opinioni

Art Bonus, in Part Bonum. Alla ricerca del Mecenate (del Tempo) perduto

lunedì 19 marzo 2018
di Gianluca Foresi
Art Bonus, in Part Bonum. Alla ricerca del Mecenate (del Tempo) perduto

Con estrema gioia accolgo l’istituzione e lo svolgimento ad Orvieto della Settimana dell’Arte, legata all’Art Bonus, istituito nel 2014, che permette a cosiddetti mecenati di effettuare delle erogazioni liberali in denaro per sostenere e favorire il patrimonio culturale e lo spettacolo. Aggiungo che tali erogazioni non sono fine a se stesse o a fondo perduto, diciamo cosi, ma danno diritto al credito di imposta.

In queste giornate si sottolinea l’importante presenza del volontariato, grazie ad un paio di iniziative, inserite nel cartellone generale, che avranno come protagonisti volontari dell’arte e gli studenti dell’IISACP. Encomiabile dunque l’averli inseriti tra gli attori di questa settimana.
Fin qui tutto bene e tutto estremamente interessante e condivisibile, specie per quegli eventi dove si riscontra il desiderio di mettere in risalto personalità e artisti che a Orvieto hanno vissuto e che tanto hanno dato all’arte, non solo locale, penso all’evento dedicato all’indimenticato Livio Orazio Valentini.

Scorrendo il programma però si viene colpiti di contro, con estremo dispiacere, dal fatto che alla voce “Incontroseminario: Art Bonus per la cultura e cultura della donazione” fra i tanti ospiti non sia stata considerata la presenza di rappresentanti delle molte associazioni culturali e sociali del territorio, che si fondano sulla cultura delle donazione. Una donazione che per molti motivi non è principalmente quella in denaro, anche se qui si potrebbe aprire una lunga parentesi al riguardo, ma rientra invece in quella della propria esperienza, delle proprie passioni, dell’amore per la città e soprattutto quella del proprio tempo, che, come recita un adagio, è prezioso fino ad essere definito Denaro.

Si parla tanto di mecenati e mecenatismo economico, ma di mecenatismo del tempo si pensa di poter fare a meno o che non sia altrettanto utile e importante per i monumenti e le opere d’arte quanto il contributo economico. Questo testimonia ancora una volta che si ritiene patrimonio culturale solo quello materiale e non si tiene in nessun cale il patrimonio immateriale di una città, di una nazione: ci si dimentica dei mecenati del tempo al servizio di iniziative fra le più varie in termini di eventi: spettacolari, folcloristici, enogastronomici, musicali, teatrali, rievocativi, popolari e che vanno a incidere sul tessuto socio-culturale e spirituale (qui non inteso soltanto in senso religioso) delle varie realtà.

Ma non finisce qui. Il contributo che queste persone danno, lontanissimo da interessi particolari, se non quello di veder viva e far crescere la città nella quale operano e forse anche per il piacere di veder riconosciuto il proprio sforzo e “lavoro”, non si esaurisce nell’evento in sé, ma incide in qualche modo anche sul luogo che si sceglie e che viene eletto a teatro della rappresentazione e dell’evento.

Questi luoghi - piazze, palazzi, musei, biblioteche, chiese, siti archeologici - utilizzati come palcoscenici attraggono su di sé l’interesse del pubblico, di sponsor, di operatori economici, della stessa amministrazione, di organi d’informazione e le attività che in essi vi si realizzano ridanno spesso luce e vitalità a spazi poco frequentati, dimenticati e lasciati morire. Questi interventi sono prima dedicati all’anima del luogo e poi in secondo luogo (i giochi di parole sono e-voluti) anche alla possibilità di riportarli a nuovo splendore con interventi di pulizia, ripristino e attenzione da parte di altri mecenati, che un domani potrebbero investirci capitali per salvarli dall’oblio. Non solo, ci sono casi in cui le stesse iniziative portate avanti volontari del tempo hanno permesso incamerare finanze che vengono reinvestite nella ristrutturazione, nella salvaguardia e nella tutela di beni architettonici.

