politica

Mocio ribadisce la sua posizione ai sindacati assicurando un tavolo di discussione sullo sviluppo

giovedì 18 agosto 2005
di Laura Ricci
Mattinata serrata questa mattina in Comune, in un giovedì particolare che ha visto il sindaco di Orvieto Stefano Mocio da un lato impegnato con rapporti piacevolmente istituzional-sociali, per la visita del nuovo sindaco della città gemellata giapponese di Maebashi e della sua delegazione politica e imprenditoriale, dall’altro alle prese, fin dalle prime ore del mattino, con le organizzazioni sindacali che, escluse e in certo senso scavalcate dagli ultimi eventi relativi alla ipotizzata cava nell’area di Benano - che hanno visto una netta presa di posizione a sfavore da parte del sindaco e dei DS senza un confronto preventivo con le OO.SS. stesse - avevano chiesto un incontro urgente al sindaco nella speranza di una retrocessione di prudenza rispetto a quanto da lui assunto e dichiarato negli incontri degli ultimi tempi con la popolazione o alla stampa.
CGIL e CISL, che negli ultimi giorni avevano diramato una nota che invitava alla cautela nelle scelte e a non prendere decisioni troppo repentine o emotive, ma solo dopo attenta valutazione anche delle necessità occupazionali del territorio, rimproverano a Mocio di non aver valutato attentamente questo aspetto e di aver agito in modo affrettato.
E’ quanto hanno ribadito questa mattina nell’incontro col primo cittadino, al quale si sono presentati oltre che con i segretari locali Trentini e Paggio (rispettivamente per la CISL e la CGIL) e con i rappresentanti provinciali, anche con alcuni operai della Se.Ce., attualmente impiegati nella locale cava del Botto, che temono per il futuro del loro lavoro.
In pratica la posizione dell’amministrazione comunale, anche se non ufficiale e ancora da discutere con tutte le componenti della coalizione di maggioranza (tanto che a questo proposito i Socialisti Democratici e Rifondazione Comunista hanno espresso riserve di metodo e richiamato a una discussione globale sullo sviluppo e sulle molte e intricate problematiche ad esso connesse nelle sedi istituzionali di governo), sembrerebbe quella di non avvalorare l’area estrattiva individuata dal PRGO nei pressi di Benano e, dunque, di non autorizzare la cava di basalto che vi doveva essere individuata; posizione che questa mattina il sindaco Mocio ha, da parte sua, fermamente ribadito, dichiarandosi a favore dello stralcio dell’area estrattiva dal PRG operativo.
Le organizzazioni sindacali, riconfermando da parte loro la preoccupazione per le ricadute occupazionali ed economiche che questa decisione comporta, hanno ottenuto dal Sindaco l’impegno a promuovere, nel prossimo mese di settembre, un tavolo di confronto a livello territoriale con la partecipazione delle istituzioni locali, delle associazioni imprenditoriali e delle organizzazioni sindacali per individuare le priorità di sviluppo del territorio, senza trascurare le attività estrattive che, in termini occupazionali, del modello di sviluppo economico di questo territorio fanno storicamente parte.
Altro impegno “strappato” al Sindaco, l’orientamento a individuare un percorso per prolungare l’attività estrattiva nel sito attualmente esistente a Canale in località Botto, dove la Se.Ce. ha recentemente acquistato nuovo terreno destinato ad ampliare la cava, ampliamento che potrebbe assicurare occupazione agli attuali operai per circa due anni: percorso questo che sarebbe peraltro avvalorato dalla compatibilità urbanistica recentemente rilasciata.
Al termine dell’incontro le organizzazioni sindacali hanno comunque chiesto una riflessione ulteriore sul PRG strutturale, che consenta di valutare ancora, anche con il coinvolgimento dei territori limitrofi, la possibile utilizzazione della risorsa mineraria dell’Alfina.

