opinioni

Il pescatore subacqueo

sabato 8 giugno 2019
di Fausto Cerulli
Il pescatore subacqueo

Mi immergo nel lago, riemergo
di nuovo, boccheggio,
le onde del lago mi stringono
i fianchi, conficco il mio dardo
nella grotta trovata nel lago, profonda
e accogliente, si sente soltanto
il respiro di un’onda che sale
e poi scende, poi sale di nuovo,
e mi inonda. Ora il lago diventa
fremente e mi scuote nella
risacca sapiente: il respiro
diventa  lamento. Il lago
ora è pago delle mie immersioni
e si placa. Mi asciugo con il velo
del vento e sfinito mi stendo
sul letto di sabbia rovente.

Commenta su Facebook