 1964-1970 anni di bronzo. Le porte di Emilio Greco". Inaugurazione sabato 19 dicembre nell'ambito di Altro Modo

Per il Gala Five un 2-2 contro il Foligno.

Condanna del vile gesto e solidarietà al parroco dal PD di Ficulle

Ristorante Pizzeria "La Taverna dell'Etrusco" e Bar "Il Sant'Andrea". Menù speciali e Cenone di San Silvestro a ritmo di jazz e di blues

Perché alcuni consiglieri PD hanno votato contro la mozione sul testamento biologico

Scossa di terremoto. Trema l'Umbria

Terremoto ad Orvieto: Santelli "Nessun danno a persone o cose"

Terremoto, l'Assessore regionale Riommi nelle zone colpite dal sisma "Scossa con pochi danni"

Terremoto: chiuso il centro storico di Spina. Lorenzetti apre sala operativa regionale

Distrutta la targa di Radio Orvieto Web

Franco Crociani non ha ucciso Sauro Mencarelli. La sentenza della Corte d'Appello d'Assise chiude la storia di Acqualoreto

Pendolari-Frecciarossa: 8 a 34. Ma i pendolari della Roma-Firenze si fanno sentire!

Gala Lirico del Centro di perfezionamento "Placido Domingo" di Valencia al Ridotto del Teatro Mancinelli

L'Eurostar delle 20,15 fermerà ad Orvieto

Anno Internazionale dell'Astronomia. Venerdì a Bagnoregio proiezione del film di Liliana Cavani "Galileo"

Il profano tempo dell'Avvento. Dai destini del pianeta a quelli della Regione Umbria

Respinte le mozioni su testamento biologico e istituzione di un registro telematico delle dichiarazioni anticipate di trattamenti sanitari. Il dibattito consiliare

Approvata la mozione Tonelli sulla ripubblicizzazione dellÂ’acqua

Siti "violenti", il Governo punta al controllo. Giusto regolare i contenuti prodotti dagli utenti, ma si colmi il vuoto legislativo che riguarda i giornali online

La Scuola di Musica Luigi Mancinelli e la Compagnia Poranese insieme in un doppio spettacolo dedicato ad 'Alice nel paese delle meraviglie'. Sabato a Porano, domenica ad Orvieto

Commercio e varchi elettronici: clima più disteso. Tutti al lavoro dopo il convegno DS e l'incontro con il sindaco Mocio

Marino Moretti alla Galleria Zerotre di Orvieto. Ceramiche e disegni per CROMATERIA

Successo e consensi per il 'Gran Galà Città di Orvieto'

Presentato il catalogo regionale del Museo Faina. L'assessore Rometti: la cultura come risorsa economica

Organici carenti presso i circoli stradali della Provincia. Lo evidenzia in un'interrogazione il capogruppo provinciale SDI Marinelli

Accolta con successo a Palazzo Rospigliosi di Roma la presentazione del prodotto turistico della provincia di Terni

Europa - Rwanda: la scuola primaria di Sferracavallo partecipa al progetto con un mercatino natalizio di solidarietà. Sabato in Piazza Olona a partire dalle 15,30

Giovani e associazionismo in Umbria: scarsa la motivazione per una cittadinanza attiva. Emerge da una ricerca a livello europeo

I risultati a livello europeo

Ospedale senza pace: oltre alle deficienze di ordine sanitario la lotta politica per i primariati. Lo segnala Alleanza Nazionale

Finanziaria e coppie di fatto: 'Se l'ideologia prevale sulla ragione'

Torna domenica il 'Mercatino sotto l'albero' a Porano

Mobilità alternativa: soddisfazione del sindaco Mocio dopo l'incontro con le categorie. Altri incontri per non frammentare i problemi

La proposta complessiva: le linee d'intervento per il centro storico

Cara Orvieto... da 'Orvietato Sporgersi' lettera aperta alla Città