politica

Mocio ribadisce la sua posizione ai sindacati assicurando un tavolo di discussione sullo sviluppo

giovedì 18 agosto 2005
di Laura Ricci
Mattinata serrata questa mattina in Comune, in un giovedì particolare che ha visto il sindaco di Orvieto Stefano Mocio da un lato impegnato con rapporti piacevolmente istituzional-sociali, per la visita del nuovo sindaco della città gemellata giapponese di Maebashi e della sua delegazione politica e imprenditoriale, dall’altro alle prese, fin dalle prime ore del mattino, con le organizzazioni sindacali che, escluse e in certo senso scavalcate dagli ultimi eventi relativi alla ipotizzata cava nell’area di Benano - che hanno visto una netta presa di posizione a sfavore da parte del sindaco e dei DS senza un confronto preventivo con le OO.SS. stesse - avevano chiesto un incontro urgente al sindaco nella speranza di una retrocessione di prudenza rispetto a quanto da lui assunto e dichiarato negli incontri degli ultimi tempi con la popolazione o alla stampa.
CGIL e CISL, che negli ultimi giorni avevano diramato una nota che invitava alla cautela nelle scelte e a non prendere decisioni troppo repentine o emotive, ma solo dopo attenta valutazione anche delle necessità occupazionali del territorio, rimproverano a Mocio di non aver valutato attentamente questo aspetto e di aver agito in modo affrettato.
E’ quanto hanno ribadito questa mattina nell’incontro col primo cittadino, al quale si sono presentati oltre che con i segretari locali Trentini e Paggio (rispettivamente per la CISL e la CGIL) e con i rappresentanti provinciali, anche con alcuni operai della Se.Ce., attualmente impiegati nella locale cava del Botto, che temono per il futuro del loro lavoro.
In pratica la posizione dell’amministrazione comunale, anche se non ufficiale e ancora da discutere con tutte le componenti della coalizione di maggioranza (tanto che a questo proposito i Socialisti Democratici e Rifondazione Comunista hanno espresso riserve di metodo e richiamato a una discussione globale sullo sviluppo e sulle molte e intricate problematiche ad esso connesse nelle sedi istituzionali di governo), sembrerebbe quella di non avvalorare l’area estrattiva individuata dal PRGO nei pressi di Benano e, dunque, di non autorizzare la cava di basalto che vi doveva essere individuata; posizione che questa mattina il sindaco Mocio ha, da parte sua, fermamente ribadito, dichiarandosi a favore dello stralcio dell’area estrattiva dal PRG operativo.
Le organizzazioni sindacali, riconfermando da parte loro la preoccupazione per le ricadute occupazionali ed economiche che questa decisione comporta, hanno ottenuto dal Sindaco l’impegno a promuovere, nel prossimo mese di settembre, un tavolo di confronto a livello territoriale con la partecipazione delle istituzioni locali, delle associazioni imprenditoriali e delle organizzazioni sindacali per individuare le priorità di sviluppo del territorio, senza trascurare le attività estrattive che, in termini occupazionali, del modello di sviluppo economico di questo territorio fanno storicamente parte.
Altro impegno “strappato” al Sindaco, l’orientamento a individuare un percorso per prolungare l’attività estrattiva nel sito attualmente esistente a Canale in località Botto, dove la Se.Ce. ha recentemente acquistato nuovo terreno destinato ad ampliare la cava, ampliamento che potrebbe assicurare occupazione agli attuali operai per circa due anni: percorso questo che sarebbe peraltro avvalorato dalla compatibilità urbanistica recentemente rilasciata.
Al termine dell’incontro le organizzazioni sindacali hanno comunque chiesto una riflessione ulteriore sul PRG strutturale, che consenta di valutare ancora, anche con il coinvolgimento dei territori limitrofi, la possibile utilizzazione della risorsa mineraria dell’Alfina.

Incontro interlocutorio in sostanza, che rimanda ad altro e in altra sede l’intricata questione, forse trattandola, da questo punto peraltro legittimo della difesa di una fonte di lavoro, in modo semplicistico rispetto a tutte le complesse componenti che il caso Benano ha messo in moto e fatto esplodere.
Sembra infatti andare ben oltre i termini dell’ambiente, dell’occupazione e dello sviluppo tout court, non solo intrecciandoli, ma mettendoli a confronto anche con nuovi bisogni, nuovi modelli di sviluppo e nuove pratiche politiche che il nostro sistema politico-economico-sociale, ormai arrivato a dei nodi cruciali, se non addirittura epocali, non riesce più a gestire. Si tratta forse di vedere, anche alla luce della crisi del manifatturiero e dell’economia aziendale del territorio – e non solo di questo territorio - verso quale modello di sviluppo prevalente si vuole andare: la questione centrale sembra quasi essere lo scontro tra un vecchio e forse confuso, poco scientifico, per molti non più auspicabile modello di sviluppo, in cui le cave hanno avuto e hanno, nell’Orvietano, un fortissimo ruolo (non è un caso che il presidente di Asso cave, Roberto Biagioli, sia un orvietano) e un modello nuovo – cosiddetto e genericamente detto ecocompatibile – che si sta facendo avanti e che tuttavia richiede, oltre a quel cambiamento culturale che è in corso, un rigore scientifico e qualche seria programmazione, proiezione, analisi di mercato e altro che gli diano autorevolezza e legittimità per esistere.
Questo - proprio questo e non solo questo – ci sembra che sia, in un momento di crisi e di discussione, il compito della politica. Compito che rispetto alle pratiche usuali necessiterebbe, di fronte all’emergenza e in un contesto sociale che procede e si evolve con ritmi estremamente veloci, di tempi molto più rapidi di quelli a cui il vecchio modello era abituato.
E se è vero, come alcuni partiti hanno sottolineato, che la discussione e le decisioni debbano passare per i luoghi deputati e istituzionali – o anche sindacali – le pratiche politiche, probabilmente, di fronte a un bisogno di partecipazione diretto e montante, non potranno più essere le stesse: di questa partecipazione che non si limita più alla delega, che chiede ascolto, parola e protagonismo dovranno in qualche modo farsi carico e tenere conto. Così, se i Socialisti Democratici e Rifondazione richiamano all’ordine, i “movimentisti” dei comitati non demordono e continuano ad incalzare con la presenza e con la parola.
E’ un momento di grande fermento, decisamente conflittuale, decisamente interessante, in cui vecchi e nuovi nodi stanno, per così dire, “venendo al pettine”: spetterà come da mandato al Sindaco, e naturalmente alla sua Giunta e al suo Consiglio, ovviamente ascoltati e valutati gruppi consiliari, partiti, sindacati, categorie, lavoratori, comitati e quanti altri chiederanno parola e ascolto, individuare e approntare nuovi materiali e nuovi stili per tessere.

Commenta su Facebook

Accadeva il 14 novembre

"Speciale Marchesini" su Raitre a cura di Pino Strabioli. Al Mancinelli, "Orvieto per Anna"

"Salci nel ricordo dei suoi abitanti". Il borgo fantasma rivive in un libro

Scherma, Lorenzo Rocchigiani quinto alla prima Prova nazionale Gpg di Ravenna

Premio "Vanghetto d'Oro 2017" a Roberta Morise. In archivio, la 30esima Mostra del Tartufo

Musei di Maremma a portata di click con la nuova App per smartphone e tablet

La Maestà, un Santuario nel cuore dei ficullesi

I classici di Luigi Capuana e Jack London protagonisti da CicloStile

Orvieto Città del Corpus Domini plaude e auspica l'impegno del Comune

Orvieto ricorda l'architetto Torquato Terracina

Maratona dell'Olio, presentata l'ottava edizione. Le aziende dell'Orvietano coinvolte

"Per un pugno di stelle". Occhi sulla Via Lattea all'Osservatorio Astronomico Monte Rufeno

"Ricostruire dopo il sisma". Iniziativa congiunta di Cgil, Cisl e Uil

Via Alberici chiusa al transito delle auto, ma solo per tre ore

Solennità della dedicazione della Cattedrale. Gli appuntamenti

Energia elettrica interrotta per lavori nel centro storico, ecco dove

A1, chiusura notturna all'uscita di Fabro per lavori di pavimentazione

Dedicato a Jan Macko il "Piccolo Concerto di Santa Cecilia 2017"

Il rettore dell'Unitus eletto presidente del Comitato regionale universitario del Lazio

La Farmacia Comunale aderisce: "La prevenzione è un'opportunità"

"DiaDay" per la prevenzione del diabete. Screening gratuito in farmacia

"L'Umbria a New York è stata una straordinaria occasione di promozione"

Tari, il sindaco Caci: "Nel nostro Comune non ci sono errori nel calcolo della tariffa"

Teatro "Lea Padovani", crescono gli abbonati. In arrivo Nicola Piovani

All'Auditorium Taborra rivivono "Gli anni '70: luci e ombre"

Anteprima per "Il mio festival" dedicato alla letteratura per ragazzi

Settimana Unesco alla scoperta delle meraviglie dell'Alfina

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 20

Orvieto tra le "Meraviglie Sotterranee" segnalate dal Touring Club Italiano

"Tutte le ragioni per votare Sì". Incontro con Maurizio Oliviero

Delegazione ad Amatrice per consegnare un bonifico di 10 mila euro

"Gratuita e a caro prezzo: la violenza". Al Moody, lo spettacolo multimediale dei Lettori Portatili

Una Vetrya Orvieto Basket nervosa cede il passo al Bastia

Social Fab Lab organizza anche quest'anno "EreticoFuturo"

"1617-2017 Ippolito Scalza. Verso il Centenario". Conferenza al Museo Emilio Greco

Sisma, riaperte le scuole a Norcia. "Segno di speranza per la città e la Valnerina"

All'Unitus, via agli incontri su sostenibilità e business digitale

Elenco regionale delle buone pratiche in ambito culturale, Tuscia presente con 14 realtà

