opinioni

Parma

giovedì 28 novembre 2019
di Fausto Cerulli
Parma

Poi divenne tutto semplice come se fossimo
stati sempre nelle gioie sfibrate a dire
le parole che nessuno aveva detto mai
se non per dare meraviglia alle luci
di Berlino,nelle sere delle danze,
ma era tutto complicato non avevamo
ancora avuto ancora i gesti morbidi
delle donne  antiche di dolcezza,
avevamo soltanto la speranza
di vedere qualche dio, nei boschi
intorno alla casa dove abitavano
quelle donne altere che nelle sere
di pioggia parlavano tra loro di Parma
e le ragazze in bicicletta percorrono
le strade lastricate di pioggia, e nella
piazza maggiore mi aspettava Mirna
e le fotografie commentate prima degli
addio inevitabili. E qualche rosa
lentamente sfioriva.

Commenta su Facebook