politica

SDI non allineato: preoccupazione per la situazione finanziaria del Comune e piena solidarietà a Barbabella

mercoledì 13 dicembre 2006
Lo SDI interviene, nel comunicato congiunto della Federazione di Terni e della Sezione di Orvieto, oltre che sul discorso più generale relativo al processo del Partito Democratico, sulla situazione politica di Orvieto, esprimendo preoccupazione per la situazione finanziaria del Comune e per la vicenda dello stallo della ex Piave e delle dimissioni del Consiglio di amministrazione di RPO. Piena solidarietà è espressa verso il Presidente dimissionario Franco Raimondo Barbabella, sottolineando la validità del suo operato contro quella che viene definita una vera e propria campagna diffamatoria in corso da qualche settimana. Un ultimo passaggio è dedicato anche a scelte che solo una parte della maggioranza si è, secondo i Socialisti, "arrogata il diritto di assumere". La sezione SDI di Orvieto esprime, in sostanza, preoccupazione per la difficile situazione finanziaria del Comune di Orvieto, il cui equilibrio è stato per anni garantito dalle entrate derivanti dalla gestione della discarica “Le Crete”, con entrate che a causa delle “non decisioni” della Regione Umbria sono venute improvvisamente a mancare. “Non si può più far finta di niente; – affermano i Socialisti Democratici locali - di fronte a tale situazione eccezionale va ripensata l’intera struttura delle spese, alcune eccessive, dell’amministrazione comunale. Dobbiamo superare velocemente l’attuale ingessatura del governo cittadino spiegando che il rischio reale è lo sforamento del patto di stabilità e l’ulteriore peggioramento della situazione finanziaria, rilanciando l’azione amministrativa e proponendo una forte azione di comunicazione e di coinvolgimento dell’intera comunità orvietana. I socialisti dello SDI chiedono, in linea con gli accordi della maggioranza di governo di centro-sinistra e in linea con quanto stabilito nel documento programmatico delle linee di indirizzo del Sindaco approvate a giugno, il rispetto di tutto ciò”. Lo SDI si pronuncia anche sulla recente vendita di una parte del patrimonio pubblico del Comune, su quello di proprietà della regione, quale l’ex Ospedale in Piazza Duomo, e anche sulla donazione del Palazzo del Solis, patrimonio che, afferma lo SDI, “ deve contribuire al risanamento economico senza deprimere il ruolo culturale e turistico che Orvieto ha a livello nazionale ed internazionale”. Di fronte alla difficile situazione finanziaria, è inspiegabile, secondo lo SDI orvietrano “l’indecisione che l’attuale amministrazione ha fatto registrare in questi anni sul ruolo di RPO e sul destino del complesso immobiliare delle ex caserme che potevano, e ancora possono, essere il motore della rinascita di Orvieto e che invece, per motivi inspiegabili alla maggioranza dei cittadini orvietani, sono diventate un problema per l’amministrazione comunale e per le forze politiche di maggioranza”. “A questo gioco i socialisti non intendono più partecipare senza un reale chiarimento politico e rimettendo la barra al centro – continua con decisione il comunicato congiunto della federazione di Terni e della sezione locale SDI. - “A tale riguardo, in merito alle dimissioni di tutto il consiglio di amministrazione di R.P.O. i socialisti dello SDI esprimono la più convinta e totale solidarietà allo stesso consiglio e in particolar modo al suo presidente Franco Barbabella, denunciando come strumentale e vigliacca la campagna diffamatoria in atto da qualche settimana. Fino ad ora il Cda di RPO ha sempre operato nel rigoroso rispetto delle linee di indirizzo del Consiglio Comunale e del Sindaco e della sua Giunta. Le dimissioni sono state un atto naturale ed opportuno dopo aver registrato lo stato confusionale che l’amministrazione aveva nel continuare ad esercitare il ruolo di indirizzo su questa delicata ed importante vicenda". "Per questo i socialisti orvietani confermano la piena fiducia al Capogruppo dello SDI prof. Barbabella - conclude il comunicato - che con impegno e rettitudine ha portato avanti, in qualità di Presidente, i compiti assegnati a RPO, decisioni sempre condivise ed approvate dalla maggioranza di governo. Ora, i socialisti dello SDI, sempre in linea con le linee programmatiche del Sindaco, della Giunta e della maggioranza di centro- sinistra che governano la Città, auspicano il prosieguo di una fattiva collaborazione, augurandosi che la Caserma rimanga, insieme a tutti gli altri beni, la grande opportunità di Orvieto e degli orvietani ed esprimono la totale volontà di essere partecipi e non spettatori delle scelte che una parte della maggioranza, a volte, si è arrogata il diritto di assumere".

