opinioni

Francesco

sabato 21 aprile 2018
di Fausto Cerulli
Francesco

Dedico a te che stai sulla collina
a rimirarci vivi, un pensiero
senza peso, e ti parlo
di questa primavera.
sentine il tepore,
ascolta, se lo puoi,
la voce dei rondoni,
e non dimenticare
che eri vivo, e vivevi
la vita con vitale
esuberanza. Ti scrivo
da una stanza affacciata
sul ricordo di te,
amico, ahi, hai, quanto
amico allora, amico
sempre, mio quasi
figlio, Francesco.

Commenta su Facebook