Per venire al livello locale e parlare più nello specifico della realtà orvietana, suona come un campanello d’allarme il fatto che nessuna delle associazioni che da anni, ma anche chi da meno tempo, si spende sul territorio cercando di pro-muoverlo e renderlo vivo con impegno, sacrifico, dedizione e spesso anche sottostando a forti critiche in nome della polemica tout court, sia stata chiamata a dare un contributo ideale e a far ascoltare la propria voce ed esperienza: penso a Orvieto in Fiore, che ha ridato luce a luoghi dimenticati o nuova vita alla Piazza del Popolo, oggi al centro dello scontro politico; penso ai ragazzi di Santa Perduta, che rivitalizzano lo splendido giardino sotto la chiesa di san Giovenale e lo stresso dicasi dei volontari del presepe vivente;

penso agli organizzatori dell’Atomic Garden e alla divertente iniziativa di A Bouche bée; penso ai volontari del FAI; penso (anche se interessato) alla neonata Orvieto1264, che con la prima edizione dei Ludi alla Fortezza ha riportato attenzione e, mi permetto di dire, lustro a un luogo simbolo della nostra storia, ma che ormai era relegato idealmente, e non solo, alle propaggini quasi remote del centro storico, e che di recente veniva ricordato solo per tristi vicende; penso, infine, soprattutto all’associazione Lea Pacini, che nonostante tutte le sue contraddizioni e beghe interne, ha in tutela uno dei beni più preziosi che la città possieda, dopo il Duomo, il Pozzo di San Patrizio e i siti archeologici, e sorprende che il patrimonio dei costumi, da tutti voluto salvare dalla inesorabile legge del tempo, non sia stato inserito nell’elenco delle opere su cui l’Art Bonus con i suoi mecenati potrebbe intervenire per strapparlo all’usura di quel Tempo che in questo caso è nemico dell’arte. Tante poi quelle che dimenticherò sicuramente in questo elenco e me ne scuso anticipatamente.

Insomma accolgo con enorme favore lo sforzo di mettere insieme tante energie e convogliarle dentro questo evento che fa compiere culturalmente un passo avanti rispetto ai primi tre anni di consiliatura, ma non posso non far notare che è risultato altresì un piccolo passo indietro e un inciampo che si sarebbe potuto evitare, soprattutto alla luce del sempre evidenziato desiderio dell’attuale maggioranza di coinvolgimento e condivisione delle tante realtà presenti e che con discreto successo operano sul territorio. Mi auguro infine che la seconda edizione della Settimana dell’Arte terrà in considerazione queste realtà di mecenatismo e i loro appartenenti che investono sulla città donando il proprio tempo, che è forse anche più prezioso del denaro, se speso al servizio di nobili e disinteressate cause.

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 aprile

"Kaki Tree Project". Semi di pace per l'inaugurazione del Giardino delle Farfalle

"Orvieto a tutta Birra". Per tre giorni, la birra artigianale fa festa in Piazza del Popolo

Assemblea pubblica su "La chiusura dell'Ospedale e del Pronto Soccorso di Città della Pieve"

Zambelli Orvieto riapre le porte del PalaPapini per ospitare l'ostica Firenze

Olimpieri (IeT): "Un altro colpo alle attività produttive, bravo Germani"

In più di 150 per la "Festa del Ruzzolone". Il sindaco Terzino: "Orgoglioso di questo gruppo"

Laura Palmese (Orvieto Fc) verso il Torneo delle Regioni con la rappresentativa umbra femminile di Mister Pierini

Liberazione, la Consulta dei Giovani di San Venanzo incontra le scuole

L'assessore Gnagnarini replica a Olimpieri: "Le tasse e i ciarlatani"

Per "Amateatro", la Compagnia del Cantico porta al Boni "Cani e Gatti"

Approvato il calendario scolastico 2017-2018. La campanella suonerà il 13 settembre

Francesco Barberini vola a Napoli con il WWF e trova anche i dinosauri

Dal CIPE le risorse per i lavori al cimitero di Casemasce

Nell'anniversario della morte di Eleonora Duse

Si riunisce la Consulta del Lago di Bolsena. "Una risorsa da tutelare"

Al via la mostra-mercato delle eccellenze agroalimentari in centro storico

Seminario CIA sul registro telematico vitivinicolo. L'Umbria ha aumentato l'export di vino dell'11,35%

Valerio Natili eletto segretario generale regionale Fisascat Cisl e Fist Cisl Umbria

"Antitodi e tecniche contro l'antipatia digitale". Seminario al Palazzo dei Sette

"Sono i cittadini i primi a subire le conseguenze di una disorganizzazione organizzata"

