opinioni

Calice

sabato 15 giugno 2019
di Fausto Cerulli
Calice

Rosa, mia rosa, tu calice del giardino,
tu che raccogli nettare e pioggia,
tu la rosa, la spensierata, tu
misericordia, tu fragile regina,
tu hai lasciato profumi nella scia
delle stelle, oh rosa, mia rosa
che sei stella tra i fiori, tu muori
ogni sera, sera per sera, e quando
la nuova linfa a vita te riconduce,
hai steli a forma di croce, oh rosa,
e se tu mi lasciassi? Brividi se io
ti sfoglio ti spoglio, e allora tu,
tu, rosa mia rosa, oh tu inventi
e brina e rugiada.

Commenta su Facebook