politica

Nuovi equilibri politici al Comune di Orvieto: Morcella entra nella Margherita. Forza Italia: dovrebbe scusarsi con gli elettori e dimettersi

giovedì 12 luglio 2007
di laura
Cambiano ancora gli equilibri politici all'interno della maggioranza al Comune di Orvieto, anche se non sorprendono piů che tanto, in quanto potevano essere giŕ percepiti dai posizionamenti relativi alla votazione in Consiglio rispetto alle importanti questioni discusse e varate negli ultimi tempi. E' di oggi la notizia ufficiale dell'entrata del consigliere Massimo Morcella nel gruppo consiliare della Margherita e, di conseguenza, nella compagine politica che sta lavorando alla nascita del costituendo Partito Democratico. La decisione del noto professionista orvietano, che eletto come rappresentante di Forza Italia si era dimesso dal partito nel novembre 2006, č stata annunciata ufficialmente in conferenza stampa nella mattinata di oggi dallo stesso Morcella, dal capogruppo della Margherita Roberto Meffi e dal consigliere e presidente della quarta commissione permanente Leonardo Mariani; per l'occasione, che č servita anche a fare il punto sull'azione politica della Margherita all'interno del Comune di Orvieto e, piů in generale, nella provincia e nella regione, č intervenuto anche il segretario provinciale della Margherita Eros Brega che, per la cronaca, č stato anche il consigliere regionale piů votato in Umbria, con oltre 10 mila preferenze. Sia Brega che Meffi hanno sottolineato il ruolo politico della Margherita nelle varie istituzioni, impegnata in prima linea alla Regione per le Riforme e, al Comune di Orvieto, nell'azione di risanamento del bilancio e di avvio di un nuovo sviluppo. “Chi afferma che questa amministrazione non ha fatto nulla – ha detto tra l'altro Roberto Meffi – probabilmente č in malafede e finge di non vedere. La Margherita non č presente in Giunta, ma ha dato e dŕ una valida collaborazione a tutto quello a cui l'amministrazione sta lavorando e all'inversione di tendenza che, con l'aggiornamento del programma del Sindaco, si č registrata da un anno a questa parte”. A questa inversione di tendenza č dovuta anche, a quanto il consigliere Morcella ha dichiarato, la sua decisione di aderire al gruppo della Margherita e, in prospettiva, al percorso del Partito Democratico: da un lato la sua opposizione non “a prescindere”, ha detto, ma propositiva e collaborativa, aderente alle questioni e al concreto svolgersi delle cose, dall'altro la capacitŕ della maggioranza, e della Margherita in particolare, a recepire, come ad esempio nel caso del casello Orvieto nord, le buone proposte di una minoranza che non si č mai presentata, nel suo caso, aprioristicamente rigida. E a chi volesse accusarlo di trasformismo, Morcella controbatte di essersi presentato alle elezioni, nelle liste di Forza Italia, non per portare avanti delle ideologie, ma alcune questioni concrete: in particolare la realizzazione del casello Orvieto nord, ormai decollata, Orvieto nel patrimonio mondiale dell'Unesco, e Orvieto verso quel nuovo sviluppo e quel nuovo appeal di marketing che, dice Morcella, si stanno realizzando. Eros Brega, invece, ha voluto spiegare che, in questa situazione politicamente fluida, nessun passaggio da un'area a un'altra, purché fondato su un progetto politico, deve scandalizzare. “Il processo del PD – ha affermato – imporrŕ un grande cambiamento alla politica italiana, una generale riorganizzazione dei partiti e della classe dirigente. Oggi possiamo essere fedeli a un progetto di governo, ma non possiamo bloccare i processi e le alleanze del domani. L'ingresso di Morcella č un segnale importante che vogliamo dare, quello che il partito č aperto a tutti e che ben venga chi desidera cambiare e collaborare”. Non la pensa esattamente cosě, invece Forza Italia Orvieto che, con un comunicato del Coordinamento comunale, afferma che il passaggio di Morcella nelle file della Margherita, e quindi del neo Partito Democratico, non č che “la conclusione di un percorso partorito durante le elezioni amministrative del 2004 e maldestramente simulato come una diaspora interna. La sua attivitŕ di consigliere comunale, apparentemente nelle file di Forza Italia – continua la nota stampa - č stata infatti sempre caratterizzata da svogliato disinteresse e studiato, apparente disincanto, risultando di totale disutilitŕ per la minoranza consiliare. Oggi Morcella dovrebbe chiedere scusa agli elettori del nostro partito – conclude FI Orvieto - che, in buona fede, lo hanno votato ed eletto, nella convinzione che sarebbe stato un fiero oppositore di questa maggioranza e che, invece, se lo ritrovano tra le disastrate fila del partito del sindaco. Le sue dimissioni, pertanto, sarebbero certamente dovute”.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità