politica

Lo scandalo Angius e Bellillo: ad Orvieto solo per prendere i voti.

martedì 12 ottobre 2004
Lo scandalo č sotto gli occhi di tutti eppure nessuno dice niente. Un senatore ed una deputata che fanno campagna elettorale promettendo un impegno costante per Orvieto e per il suo territorio, che promettono addirittura di essere presenti per alcuni giorni a settimana in cittŕ in un'apposita sede e che poi, passate le elezioni, non si fanno piů vedere. Dal voto sono passati quasi tre anni e le occasioni in cui Gavino Angius e Katia Bellillo si sono degnati di farsi vedere nel loro collegio elettorale si contano sulle dita di una mano.

Quasi sempre le loro rare prsenze hanno coinciso con i successivi appuntamenti elettorali quando i due sono tornati a chiedere di nuovo il sostegno per i candidati dello schieramento. Assolutamente inesistenti poi (e questo č senz'altro l'aspetto piů grave della vicenda) le iniziative parlamentari a favore del collegio elettorale. Angius e la Bellillo si sono insomma dimenticati dei tanti cittadini che li hanno mandati in Parlamento consentendo loro di continuare una carriera politica retribuita in maniera a dir poco sostanziosa. Di questo vero e proprio scandalo politico che caratterizza generalmente un pň tutti i collegi elettoriali ritenuti "blindati", ma che ad Orvieto ha una tradizione quasi ininterrotta ad opera dei parlamentari del Pci - Pds - Ds (con l'importante e recente eccezione dell'ex senatore Carlo Carpinelli) , nessuno sembra scandalizzarsi; segno evidente che anche nel futuro lo stesso andazzo č destinato a ripetersi esattamente nella stessa maniera.

Questa notizia è correlata a:

Ds divisi sulle candidature per la Regione

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 ottobre