Il Ministero dell'Interno conferma i presidi di Polfer e Polstrada

Al via la XXII edizione de "Il Libro Parlante". Gli appuntamenti di primavera

A maggio, Fiaccola Olimpica in Piazza Duomo. In Comune, la premiazione di "Ragazzi in gamba"

Nel 72esimo Anniversario della Liberazione, "Orvieto Cammina" per la libertà

Tre giorni di festeggiamenti a Baschi in onore di San Longino

Davide vs Golia, punto di vista sulle Primarie Pd

Accordo di collaborazione tra la Chinese Academy of Sciences e l'Università della Tuscia

Domenica su due ruote con il Vespa Club, arriva "Orvieto in sella"

Gianni Minà dialoga con Stefano Corradino: "Documento da cronista, vivo da protagonista"

Storia e cronaca della Resistenza italiana ed europea, arriva la mostra dell'Anpi

Scuola Keikenkai: sei campioni Italiani e cinque in attesa della maglia azzurra

Inaugurato il primo "Unitre Smile" realizzato dalla Bottega Michelangeli

Soddisfazioni in casa Radio Frequency Expert. Suo, il lotto Centro Nord

Ferma lo scuolabus e mette in salvo una bambina, poi muore

Sindaci protagonisti del cambiamento

Lo scandalo di potenza sui conflitti di interesse al mise si allarga alla geotermia

Gianluca Foresi modera il Meeting Nazionale delle Fondazioni a Gravina di Puglia

Test di successo il primo "Wine Show Orvieto, gemellato con il 50esimo della Castellana

Scampagnata del 1° Maggio nel Convento dei Cappuccini con Letteralbar

Senso unico alternato e chiusure sulla provinciale 46 di Tordimonte

Il Comune aprirà la sfilata in Vaticano per la 32esima edizione di "Viva la Befana"

In mostra le opere di Francesco Catteruccia. Proseguono i festeggiamenti per la S.Croce

Il Comune condannato dal giudice del lavoro. "Denaro pubblco speso male"

Superare ansia e timidezza

L'Ipsia di Orvieto in visita al Centro di Formazione Enel di Terni

Robert Glasper Experiment una Liberazione R&B al Museo del Vino

Marco Iacampo live al "Valvola". Presenta l'album "Flores"

Il Duomo non è un museo

In mostra le opere di Marco Gizzi. Al Palazzo dei Sette, cavalieri e templari

Passaggio del testimone per la Staffetta del Cuore a favore di Marco Simoncelli

Il PCdI esprime soddisfazione sull'incontro con don Maurizio Patriciello

"100 fiori contro la geotermia". Giornata di mobilitazione interregionale

Auguri a Rita Levi Montalcini. Per i suoi 101 anni diretta da Bologna a rete unificata. Dalle 21 di giovedì 22 aprile 2010 segui l'evento su Orvieto.TV

Gala Five: salvezza raggiunta!

Un aiuto per Haiti. "Hachiko" al Cinema Corso con il Volontariato di S. Vicenzo

Villalalago e Villa Paolina di Porano nella “Rete regionale di Ville, Parchi e Giardini”

Verso la quadratura del Bilancio? Sembrerebbe portare ossigeno il rinnovo della convenzione tra Comune e ATC

Dalla Provincia in arrivo 80.000 euro per la SP "del Piano" a Orvieto

Chiusa la stagione teatrale con Arnoldo Foà, al Mancinelli arriva a sorpresa Enrico Brignano

Scuola di Musica. Oltre 2000 firme a sostegno dell'Istituzione. A fianco degli insegnanti anche i Sindacati

Lettera aperta del Comitato antirumore. Improponibile la bozza di regolamento. Ecco le nostre proposte

L'Intercom dell'Orvietano conferma l'efficacia e l'efficienza della funzione associata di Protezione Civile su base comprensoriale

Eurotrafo. Preoccupazioni dell'UGL per la delocalizzazione. L'azienda: è grazie alle commesse da Cina e India che stiamo salvaguardando la produzione a Fabro

Precisazioni di Confcommercio sulla riunione per il QSV: "Non abbiamo cacciato nessuno, è la legge regionale che detta gli interlocutori della concertazione avanzata"

Commissariare il Comune? Forse prima si dovrebbe commissariare il Pd...

Si getta dalla Torre dell'Albornoz. Muore giovane uomo di Porano

Condanna mite per Oriano Ricci. Domani subentrerà in Consiglio Comunale a Maria Antonella Annulli