opinioni

"Perugia, batti un colpo. Troppe prevaricazioni e troppi bluff a danno di Orvieto"

domenica 15 aprile 2018
di Massimo Gnagnarini
"Perugia, batti un colpo. Troppe prevaricazioni e troppi bluff a danno di Orvieto"

Rivolgersi a Perugia con il cappello in mano per ottenere prebende a favore di Orvieto è stato per decenni uno dei leitmotiv della politica orvietana. Ma in un epoca di globalizzazione post ideologica come quella che viviamo non esistono più modelli di sviluppo regionale da perseguire ne, tanto meno, poteva reggere in Umbria un cosiddetto sistema di potere orientato, come da più parti si sostiene, verso una ridistribuzione delle risorse pilotata politicamente per favorire la tenuta del partito fino a ieri considerato egemone.

La Regione oggi è un Ente che dovrebbe specializzarsi nella erogazione di servizi strategici sul territorio al servizio delle municipalità locali. L'Umbria in particolare per molti settori economici tra cui quello turistico, è la somma di brand specifici e distinti che peraltro esistevano già prima degli anni settanta. In questa ottica il bilancio per Orvieto, nel suo rapporto con la Regione, resta decisamente sfavorevole in molti dei settori di competenza.

Cominciamo dai trasporti. Orvieto, tra tutti i Comuni dell'Umbria, è tra quelli che mette più soldi che gravano direttamente sul proprio bilancio per integrare i costi coperti solo in parte dal fondo nazionale che viene ripartito sul territorio dalla Giunta regionale. Tutto ciò avviene nonostante che da decenni la città abbia conferito al sistema dei trasporti regionale la gestione della propria Funicolare che, da sola, rappresenta uno dei pochi asset attivi e milionari per Bus Italia, la società che ha in appalto il servizio dei trasporti in Umbria.

Gli sforzi compiuti dall' Amministrazione Germani per riequilibrare tale incongruenza hanno dato finora qualche frutto, ma la sperequazione economica resta alta e va colmata a favore di Orvieto. Non giova la recente opzione a favore della stazione ferroviaria di Chiusi scelta come nuovo terminal per l'alta velocità e che viene accolta come strategica dai perugini ignorando così, in alternativa, la stazione ferroviaria di Orvieto che, peraltro, sta in Umbria e non in Toscana.

Uno strabismo che possiamo ritrovare nella storia della strada complanare costruita per metà e che dovrebbe risolvere i problemi del traffico nella Valle del Paglia, ma i cui tempi biblici di finanziamento regionale ne hanno finora minato l'utilità impedendo il formarsi di un quadro certo che la ricomprendesse come asse viario principale per una necessaria e improrogabile riprogettazione generale della nostra viabilità locale. Un'opera che così com'è non è nemmeno più utile, ormai, a una discarica regionale quasi dismessa, per agevolare l'accesso dei veicoli pesanti ad essa correlati, come taluni avevano insinuato.

Cultura e Turismo. Avete presenti i numerosi bluff con cui molti operatori minacciano di portare via le loro attività e i loro eventi da Orvieto qualora il Comune di Orvieto non intervenga con adeguati contributi ?Non è una specialità solo dei privati infatti la stessa pratica la possiamo ritrovare, da alcuni anni, in seno all'evento principe che ogni anno si svolge nella nostra città ovvero Jazz Winter. Non c'è vigilia o post festival in cui gli organizzatori non reclamino soldi dal Comune oltre a quelli preventivamente già stanziati. Sarà sicuramente così anche quest'anno e già ne abbiamo avuto un'avvisaglia dalle recenti notizie di stampa dove si è titolato: “A Orvieto a rischio anche UJW”.

Ebbene apprendiamo che la Fondazione UJ da quest'anno realizzerà a Terni dal 27 aprile al 1 maggio “Umbria Jazz Spring#1” dove il Comune di Terni non compare né come sponsor nè come finanziatore istituzionale mentre compare il Comune di Orvieto quale socio della Fondazione di partecipazione di Umbria Jazz.

Se da un lato è apprezzabile che il brand si arricchisca di un altro evento in un'altra città umbra, preoccupano i risultati economici probabilmente in rosso che andranno a gravare sul bilancio della Fondazione. In altre parole non si capisce per quale motivo, anche alla luce dei nuovi finanziamenti pubblici ottenuti, si chiederebbero al Comune di Orvieto altri soldi per ripianare i conti di UJW mentre, allo stesso tempo, si impiegano le risorse nuove della Fondazione per realizzare un terzo festival senza l'intervento finanziario dell'Amministrazione locale interessata dall'evento.

Che centra la Regione Umbria in questo ? Centra eccome. Essa insieme ai Comuni di Perugia e Orvieto è proprietaria della Fondazione Umbria Jazz che, dal 2017 e per gli anni a venire, è stata ricompresa tra quelle finanziate dal Ministero dei Beni Culturali con 1Mln di euro di contributo all'anno per lo svolgimento del Festival finora articolato negli appuntamenti estivi di Perugia e in quelli invernali di Orvieto.

Sono sicuro comunque che anche quest'anno non ci saranno problemi per lo svolgimento di UJW, tuttavia mi auguro che possa cessare anche questo strano format polemico sui soldi da chiedere agli orvietani che pagano le tasse.
Traggo questa mia certezza dal fatto che anche per il Jazz, come per ogni altra forma d'arte, Orvieto rimane Orvieto mentre l'Umbria è una semplice espressione geografica.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 ottobre

Traversata dei Monti Cimini con il CAI e incontro sui pericoli in montagna

Esordio Orvietana Rugby Under 16

Autopsia sul cacciatore morto, indagato il compagno di battuta

Barberini: "Il sistema sanitario umbro è un esempio da seguire, qualità certificata e riconosciuta"

Delegazione sudcoreana in visita alla sede centrale di Cittaslow

Convegno su "L'Umanesimo economico di Papa Francesco nella lotta alla povertà"

Furti in abitazione nelle campagne, i carabinieri beccano topo d'appartamento

Marini a confronto con Landini (Cgil): "Centrale, la crescita dimensionale delle imprese"

Le Crete, Nevi (FI) interroga sul paventato ampliamento del secondo calcanco

Caprarola regina dell'autunno enogastronomico e turistico della Tuscia

Giornata Europea contro la Tratta, fenomeno drammatico diffuso anche in Umbria

Incontro Regione-Province umbre. Obiettivo, approvare il bilancio ed evitare il dissesto

Debora Caprioglio al Teatro Boni con "Callas d'incanto"

Zambelli Orvieto pronta a graffiare contro Caserta

Federalberghi, Confcommercio e Confesercenti chiedono l'alta velocità a Chiusi

La Polizia Stradale compie settant'anni. Il calendario delle celebrazioni

Espulso appena uscito dal carcere di Via Roma dopo aver scontato due anni

Fontana

Palazzo orvietano

Sportello del Consumatore, nuovo servizio di tutela contro banche e assicurazioni

Profumi d'autunno, torna la Festa dell'Olio Extravergine di Oliva Novello

Fuga dei giovani dall'Umbria. Gallinella (M5S): "Condizione insostenibile creata dalla Sinistra"

"Viaggio nell'Umbria tra '800 e '900". Pomeriggio di musica, storia e recital in onore di Silvio Rossi

Al Csco alta formazione per "Tecnico specializzato in accoglienza per rifugiati"

"Luigi Barzini, inviato speciale. L'avventura continua" nel VII decennale della morte

Alle radici della fede con il ciclo di incontri "Tu chi sei? Dove stai andando?"

Nuovo video per la LIPU di Francesco Barberini ed altri appuntamenti per la sua conferenza

L'Osservatorio Le Crete-Tavolo dell'Ambiente chiede garanzie sulla salute

Vittorio compie cento anni. Auguri "uomo silenzioso, umile e con un grande cuore"

Il vento mi ha detto

Linux Day 2016. Dodicesima giornata orvietana dedicata al sistema operativo GNU Linux

Partenza con il botto per la Vetrya Orvieto Basket

Orvieto Fc si impone sul campo di Spello contro i Grifoni

Il popolo italiano unito per il No (primo paragrafo)

Orvietana in palla, niente da fare per il Ducato

Piloti orvietani in evidenza, stagione ad alti livelli

In arrivo 1,4 milioni di euro per il centro storico. Soddisfazione dell'amministrazione comunale

Prosegue il programma di sostituzione dei contatori dell'acqua obsoleti

Umbrex a Orvieto. Il circuito di credito commerciale che facilita gli scambi tra aziende, professionisti e organizzazioni

"Corso introduttivo per assaggiatori di olio di oliva", ecco le tappe del viaggio

L'intervento del Comitato per l'Acqua Pubblica dell'Orvietano

Vetrya e Università della Tuscia: formazione 4.0 per gli studenti del corso Marketing e Qualità

Dall'Ohio a Lugnano, una famiglia statunitense adotta alcuni ulivi della collezione mondiale

Tari, il Comune di Alviano vara sgravi per le famiglie meno abbienti

E mi chiedevo nella luce del sole

Inaugurato il nuovo campo sportivo. Gli auguri di Leonardo Bonucci, l'apprezzamento della FIGC

"Destination Wedding: Orvieto città per gli sposi". Il giorno più bello parte dall'ex Chiesa di San Giacomo

Azzurra Ceprini Orvieto. Con Empoli si decide tutto all'ultimo minuto

"Teatri Aperti" tra visite guidate ed eventi gratuiti. Ecco dove l'arte dà spettacolo

Corsi di formazione gratuiti e tirocini retribuiti con il programma delle politiche del lavoro della Regione

Thyssen. Ferma la risposta dei Sindacati all'Antitrust Ue: "no a spacchettamento Ast"

Ast Terni. Il Consiglio provinciale approva un ordine del giorno a sostegno della vertenza

Ast Terni. Anche Orvieto sostiene l'integrità del polo, approvato un ordine del giorno in consiglio

Ast Terni. Presidente Polli: "Il governo ha condiviso le posizioni di istituzioni e sindacati"

Ast Terni. Presidente Marini: "Il Governo ha fatto propria la nostra richiesta di mantenere l'integrità del sito"

Fisar. Non solo a Orvieto per diffondere e promuovere il buon bere e il bere consapevole

Tk-Ast Terni. Decisiva la mobilitazione dei lavoratori, Outokumpu cambia strategia e vende tutto insieme

Ast Terni. Polli: "L'apertura di Outokumpu è importante, ora lavorare uniti"

L'assessore regionale Rometti incontra i pendolari e fa il punto della situazione

Il sindaco di Fabro Maurizio Terzino è stato ricevuto a Roma dall'ambasciatore del Marocco

"... A tutto palco", la nuova stagione del Santa Cristina di Porano

Giubileo Eucaristico 2013/2014. Incontro tra Mons. Tuzia e i comuni di Bolsena, Orvieto e Todi

Screening su prevenzione e salute del cavo orale nei bambini di 6 e 12 anni dell'Orvietano. Buoni i risultati

A Allerona la XXII° Mostra Micologica Interregionale dal 20 al 23 ottobre

Orvieto piacevolmente invasa dalle riprese cinematografiche di "Buongiorno Papà"

Riordino istituzionale dell'Umbria. Consiglio comunale urgente convocato per sabato 20 ottobre

La Compagnia Mastro Titta torna al Mancinelli con Hello Dolly