Incontro interlocutorio in sostanza, che rimanda ad altro e in altra sede l’intricata questione, forse trattandola, da questo punto peraltro legittimo della difesa di una fonte di lavoro, in modo semplicistico rispetto a tutte le complesse componenti che il caso Benano ha messo in moto e fatto esplodere.
Sembra infatti andare ben oltre i termini dell’ambiente, dell’occupazione e dello sviluppo tout court, non solo intrecciandoli, ma mettendoli a confronto anche con nuovi bisogni, nuovi modelli di sviluppo e nuove pratiche politiche che il nostro sistema politico-economico-sociale, ormai arrivato a dei nodi cruciali, se non addirittura epocali, non riesce più a gestire. Si tratta forse di vedere, anche alla luce della crisi del manifatturiero e dell’economia aziendale del territorio – e non solo di questo territorio - verso quale modello di sviluppo prevalente si vuole andare: la questione centrale sembra quasi essere lo scontro tra un vecchio e forse confuso, poco scientifico, per molti non più auspicabile modello di sviluppo, in cui le cave hanno avuto e hanno, nell’Orvietano, un fortissimo ruolo (non è un caso che il presidente di Asso cave, Roberto Biagioli, sia un orvietano) e un modello nuovo – cosiddetto e genericamente detto ecocompatibile – che si sta facendo avanti e che tuttavia richiede, oltre a quel cambiamento culturale che è in corso, un rigore scientifico e qualche seria programmazione, proiezione, analisi di mercato e altro che gli diano autorevolezza e legittimità per esistere.
Questo - proprio questo e non solo questo – ci sembra che sia, in un momento di crisi e di discussione, il compito della politica. Compito che rispetto alle pratiche usuali necessiterebbe, di fronte all’emergenza e in un contesto sociale che procede e si evolve con ritmi estremamente veloci, di tempi molto più rapidi di quelli a cui il vecchio modello era abituato.
E se è vero, come alcuni partiti hanno sottolineato, che la discussione e le decisioni debbano passare per i luoghi deputati e istituzionali – o anche sindacali – le pratiche politiche, probabilmente, di fronte a un bisogno di partecipazione diretto e montante, non potranno più essere le stesse: di questa partecipazione che non si limita più alla delega, che chiede ascolto, parola e protagonismo dovranno in qualche modo farsi carico e tenere conto. Così, se i Socialisti Democratici e Rifondazione richiamano all’ordine, i “movimentisti” dei comitati non demordono e continuano ad incalzare con la presenza e con la parola.
E’ un momento di grande fermento, decisamente conflittuale, decisamente interessante, in cui vecchi e nuovi nodi stanno, per così dire, “venendo al pettine”: spetterà come da mandato al Sindaco, e naturalmente alla sua Giunta e al suo Consiglio, ovviamente ascoltati e valutati gruppi consiliari, partiti, sindacati, categorie, lavoratori, comitati e quanti altri chiederanno parola e ascolto, individuare e approntare nuovi materiali e nuovi stili per tessere.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 settembre

Sfilata di moda lungo Corso della Repubblica per Duedimè Concept Store

Amici della Terra: "Finalmente riconosciute le nostre ragioni"

Paolo Ricci, il gioiellino di Orvieto dagli Allievi Elite del Montefiascone al Savio

Cena del Serancia a Torre San Severo. Palazzo Simoncelli si veste di bianco rosso

No al terzo calanco, "Sentenza che cambierà la storia dei rifiuti in Umbria"

Al PalaPapini Zambelli Orvieto fa le prove generali col Baronissi

Festa dell'Arte all'Università della Tuscia, per sentire e vedere

Cane malato e abbandonato. L'appello: "Fate qualcosa per aiutarlo"

Con Maria a Roma, da Papa Francesco a bordo del treno storico

Incendio alla Piscina, in corso i lavori di pulitura. Si riapre ad ottobre

Pulizia del centro, troppo rumore e disagi. Germani: "Verifiche in corso"

