politica

I Comunisti Italiani rompono il silenzio: senza troppe dichiarazioni abbiamo lavorato per risolvere la crisi. Proposta concreta: un seminario di lavoro delle forze politiche di maggioranza per mettere a punto la rinnovata azione di governo

giovedì 19 aprile 2007
Rompono il silenzio, sulle tumultuose vicende politico-istituzionali di questi giorni, anche i Comunisti Italiani, con un comunicato ufficiale del segretario Giampietro Piccini, capogruppo del PdCI nel Consiglio Comunale di Orvieto. Piccini spiega che quel silenzio che potrebbe essere stato interpretato come scarso peso politico del PdCI nel determinare gli orientamenti e le prospettive per lobiettivo, ancora possibile, di risanamento del bilancio e dello sviluppo della citt ed del suo territorio, stato in realt una scelta consapevole e responsabile. Nella difficile situazione che si determinata allinterno dellamministrazione, due erano gli atteggiamenti possibili, spiega l'esponente del PdCI: uno scegliere la stradadei continui comunicati stampa, delle dichiarazioni e dei distinguo di ogni sorta, che si giustificavano solo nellesigenza di ricercare una verginit non pi posseduta, senza preoccuparsi se ci che veniva scritto e detto avrebbe avuto il solo effetto di infiammare le polveri ed aggravare la crisi; l'altro di lavorare politicamente e nell'istituzione cercando di conciliare le diversit e sensibilit politiche di ogni partito di maggioranza senza perdere di vista lobiettivo prioritario ed essenziale per la citt, ossia l'unit della coalizione, prima di tutto e su tutto, anche a costo di perdere visibilit ed autonomia. I Comunisti Italiani questo hanno fatto continua Piccini - ossia hanno scelto il secondo atteggiamento convinti che era lunico modo di dare un contributo per il superamento di una situazione che rischiava di avvitarsi su se stessa con un punto di ricaduta ad effetto 'tornado', distruttivo e con cocci dispersi ovunque senza possibilit di una loro ricomposizione. A parere dei Comunisti Italiani, pi che le difficolt di bilancio, a determinare la crisi sono state le diatribe interne ai partiti, le incomprensioni e talvolta i conflitti che hanno avuto come cassa di risonanza la Giunta e il Consiglio Comunale. Anche se al momento lo scenario non dei pi ottimistici, con lesioni a giudizio del PdcI forse insanabili nei rapporti interni allamministrazione e con un quadro di scomposizione e ricomposizione a breve di una Giunta sottoposta a forti fibrillazioni, i Comunisti Italiani rinnovano il loro sostegno al patto di maggioranza perch venga scongiurata ogni ipotesi di commissariamento, con tutto il negativo che comporterebbe per la citt, affossando, forse in modo irreversibile, la qualit dei servizi, le manifestazioni che la distinguono, la cultura e tutte quelle iniziative che la rendono unica agli occhi del mondo. Il PdCI orvietano, nel rispetto del mandato elettorale ricevuto, vuole stare dentro il processo di risanamento-stabilizzazione del bilancio e di sviluppo da protagonista, nel nome dellunit ma senza rinunciare all'autonomia politica, nella convinzione che le idee debbano contare quanto i numeri. E, quanto ad idee, dato che quando si parla di stabilizzazione e di sviluppo non sufficiente elencare ripetitivamente le cose da fare, il piccolo partito avanza la richiesta al Sindaco e alla coalizione di chiudere tempestivamente lattuale fase e di programmare subito un seminario di lavoro di tutte le forze politiche di maggioranza per mettere a punto la rinnovata azione di governo. La Piave, la discarica, il Centro Studi, Orvieto patrimonio Unesco, la viabilit, lambiente etc. - affermano - sono meri riferimenti se ad ognuno di essi non corrisponda un progetto chiaro e condiviso attuabile in tempi brevi in modo da poter recuperare i ritardi accumulati. Per il raggiungimento di questi obiettivi, ad avviso del PdCI non certo secondaria la nuova composizione della Giunta, che dovr essere proporzionalmente rappresentativa dei partiti di maggioranza, ma anche ridistribuire le deleghe secondo affinit e competenze. Sarebbe infine una visione riduttiva giocare tutto all'interno delle sedi dei partiti e del Palazzo Comunale e non procedere a quel confronto con i cittadini e le loro organizzazioni e a quell'autentica partecipazione che uno dei punti dirimenti per attuare una politica di buon governo . Per i Comunisti Italiani conclude il comunicato diffuso - questo era e rimane elemento primario e vincolante di un programma nel quale si possano effettivamente riconoscere ed a questo principio si rifaranno comunque e sempre spendendosi affinch le grandi tematiche, prima del loro approdo in Consiglio Comunale, siano state interessate da autentica partecipazione democratica.

Commenta su Facebook

Accadeva il 26 maggio

L'Alta Tuscia riscopre i gioielli. Invito a Civita, Palazzo Monaldeschi e la Serpara

Due ori e tre bronzi per la Scuola Keikenkai al 2° Campionato Europeo di Karate Iku

Staffetta dei Quartieri. All'ombra del Duomo si corre la 51esima edizione

La Zambelli Orvieto si ferma sul più bello col Casal De' Pazzi

"Focus on pain" a Palazzo Alemanni. Seconda edizione per il congresso medico

Piazza del Popolo, parcheggi a disco orario non più a pagamento

"L'Eucarestia nell'arte cristiana". Conferenza Rotary in Duomo

Corso da tecnico audio e corso di informatica musicale al "Tuscia in Jazz 2016"

Alla Galleria Falzacappa Benci di passaggio i pellegrini di Giorgio Pulselli

A Guardea ed Alviano le musiche di Piovani e Morricone per il Concerto di Primavera

"Basta un Sì per cambiare l'Italia". Incontro a Sferracavallo con Luca Castelli

La Kansas State University sempre più presente sul territorio orvietano

Legambiente denuncia gravi profili di illegittimità del calendario venatorio

Il Coro degli Alpini dei Monti Lessini in concerto

Filippo Orsini relaziona su "Bartolomeo d'Alviano, Todi e l'Umbria tra XV e XVI secolo"

"Una buona stagione per l'Italia. Idee e proposte per la ricostruzione del Paese e dell'Europa"

Alla scuola Frezzolini di Sferracavallo s'inaugura la biblioteca "Sheradzade"

Nasce l'Albo sostenitori "Orvieto Cittaslow". Ecco da chi è composta la commissione

Divieto di pesca per consumo alimentare sul Paglia, scatta l'ordinanza del sindaco

"Etruschi 3D". Presentata la mostra multimediale curata dall'Associazione Historia

Che cos'è "Etruschi 3D"