opinioni

Fontana

giovedì 8 novembre 2018
di Fausto Cerulli
Fontana

Lei, la donna che a me par francese,
volto pallido sempre, occhi scuri
che ti fissano dolci e crudeli,
le sue dita lunghe a massaggiar
capelli quasi in carezza sottile,
giornali sgualciti che nessuno
legge, stordito ognuno dal suo
sorriso malizioso senza volerlo,
talvolta pensoso, di pensieri
indecifrati, e ti sembra donna
che frequenta bistrò, che vive
la Ville Lumiére, e se bene
la scruti, nel suo essere
molto donna, nel corpo
minuto, capelli scuri
che lei intreccia ogni giorno
in modo diverso, passo
agile come volesse fuggire
o tornare per sempre
chiedendomi versi che
non hanno rima, lei, la donna
che sa di essere donna,
lei, la fontana di acqua
di fonte.

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 gennaio