Inquinamento acustico in Strada del Piano, soluzioni in alto mare

Varchi in Via Soliana e Via Malabranca, partiti i lavori

Contributo all'Associazione Lea Pacini, botta e risposta in Consiglio

"Ticket sanitari, il problema esiste". Il 5 ottobre incontro tra Conferenza dei sindaci e Usl Umbria 2

Prelevati soldi dal fondo di riserva: spesi in cultura, servizi e sport

Ratificata dal Consiglio la variazione di bilancio per la manutenzione della Scuola Barzini

Niente Stati Generali del Turismo. "Non c'è alcuna intenzione di ascoltare"

Verso il "Patto per la Sicurezza" del territorio, va avanti la burocrazia per la video-sorveglianza

Liste d'attesa sulle prestazioni sanitarie. Sì unanime del consiglio all'ordine del giorno

Tappa nell'Orvietano per il "Press Tour Umbria" sulla Via Romea Germanica

In mostra alla Casa del Vento due capolavori del Rinascimento

"Come mia madre", una mostra per celebrare il mese mondiale dell'Alzheimer

La Sezione Comunale Avis di Giove festeggia vent'anni di attività

Galgano (CI): "Bene lo stop al terzo calanco, ha vinto la comunità"

Sicurezza urbana, la Regione Umbria vara il piano di programmazione

Settore estrattivo, interrogazione di Nevi (FI) sugli intendimenti della giunta regionale

Adesione "Puliamo il Mondo 2017". Grassotti: "Un'occasione importante"

Ippocastani secchi in Viale IV Novembre, disposta l'ordinanza per l'abbattimento

L'esperienza di gestione di lupi e cinghiali del Parco dei Sibillini approda in Portogallo

Laureati, in Umbria 1.320 assunzioni nel trimestre. Ecco dove

"Sharper 2017". Duecento volontari per la Notte Europea dei Ricercatori

Premi alle associazioni in cammino lungo la Via Francigena

Sanità, Cittadinanzattiva e TdM incontrano i cittadini al Circolo di Ciconia

Interventi sulle condotte idriche, possibili interruzioni del servizio

Addio alla Scuola per Adulti: la denuncia "Il Comune rinuncia senza reagire"

Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, Marco Fratini entra nel consiglio di indirizzo

Frate Alessandro Brustenghi, la voce di Assisi dona voce all'organo del Duomo

Le Giornate Europee del Patrimonio 2016 portano "Sotto e Sopra la Città"

Con "ChocoMoments Orvieto", scatta l'ora dei golosi. Tre giorni da leccarsi i baffi

L'Unitre inaugura il 26esino anno accademico. Recital al Palazzo Comunale

Michele Fattorini in Sicilia: "L'errore ci può stare, proveremo a rifarci"

Istruzioni per l'uso del compleanno

La Zambelli Orvieto torna in campo a Firenze

Poggio Gramignano, Chiesa della Collegiata e musei aperti per le Giornate Europee Patrimonio

"Orvieto sempre più distante da Roma". Sacripanti chiede conto della soppressione dei treni

Come un tremore

Province, entro fine mese tutto il personale avrà la sua destinazione

"AMAtriciana della solidarietà" in Piazza Roma

Memorial Alessio Corradini, il programma della giornata

"Architettura e Natura", chiusa la quarta edizione. Positivo, il bilancio [Video]

Seconda edizione per la Giornata della promozione dello sport e delle attività ricreative

Corso sulla cura dell'ictus e integrazione interna all'Usl 2

Ricordando Margherita

"Orvieto diVino". I vini della Rupe al simposio internazionale in Ambasciata d'Italia presso la S.Sede

Ultimo saluto all'uomo schiacciato dal crollo del solaio della propria abitazione

Promozione e marketing turistico, incontro in Comune per gli operatori del settore

Ventennale di OCC. Nel fine settimana, stand Fisar e incontro "Oltre il cancro...10 anni dopo”

Festa della Madonna della Mercede. Il programma completo, l'ordinanza della viabilità

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni