opinioni

Orvieto e la vita notturna: due strade parallele

martedì 5 giugno 2018
di Edoardo Pieretti
Orvieto e la vita notturna: due strade parallele

Ormai è noto a tutti il fatto che sulla rupe qualsiasi tipo di attività si fermi prima del previsto e che le luci, metaforicamente, si spengano troppo presto. L’ idea che in un punto di incontro come Orvieto non ci sia più nulla da fare dopo mezzanotte è piuttosto paradossale. Certamente stiamo parlando di una realtà di quiete tipica dei paesini come il nostro e non di Dubai, ma l’istituzione di nuove attività notturne o l’attuazione di nuovi programmi potrebbe giovare alla città stessa; infatti, soprattutto presso i giovani, l’affluenza di gente durante le sere dei week-end oppure dei giorni festivi sta costantemente diminuendo: zero locali aperti, zero posti dove trascorrere una serata con gli amici.

Bisogna pensare che nella società attuale rispettare le tradizioni e progredire con i tempi hanno la stessa importanza e che bisogna dare il medesimo valore ad ogni fascia d’età. I giovani costituiscono un punto fondamentale per il progredire di una comunità e per questo bisognerebbe adattare anche realtà piccole alle loro esigenze. Ormai l’idea è quella di una città spoglia, di una città che non ha nulla da offrire, di un luogo di noia e calma piatta.

Si potrebbe partire da una organizzazione più sensata degli spazi pubblici, come quello del giardino di san Giovenale, dove il campo da calcetto è chiuso ed abbandonato "a se stesso", e degli edifici ipoteticamente utilizzabili, come la Caserma Piave e il vecchio ospedale, per arrivare poi anche ad un’ amministrazione sensata dei parcheggi, abbassando il prezzo e gestendo meglio gli orari di apertura e chiusura, come nella zona delle scale mobili. Sarebbero benefici non solo per la vita notturna, ma anche per manifestazioni come turismo. Contando anche che porterebbero gli abitanti a spendere nell’ ambito del centro storico così da favorire in una fetta, seppure minima, l’economia orvietana. Cambiamenti magari sofferti, ma come si dice "Per Aspera, Ad Astra".

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 ottobre