Piano regionale vaccinazioni, prevenzione e responsabilità verso la comunità

Sisma, runione con Anas su situazione viabilità. Entro pochi giorni riapre la Tre Valli

Campagna di promozione dell'affido familiare. Incontro pubblico in biblioteca

Parco Urbano del Paglia, chiude il sottopasso per ultimare i lavori di difesa idraulica

Azzurra Ceprini Orvieto doma Castelnuovo Scrivia

Mancinelli gremito per Forcellino. TeMa soddisfatta: "Un successo le Lezioni di Storia Speciale"

La 41esima "Fiera dell'Olio Extra-Vergine d'Oliva" trasforma Montecchio in villaggio medievale

"Natività Contemporanee" all'Antiquarium di Tenaglie. Ecco come partecipare

"Orvieto Città Aperta (14 giugno 1944. Un giorno da ricordare)"

L'assessore regionale Bartolini al focus sul referendum promosso dal Circolo Pd

Carlo Fidani: "Racconto un angolo nel quale l'umanità si è piacevolmente chiusa"

"Dopo la sentenza della Corte dei Conti, si apra la fase degli investimenti"

E45-E55 Orte-Mestre diventerà una "smart road", Anas investe 30 milioni di euro

"Bullismo, disagio adolescenziale". Convegno al Palazzo del Popolo con Lions e IIsacp

Guido Barlozzetti fa da testimonial all'orto medievale

Scatta l’indagine per fare chiarezza sull’apertura lampo della ex Coop

Minoranza all'attacco: "Un atto di una gravità assoluta"

Dopo l'alluvione: "Fiumi di parole e pochissimi fatti"

Orvieto Basket under 19 vittoriosa a Spoleto

Orvieto Basket under 15 nulla può contro Perugia

Un po' di Azzurra all'incontro organizzato dal Panathlon Club di Orvieto

"Aceto balsamico e dintorni" al Museo del vino e delle scienze agroalimentari

La Zambelli Orvieto è pronta a rialzare la testa a Rieti

Alviano, Provincia ripristina argine Oasi naturalistica dopo danni alluvione: garantite sicurezza e visite turisti

Progetto "Ambasciatore della Tuscia" al via il workshop con i partner di Berlino

Associazioni sportive e Comune al lavoro per il primo premio Fair Play Città di Orvieto

In archivio l'edizione orvietana di NozzeNews. Organizzatori soddisfatti, appuntamento a Viterbo

Galanello (Pd): "Si blocchi definitivamente il progetto delle pale eoliche"

I sindaci di San Venanzo e Parrano: "Occorre vigilare su questa vicenda"

In arrivo "Phoenix", la rinascita in musica dei "Cherries on a swing set"

I pendolari incontrano la Regione Lazio. Ripristinata la fermata straordinaria a Orte

Appaltati lavori post-alluvione per 735 mila euro

Susanna Tamaro firma a favore dell'Altopiano dell'Alfina

Poesia di Natale 2014

Cerimonia di chiusura per il Giubileo. Il vescovo Tuzia: "Orvieto, custode del Mistero"

Trentini (Cisl): "In assenza di risposte pronti ad occupare la sala consiliare"

VIDEO ORVIETOTV - Don Danilo Innocenzi illustra cerimoniale e significato

Alluvione giorno due. Occhi tristi e volti battaglieri, ma ce la faremo. Come sempre

Risultati summit dell'Unità di Crisi di martedì 13 novembre

Massimo Bruzzi: "per provare a continuare a vivere abbiamo bisogno solo di Voi: i nostri clienti"

Frana il versante Sud di Parrano. Preoccupazione del sindaco Tarparelli

Via Monte Cimino

L'alluvione penalizza gli Orvietani due volte: anche Marina di Montalto in ginocchio

L'Orvieto migliore. Gli "angeli del fango", oggi niente scuola stivaloni di gomma e giù di pala e scopa

Ci ha lasciato Giancarlo Giacomini, un grande uomo del basket orvietano

Confartigianato sull'alluvione nell'Orvietano: "Auspichiamo azioni tempestive e un segnale concreto da parte delle Istituzioni"

Un ricordo di Carla. Un bell'esempio di coraggio e positività.

Dopo l'alluvione, via alla verifica dei danni. La presidente Marini a Orvieto per un quadro delle criticità

I consiglieri provinciali Santelli, Longaroni e Garillo chiedono lo stato di calamità per l'Orvietano

Il dopo alluvione. Far ripartire le imprese, l'Amministrazione comunale incontra imprenditori, artigiani, agricoltori

A Porano il meeting annuale dei centri di aggregazione giovanile dei Comuni della zona sociale n.12 dell'Orvietano

L'alluvione guasta la festa alla 25° Mostra del Tartufo di Fabro

Il dopo alluvione. Italia Nostra lancia un forum di discussione su nuove regole per la gestione del territorio affinché tutto questo non si ripeta

Fabrizio Cortoni: "Ed ecco che succede l'incredibile: tutti a darti una mano, senza che tu debba chiamare"

Il dopo alluvione. La Cna al fianco degli imprenditori: "ripristinare prima possibile le attività produttive orvietane"