politica

I DS rispondono all'accusa di limiti e contraddizioni: un partito guida promotore dei progetti per la città. Il 13 dicembre una tavola rotonda sullo sviluppo di Orvieto

venerdì 24 novembre 2006
Riceviamo e di seguito pubblichiamo integralmente una nota stampa dei Democratici di Sinistra di Orvieto e dell'Orvietano, sottoscritta dal coordinatore dell'Orvietano Giorgio Posti e dal segretario dell'Unione Comunale di Orvieto Marino Capoccia. Annunciando l'imminente partenza dei progetti per la ex Piave e una “tavola rotonda” prevista per il 13 dicembre sui temi del futuro sviluppo della città di Orvieto, i DS respingono alcune considerazioni di stampa sui loro limiti e contraddizioni e rivendicano il loro ruolo di promotori delle idee di sviluppo per il futuro della città e il rinnovamento in corso della classe dirigente del partito. Di seguito il comunicato stampa diffuso:
In un recente articolo sul giornale on-line Orvietosì, Dante Freddi, trattando della vicenda RPO, concludeva commentando la linea politica dei DS di Orvieto e dell’Orvietano in questo ultimo anno e mezzo. Come al solito cercando di evidenziare quelli che lui individua in limiti e contraddizioni, non accorgendosi invece che oggi i Democratici di Sinistra di questa città e di questo comprensorio rappresentano una forza quanto mai viva e forte sulla quale i cittadini possono contare con fiducia. Tanta strada è stata fatta in questi ultimi mesi sia all’interno del Partito, sia per il contributo che questo Partito ha dato e sta dando nelle Istituzioni dove amministra insieme alle altre forze del centro sinistra. Dopo mesi di discussioni, partecipazioni e concertazione e dopo un percorso interno agli organismi condiviso all’unanimità, il 10 dicembre dello scorso anno nella Conferenza Programmatica i DS hanno presentato il loro Progetto di Sviluppo per questa città e questo comprensorio, in una fase nuova della vita politica provinciale e regionale. Questo è stato ed è ancora il nostro riferimento programmatico e su questa linea si sviluppa la nostra azione. Un’azione volta alla crescita, alla qualificazione e all’innovazione della città. Come lo stanno a dimostrare importanti e fondamentali atti programmatici elaborati nel recente passato, nonché atti di indirizzo approvati soltanto qualche mese fa, fino all’aggiornamento del programma del sindaco approvati dal Consiglio Comunale da una maggioranza di forze più ampia di quelle che lo ha eletto poco più di due anni fa. Dunque oggi possiamo contare su una base più ampia per sostenere una rinnovata azione politico – istituzionale e passare con più forza alla attuazione delle cose decise. Primo fra tutti “le linee guida per la riqualificazione e valorizzazione del centro storico”; tale proposta ha voluto intanto sollecitare uno scatto in avanti alla classe dirigente orvietana, nel tornare a confrontarsi sul progetto di città e sul suo governo. Nel merito abbiamo parlato della “riqualificazione del centro storico” nel suo insieme e non soltanto di una parte di esso, per poter determinare una rinnovata attrazione. E’ per questo che abbiamo definito il “centro storico il motore dello sviluppo” e la ex caserma Piave “la locomotiva dove si allacciano i diversi vagoni”. I prossimi giorni la locomotiva, con tutti i suoi vagoni sarà messa in moto e noi per primi faremo di tutto per imprimere una forte accelerazione, siamo fortemente consapevoli che si tratta di un grande e ambizioso progetto di riqualificazione urbana, di una nuova spinta: “ la città moderna nella città antica” , che richiede un moderno processo di recupero, riqualificazione e valorizzazione, perché possa imprimere a questa città una rinnovata attrazione per i più giovani, ma anche per le categorie economiche artigianali e commerciali. Si svolgerà il 13 dicembre prossimo da noi organizzata una “tavola rotonda” cui parteciperanno dirigenti, esperti ed operatori delle categorie interessate su questi temi ovvero il futuro sviluppo della città di Orvieto. I DS quello che stanno cercando di fare come classe dirigente è porsi all’altezza di tutto ciò, mettendo in campo tutte le proprie capacità per l’innovazione. Innovazione nella riqualificazione dei nostri quartieri a partire da Orvieto scalo, delle nostre frazioni e dei nostri borghi; innovazione nella nuova area industriale, individuata come “area di eccellenza” per le attività artigianali e della piccola e media impresa che dovrà ospitare , per l’ambiente che la caratterizzerà, per i servizi e le infrastrutture di cui disporrà. Innovazione nel campo delle nuove tecnologie e nello sviluppo della “soft economy” che, insieme al turismo, alla cultura e all’ambiente, rappresenterà un segmento fondamentale delle nostro sistema economico – locale. Innovazione nel comparto agro – alimentare e dei prodotti locali e di qualità, da caratterizzare sempre più come “distretto”, con progetti specifici nel campo delle produzioni, trasformazioni e commercializzazioni. Infine il rinnovato processo di integrazione territoriale in ambito provinciale, dai servizi pubblici locali, a quelli sanitari, da quello del turismo, a quelli universitari per partecipare attivamente e da protagonisti a politiche di area vasta, è fondamentale la crescita dimensionale oltre che di qualità delle nostre aziende in particolare nel campo dei servizi, per essere competitivi, e per poter ammodernare la rete dei servizi ed innalzare la qualità stessa. Ma anche per stare in maniera più adeguata e più forte dentro le dinamiche regionali. Orvieto deve giocare un nuovo e più forte ruolo nel contesto provinciale e regionale, per farlo occorre agire in modo sinergico con tutte le forze importanti della nostra società, siano essi istituzioni, sindacati, imprese, organizzazioni di categoria, associazioni, ecc… Noi oggi siamo in grado di mettere in campo per questo un Partito che ha espresso l’attuale segretario della Federazione Provinciale, che ha recentemente e sempre all’unanimità fatto altre importanti e note scelte, non ultima la cooptazione nella Direzione dell’Unione Comunale di Orvieto di 12 giovani culturalmente molto preparati e con un grande entusiasmo da mettere al servizio di questo Partito. Un grande sforzo e una nuova classe dirigente che si sta mettendo a disposizione in un percorso che il Partito ha unanimemente condiviso. Un Partito che conta 2300 iscritti , che promuove decine di iniziative ogni mese , che ha una organizzazione in grado di svolgere 60 giorni di feste dell’Unità distribuite su tutto il comprensorio, e che è e rimane l’architrave di un centro sinistra che governa per la prima volta tutti i comuni di questa area. Abbiamo messo a disposizione di questa città e di questo comprensorio il nostro Progetto di Sviluppo, pronti come sempre a confrontarci con tutti nel merito, ma convinti che questo possa contribuire alla crescita della qualità della vita dei nostri concittadini. Giorgio Posti (Coordinatore Ds dell’Orvietano) Marino Capoccia (Segretario DS Unione Comunale Orvieto)

