politica

Necessario un riordino delle funzioni istituzionali. La vice presidente della Provincia Stella snocciola le cifre della burocrazia

venerdì 7 dicembre 2007
Il ruolo dell’Ente Provincia va ridefinito come risorsa per il nostro Paese: così ha esordito la Vice Presidente della Provincia di Terni, Loriana Stella, nel corso dell’Assemblea umbra dell’UPI che si è tenuta ieri a Palazzo Bazzani. “Nel nostro sistema istituzionale - ha proseguito - si sovrappongono le competenze, non sono mai esclusive le funzioni, è ridondante la burocrazia, creano disagi le scelte differenti delle singole Regioni. In Italia ci sono 91 ATO per il governo dei sistemi idrici, 131 ATO per il governo dei rifiuti, 1.099 Enti parco ed aree protette, 145 Enti parco regionali, 191 Consorzi di bonifica, 63 Bacini imbriferi montani, 356 Comunità montane, 350 Unioni di Comuni, centinaia di Agenzie ed Enti regionali che governano interi settori della pubblica amministrazione, migliaia di Società pubbliche o miste, centinaia di Circoscrizioni anche in città dove non se ne avverte il bisogno". "Un sistema –ha commentato la Stella- che rischia di delegittimare la classe dirigente che ha il dovere di offrire soluzioni organiche e di spiegare che la riorganizzazione delle Istituzioni è un tema complesso che va risolto e presto. In questo panorama non ha certo giovato la proliferazione delle Province. La vera urgenza non è far nascere nuove Istituzioni, ma consolidare quelle esistenti, con strumenti, funzioni e risorse adeguate. Per ogni livello di governo debbono essere individuate le funzioni fondamentali: con i Comuni con funzioni di governi di prossimità e con le Province che governano il territorio e le reti offrendo servizi che non possono, per loro natura, essere assegnati ai Comuni". Per il rilancio delle Province –ha concluso la Stella- occorre prevedere una specifica disposizione nella finanziaria per il 2008 che premi la loro attività ed il corretto utilizzo delle risorse disponibili in bilancio, favorendo lo smaltimento dei residui passivi precedenti per il completamento di opere cantierate ed in corso di realizzazione. Occorre prevedere, inoltre, lo stanziamento di specifici fondi che consentano di moltiplicare le capacità d’investimento in alcuni settori di rilevanza strategica, come la messa in sicurezza degli edifici scolastici, la riqualificazione delle strade provinciali e l’innovazione della pubblica amministrazione”.

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 dicembre

Auguri in versi di Buone Feste dall'Unitre Orvieto

La sabbia, amore mio

I cigni

Noi ci svegliammo piangendo

Tra democrazia e demagogia

Zambelli Orvieto sensazionale, batte Ravenna ed è prima

L'Orvietana vince col Clitunno e mantiene il passo

Lucio Dragoni è il nuovo allenatore giallorosso. "Uomo di calcio e Maestro di calcio"

Con le corde, dentro il Pozzo della Cava, per il nuovo presepe-evento: "I Quaranta Giorni"

Sisma, firmata la convenzione Regione-Comuni. Si avvia l'Ufficio speciale per la ricostruzione

Ammissione ai collegi del mondo unito, riaperto il bando selezioneper gli studenti dei Comuni colpiti dal sisma

Castello di Alviano aperto per le feste. Visite al maniero e ai musei che ospita

Uisp Orvieto Medio Tevere, elogio ai giovani ambasciatori dello sport orvietano

L'Avis dona fondi per acquistare uno scuolabus per i bambini di Preci

A Perugia incontro pubblico su fare libri e lettori

Cespuglio di more

Verso le elezioni, due candidati per la presidenza. Tre liste per il consiglio provinciale

Ascensori di Via Ripa Medici in manutenzione, navetta sostitutiva fino a venerdì

I Borghi più belli dell'Umbria discutono di temi e progetti di sviluppo turistico

Lo Sportello del Consumatore, riflessioni su presente e futuro del servizio

La TeMa si aggiudica il bando Psr per sviluppo e commercializzazione del turismo

"Capodanno in Famiglia" al Santuario dell'Amore Misericordioso

L'Università della Tuscia è il primo Ateneo statale del Lazio e il settimo del Centro Italia per la qualità della ricerca