politica

Concluso il primo ciclo di lezioni del corso di orientamento e formazione alla politica di Emily Umbria. Parola d'ordine: essere ovunque si decida

giovedì 19 aprile 2007
Si è concluso il primo ciclo di lezioni del corso di orientamento e formazione "Una via per la politica", rivolto alle donne di Emily Umbria, tenuta dalla dott.ssa maria Rosa Torriglia, psicologa e consulente di Emily Italia. Il lavoro svolto dalla docente con le 24 partecipanti è stato di notevole importanza, sia a livello individuale che di gruppo. La condivisione e la partecipazione degli obiettivi individuali, proiettati nel contesto generale del bene comune, ha dato vita ad un forte spirito di coesione tra le intervenute. I problemi, le ambizioni, le competenze, le caratteristiche, le diversità di ognuna, sono state il collante della nascita di un nuovo gruppo, tutto al femminile, pronto a crescere, ad evolvere, a contribuire a migliorare la qualità della vita propria ed altrui. "La progettualità scaturita, di ottimo livello, sia in termini qualitativi che innovativi, conferma che le donne possono proporsi nei luoghi del potere, politico "e lavorativo - si afferma in un comunicato dell'associazione -. Bisogna agevolare i percorsi atti al raggiungimento di questi obiettivi, visto che a tutt’oggi sono quasi nella totalità irraggiungibili. La proposta di legge, che ha come obiettivo la presenza paritaria nei contesti decisionali, come condizione di democrazia, presentato dall’UDI in sede di riforma elettorale, '50&50 ovunque si decida', conferirebbe alle donne l’opportunità di fare politica e finalmente di far conoscere le loro capacità amministrative". Nell’ipotesi che fosse approvata a breve termine - afferma la presidente di Emily Umbria Silvia Fringuello - emergerebbero tutte quelle donne che quotidianamente sono soffocate nei contesti lavorativi e familiari, essendo loro stesse a proporre ed approvare leggi favorevoli alla libera autodeterminazione femminile. Il duro lavoro ed il sacrifico che le 24 partecipanti al corso affrontano è lodevole, fuori dal comune. Le motivazioni che impegnano queste donne, in questa ardua ed ambiziosa impresa, hanno tutte un unico comune denominatore, l’essere concretamente visibili ovunque si decida".

Commenta su Facebook