politica

La rivoluzione dei sondaggi

sabato 12 ottobre 2002
Da quando ha cominciato a circolare nei palazzi che contano e a passare sotto gli occhi dei capi dei singoli partiti, lo studio Abacus ha fatto saltare piu' di una persona dalla sedia creando entusiami ed anche depressioni. Si tratta di una proiezione di dati elaborati in seguito ad un sondaggio nazionale su scala locale e perfezionato da alcune analisi di carattere "politologico". Alcuni esperti lo considerano comunque estremamente attendibile. Ecco il quadro che esce dallo studio. I Democratici di sinistra (maggior partito della città) vengono dati tra il 30 ed il 33%, in crescita rispetto alle ultime consultazioni così come del resto Alleanza Nazionale che, attestandosi fra il 17 ed il 19 per cento, si consoliderebbe come il secondo partito per consenso. Anche la Margherita va molto bene con una proiezione oscillante tra il 13 ed il 15 per cento, quindi con quattro punti percentuali di aumento rispetto ai risultati riportati alla Camera con il sistema proporzionale il tredici maggio del 2001. Forza Italia è stimata tra il 12 ed 14 per cento. Un dato quest'ultimo che appare fortemente lusinghiero rispetto al piuttosto misero 7.9 % delle comunali del 99, ma in forte ribasso rispetto alle politiche quando ottenne il 20,71. All'interno di questo risultato sarebbero compresi e non scorporati anche i voti dell'Udc (non presente ufficialmente sulla scena orvietana) e, piu' in generale, dei consensi legati ai partiti di ispirazione cattolica vicini al centro destra. Molto male sarebbe l'andamento dei socialisti dello Sdi che vedrebbero crollare i propri voti.

Commenta su Facebook

Accadeva il 15 ottobre