opinioni

Gli orvietani al voto alle prossime comunali

domenica 2 dicembre 2018
di Massimo Gnagnarini, ex assessore al bilancio
Gli orvietani al voto alle prossime comunali

A sei mesi dal Contratto nazionale di governo la vorace competizione per il potere unisce gli uni contro gli altri entrambi irrisi nella bolla di una fraudolenta e cinica devozione al potere sovrano del popolo. Se è impossibile sapere come finirà la tragica farsa della manovra con tanto di dileggio verso i competenti da parte dei nulla sapienti sappiamo, però, che anche una stagione breve può portare grandi danni.

Tra meno di sei mesi si vota per il Comune e allora ai voglia a dire che le elezioni amministrative sono un'altra cosa, l'elettore va sempre dove lo porta il cuore e il cuore si non ha bisogno di pensare. Dubito che a primavera prossima il gradimento verso Lega e 5S si mantenga ai livelli attuali, ma ho meno dubbi nel pensare che non assisteremo affatto a un automatico riflusso dell'elettorato verso il PD.

E questo è il punto. Il PD come partito a vocazione maggioritaria è scomparso non a marzo del 2018 ma nel marzo del 2017 a seguito dell'esito del referendum che bocciò la Riforma Costituzionale. Non si è trattato di un semplice incidente di percorso della brillante leadership di Matteo Renzi, ma di un risultato che ha cancellato la ragione fondante di quel Partito che definendosi a vocazione maggioritaria aveva, per statuto, l'ambizione di riunire tutti i democratici, i liberali, i comitati civici e la galassia della sinistra italiana.Inutili si sono dimostrati, dopo il varo di una legge elettorale proporzionale, i tentativi di alimentare artificialmente un'area di centrosinistra piddicentrica ormai distrutta o cooptata attraverso la partenogenesi di formazioni politiche fiancheggiatrici rabberciate all'ultimo minuto beneficiarie con riserva di qualche poltrona in parlamento a favore dei soliti “culi” eccellenti.

Paradossalmente la forza del PD è stata ed è inversamente proporzionale alla capacità di rappresentanza delle forze cosiddette di sistema che costituiscono certamente i riferimento per la maggioranza degli italiani. Ergo se il PD si scioglierà , comprendendo la fine di un ciclo come fece la DC nel 1993, allora un “centrosinistra” europeista , liberale e progressista potrà riappropiarsi del destino comune offrendo alle nuove generazioni una prateria per coltivare l'alternativa al populismo sovranista e nichilista dilagante a Orvieto come in Europa e soprattutto a beneficio di buona parte di quella maggioranza silenziosa , quasi la metà degli italiani, che da anni non vota più.

In questo quadro gli orvietani il 26 maggio prossimo sceglieranno il loro Sindaco e la squadra di governo cui affidare le sorti della città. Lo strumento sarà un fiorire di liste civiche e indipendenti. Germani e la sua squadra hanno fatto bene perché , dopo anni di immobilismo sia di sinistra che di destra e dopo anni di abbandono della cultura del fare sacrificata al benaltrismo di comodo o all'analisi infinita, sono state compiute scelte comprendendo, finalmente, che amministrare la città non è come scrivere su un foglio le cose migliori da fare, ma per lo più, è scegliere di fare quelle possibili. Infatti per quanto alte e ambiziose siano le aspettative di una comunità locale è solo la loro sostenibilità finanziaria a renderle possibili.

Questa verità incontrovertibile ha caratterizzato, con il successo ottenuto attraverso il risanamento finanziario dell'Ente, il Germani 1.0 . Non so se ci sarà un Germani 2.0, ma so che la strada da seguire è quella già intrapresa.  

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 febbraio

Il Treno Verde di Legambiente e FS fa tappa in Umbria. A bordo, l'economia circolare

GamberoRosso - Il vino, di generazione in generazione. L'Orvieto

TouringClub - Le più belle città sotterranee in Italia - regioni del Centro

L'esordio in campionato di Simone Mari (Orvieto Fc) regala subito due goal

Lei espone quadri astratti di anima

"M'illumino di meno". Ecco dove la condivisione accende il risparmio energetico

La Zambelli Orvieto disputa un'amichevole contro Sant'Elia Fiumerapido

Per Orvieto città sicura, Spagnoli (Consap): “Telecamere, giustizia più severa e risorse a forze dell’ordine”

“Orvieto Sicura” che fine ha fatto il progetto?

CNA: "Dalla fusione dei Comuni tante risorse all'Umbria"

Le sculture esterne della Collegiata in un video promozionale a scopo turistico

Comune all'opera per lo "Street Music Festival 2017". A giugno, la settima edizione

Una barba bianca, da grigia che era

Conclusi i lavori al cimitero di Asproli-Porchiano, in partenza a Torregentile

Verdecoprente, il bando scade l'8 marzo. Spettacoli di residenza artistica in sei Comuni

Potatura in corso, senso unico alternato a Canale

Tecnici al lavoro, interruzione di energia elettrica per un'ora nel centro storico

Parterre di mute internazionali per il 31esimo campionato Sips su cinghiale

Sisma e agricoltura, erogati da Agea oltre 28 milioni di euro

Meningite: 23enne ricoverata a Terni, attivata la profilassi

Effetti post sisma sul turismo: minoranze chiedono sgravio su Imu, Tasi e Tari

Nel Cremonese, l'ultimo saluto a monsignor Carlo Necchi

La pineta

Casa di Riposo "San Giuseppe", a giorni il bando europeo per la gestione

Rifiuti, Camillo: "Il sindaco eviti strumentalizzazioni politiche"

Province, azzerati dalla Conferenza Unificata i tagli 2017

Carta Tutto Treno, raggiunto l'accordo con Comitati pendolari e Federconsumatori

Accordo riparto Fondo sanitario nazionale, all'Umbria oltre 1,6 miliardi di euro

Quaresima Eucaristica, il calendario delle celebrazioni

Sì del Consiglio dei Ministri al decreto legge, previste forme di cooperazione rafforzata

Anci: "Ai sindaci più poteri per garantire ordine pubblico e qualità della vita ai cittadini"

Verso "Orvieto in Fiore 2017". Terremoto e rinascita il tema delle infiorate