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 gennaio

L'Italia dei piccoli centri. Amiata e Maremma nel volume monografico di "Testimonianze"

Notte di sangue sull'Autostrada del Sole, muore un trentenne

Nuova seduta per il consiglio comunale. L'ordine del giorno dei lavori

La Vetrya Orvieto Basket attende il Basket Bastia al PalaPorano

La Zambelli Orvieto non si fida della trasferta a Castelfranco

Poste, recapito a giorni alterni, la protesta in Parlamento. Verini (Pd) al Governo: "Rivalutare la scelta"

A Norcia partono i lavori per la scuola elementare

Operazione interforze sul territorio, in arrivo nuovi controlli

Rifiuti, nuova eco-piazzola intercomunale Guardea-Alviano

Riparata la fontanella alla spina danneggiata dal ghiaccio

Gli studenti tuderti alla scoperta del "geometra del futuro"

Vertenza Unicoop Tirreno, dieci posti di lavoro a rischio in Umbria

Gestione impianti termici, in vigore le nuove disposizioni regionali

Coding, in biblioteca prendono il via i corsi per i ragazzi delle scuole medie

Scomparso a 89 anni il Maestro Nino Caruso, l'artista era molto legato alla città

In Via della Misericordia II, aprono Sartoria MIR e Open space di co-working

Le Fiamme Gialle intercettanto un carico di vestiti e accessori con marchi contraffatti

Wine Research Team: una "potatura intelligente" per un prodotto di qualità e piante sane

Lavori edili alla Caserma "Nino Bixio", sosta vietata in Piazza Guerrieri Gonzaga

Sistemazione idraulica del Carcaione, chiude il parcheggio con ingresso da Via delle Mimose

Pulizia programmata delle piazze del centro storico, modifiche alla sosta

L'olio d'oliva è protagonista al centro commerciale Porta d'Orvieto

Lo vidi

"Giobbe o la tortura dagli amici". Il Medioevo va in scena a Palazzo Filippeschi Simoncelli

"Zona 30" a Sferracavallo, si può fare

No alle dimissioni, ma sulla Cecchini il sindaco è chiaro: "scivolone istituzionale"

Differenziata: polemiche e quesiti bipartisan, cittadini e commercianti protestano

Piedibus, il Comune ci riprova: sarà buona la seconda?

La Zambelli Orvieto ha una nuova tigre, è la schiacciatrice Martina Escher

De Francesco "Sette...bellezze", il bomber che fa sognare Orvieto e l'Orvietana

Calendario venatorio, il Governo fissa al 21 gennaio la chiusura per tre specie

Carnevale di Ronciglione tra i 10 più belli d’Italia

Torna su Rai3 "Per un pugno di libri" con i ragazzi del Liceo Classico

Senso unico alternato sulla SP 52 Fabro-Parrano

Cramst: Balli, suoni e sapori da Carnevale alla Festa delle Donne

Seconda edizione del concorso di poesia e narrativa "Saverio Marinelli"

Il cardinale Ennio Antonelli incontra il clero della diocesi di Orvieto-Todi

Area camper a Città della Pieve, partiti i lavori. Ecco il progetto

Il Comune bene comune. Per la tutela dell'autonomia comunale, del territorio e della democrazia

Al Teatro Mancinelli arriva il "Decamerone" di Stefano Accorsi

"Un Mondo Incredibile" al Centro Viva. Torna il laboratorio di teatro e pensiero

Comune e Fondazione Cro riscoprono Giuseppina Anselmi Faina. Presto una pubblicazione sull'artista

L'Opera del Duomo presenta il restauro dei mosaici della facciata

Zalone e la nonna che torna al cinema. Aneddoti e retroscena di un successo

Gianni Pontillo al Teatro "Il Mascherone" con "Politicamente bugiardi"