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 febbraio

In cammino con il CAI, costeggiando Allerona e i suoi verdi dintorni

Visite pastorali alle Vicarie della Diocesi di Orvieto-Todi. Si inizia da quella di San Giuseppe

La filosofia come scienza di vita al "Caffè Letterario" di Viterbo

Unitus, la ricerca di Agraria e Ingegneria ai vertici in Italia

Affarismi

Zambelli Orvieto dispiaciuta ma pronta a reagire, lo dice Giulia Kotlar

Lavori a Duesanti su strade ed aree pubbliche, in corso la bitumatura nel centro storico

Verso la riqualificazione dell'ospedale. I lavori inizieranno a marzo

Castello di Alviano aperto alle gite scolastiche da tutta Italia

Fiori, i candidi fiori

Unitus, Fondazione Carivit e Accademia dei Lincei insieme per una nuova didattica nella scuola

Beni culturali e sisma, la Regione promuove una mostra alla Rocca di Spoleto di opere recuperate e restaurate

Prorogata fino al 5 marzo la mostra delle Fiaccole Olimpiche

Seconda edizione per "Corri...Amo Orvieto", tappa del 13° Criterium Uisp Gare su Strada

Gori (Anci) replica alla CNA: "La fusione a freddo non funziona"

Per "Amateatro" al Cinema Teatro Amiata "Arriva l'ispettore"

Al Mancinelli "Caruso e altre storie italiane". Nel foyer incontro con il coreografo Mvula Sungani

Via il palo, dentro un milione di visitatori a Civita. Bigiotti: "Al lavoro per potenziare l'offerta turistica"

Convegno su "Aree Interne. Quali prospettive per lo sviluppo del territorio?"

Reduce dal palco di Sanremo, Elodie incontra il pubblico dell'Umbria

Anna Mazzamauro è "Divina". Doppio appuntamento e risate a non finire

Meteo

giovedì 22 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
21:00 2.4ºC 96% discreta direzione vento
venerdì 23 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 6.7ºC 91% buona direzione vento
15:00 5.5ºC 95% discreta direzione vento
21:00 5.1ºC 97% discreta direzione vento
sabato 24 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 6.8ºC 94% buona direzione vento
15:00 7.2ºC 92% buona direzione vento
21:00 4.7ºC 95% discreta direzione vento
domenica 25 febbraio
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 2.4ºC 86% buona direzione vento
15:00 1.2ºC 92% discreta direzione vento
21:00 -2.0ºC 95% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni