opinioni

Leopardi a Porano

venerdì 8 marzo 2019
di Fausto Cerulli
Leopardi a Porano

E di te voglio dire, Silvia,
l’incantata aristocrazia
del volto, le labbra sottili
come lame affilati in sorrisi
che sempre a te stessa
sorridi con luminoso forse
candore.e lo sguardo tuo
sempre attento a scrutare
altri sguardi con aria
di sfida, la dolce sfida
della tua sempre dolcezza
nascosta, quasi fosse
per te debolezza. E la tua
calma, Silvia, somiglia
alla quiete che ha
quella nube, che pioggia
e tempesta nasconde
e  attende un sicuro
arcobaleno per chi
come me non ha pace.
E il tuo silenzio
di molte parole.

Commenta su Facebook