politica

Il comunicato stampa del Circolo Orvietano di Rifondazione Comunista

giovedì 21 settembre 2006
La paventata istallazione, nei locali dell’ex essiccatoio del tabacco in località Pian del Vantaggio, di un impianto industriale per lo stoccaggio di carcasse di animali, è già oggetto di una forte mobilitazione dell’intera comunità territoriale, che il Partito della Rifondazione Comunista appoggia pienamente invitando ad una attenta riflessione sulle eventuali scelte dell’Amministrazione Comunale, se e quando l’iter autorizzativo dovesse approdare sui tavoli degli uffici tecnici competenti. Nell’incontro che i cittadini hanno avuto con il responsabile Beni Comuni del Circolo di Orvieto di Rifondazione Comunista, alla presenza anche dell’assessore provinciale Giampaolo Antoniella e comunale M. Cecilia Stopponi infatti, è emerso con grande chiarezza che l’area individuata per la presunta realizzazione di questo impianto di stoccaggio è già fortemente penalizzata dalla presenza dell’impianto della Discarica Le Crete, e rende gia particolarmente difficile lo sviluppo della sua naturale vocazione agricola e turistica, sia per il flusso di transito pesante già presente in relazione all’impianto Le Crete (che indubbiamente vedrebbe un aumento consistente in presenza di un secondo impianto industriale) sia per la salubrità ambientale e paesaggistica dell’area. Se si ravvisasse l’effettiva necessità di un simile impianto nel territorio dell’orvietano, la sua collocazione naturale sarebbe certamente da prevedere nell’area industriale già prevista in località Bardano, peraltro logisticamente più funzionale all’insediamento dell’attuale Mattatoio Comunale, al cui servizio la struttura di stoccaggio dovrebbe essere realizzata secondo le normative vigenti, in attesa dello smaltimento per incenerimento che avviene fuori dal territorio umbro. Rispetterebbe inoltre le linee strategiche più volte sostenute dalle forze politiche di maggioranza e dall’Amministrazione Comunale che prevedono uno sviluppo anche industriale caratterizzato dalla salvaguardia dell’ambiente al primo posto e della compatibilità ambientale, ma anche di un impulso forte verso la filiera dell’agro alimentare, del turismo, della cultura, attraverso la valorizzazione del centro storico e dei “quartieri fuori le mura”. Per questi motivi il Partito della Rifondazione Comunista di Orvieto esprime un giudizio nettamente critico e negativo rispetto all’ipotesi che sta prendendo corpo, disposta ad aprire una riflessione con tutta la cittadinanza e con le Istituzioni su una diversa collocazione dell’impianto.

Questa notizia è correlata a:

Paventata installazione di un deposito di carcasse a Pian del Vantaggio. PRC appoggia la mobilitazione degli abitanti

Commenta su Facebook