politica

Adottato a Ficulle il nuovo Piano Regolatore Generale: riduzione dell'impatto ambientale e recupero del Monastero della Badia

domenica 18 giugno 2006
E' stato adottato a Ficulle dal Consiglio Comunale, all’unanimitŕ, il nuovo P.R.G. che sarŕ pubblicato nei prossimi giorni. Le scelte fondamentali contenute nel nuovo strumento urbanistico riguardano: 1)la riduzione significativa, di circa Ľ, dei volumi esistenti nelle zone turistiche giŕ contenute nel vecchio programma di fabbricazione del 1974, con lo scopo di limitare notevolmente l’impatto ambientale che queste scelte avrebbero provocato; 2)il recupero all’interno di un intervento di carattere turistico, estremamente limitato, del Monastero benedettino della Badia al Monte Orvietano dell’XI secolo; 3)l’estensione della zona di espansione abitativa in localitŕ S.Cristoforo. Una programmazione urbanistica che partendo dalle scelte che negli ultimi trent’anni avevano caratterizzato Ficulle come centro dello sviluppo turistico residenziale ed extralberghiero del comprensorio, cerca di contemplare le esigenze di sviluppo del territorio con le compatibilitŕ ambientali dei luoghi ed il recupero e la sopravvivenza delle emergenze storiche, culturali e architettoniche. “Per quello che riguarda la Badia – afferma il sindaco di Ficulle Bernardino Ciuchi - si tratta di un’operazione particolarmente significativa, studiata prendendo spunto da un documento dei Monaci dell’Abbazia, datato 1638, in cui vengono descritte le proprietŕ del monastero e dove viene rappresentata schematicamente la presenza umana in questa porzione di territorio ficullese. Il nostro intento č quello di evitare che un monumento di grande interesse storico, culturale e religioso, in fase di totale abbandono e degrado, rischi di scomparire. Č chiaro che il grande interesse della comunitŕ per questo bene si sposa con un interesse piů generale della testimonianza di una presenza di particolare rilievo internazionale, che č quella del monaco camaldolese Graziano, fondatore del diritto canonico, che lě visse e scrisse la sua imponente opera”. “Per quello che invece riguarda la zona di espansione – continua il sindaco Ciuchi - si tratta del tentativo di contenere la migrazione, soprattutto delle nuove coppie, che proprio per il fatto che non riescono a trovare soluzioni abitative idonee e proposte che siano in grado di rispondere alle loro esigenze, migrano verso altre realtŕ limitrofe. In questi ultimi anni il fenomeno migratorio se pur ridotto rispetto agli anni precedenti ha riguardato circa 80 residenti, ed ha necessitŕ di interventi strutturali seri e appropriati per essere fermato.

L'Abbazia di Monte Orvietano e il monaco Graziano

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità