opinioni

Senza verità non vi è giustizia e, senza giustizia, non vi è libertà

domenica 22 ottobre 2017
di Mario Tiberi
Senza verità non vi è giustizia e, senza giustizia, non vi è libertà

Alcuni mesi orsono, di pomeriggio e come spesso mi accade, ho soffermato il mio incedere dinanzi ad una delle librerie di città e ho iniziato a sbirciare tra i volumi esposti in vetrina. La mia attenzione è stata attratta da un titolo alquanto inusuale, “ La scoperta del giardino della mente”, e accanto all’attrattiva si è pure scatenata una robusta dose di curiosità. Non me lo sono domandato due volte e, dando fondo agli ultimi spiccioli che mi erano rimasti in tasca, ho acquistato l’opera letteraria in questione.

Ad essere sincero, non l’ho letta tutta d’un fiato; anzi, per lungo tempo, l’ho tenuta sul comodino della mia camera da letto e, ogni tanto, ne scrutavo una pagina alla mattina, una o due alla sera, come fossero delle pastiglie da assumere ad intervalli più o meno regolari. Andava riflettuta e ripensata perché di argomenti su cui pensare e riflettere ve ne erano in abbondanza e, alla fine, ho ammesso a me stesso che si era rivelato un ottimo farmaco per il mio intelletto e per il mio Spirito.

“La scoperta del giardino della mente”, autrice Jill Bolte Taylor, racconta la storia autobiografica di una ricercatrice e neuroscienziata alla quale, a soli trentasette anni, esplode all’improvviso un capillare nell’emisfero sinistro del cervello che le provoca una copiosa emorragia con conseguente danno cerebrale devastante. Scrive la Dottoressa Taylor: “Nelle quattro ore successive, con gli occhi esperti di una neuroanatomista, assistetti al crollo completo della capacità della mia mente di elaborare, indurre, dedurre e concettualizzare. Non riuscivo più nemmeno a camminare, parlare, leggere, scrivere o ricordare eventi della mia vita”.

La protagonista della storia, però, non è tipo da arrendersi tanto facilmente: stringe i denti, si appella a tutte le sue residue risorse ed intraprende una avventura verso la guarigione durata otto anni, nel corso dei quali sperimenterà il doppio ruolo di medico e paziente e incorrerà in mille occasioni di meditazione sul chi siamo, come agiamo, dove andiamo.

La scienziata-scrittrice, dopo l’ictus, non è più stata la stessa di prima: è diventata una persona migliore perché, mentre l’emisfero sinistro del suo cervello era fuori uso, si è applicata a chiedere il massimo a quello destro e, così, ha scoperto la pace, il senso di comunione con la Natura e l’Universo, il potere delle emozioni e del distacco da esse, il saper discernere tra ciò per cui vale la pena di vivere e ciò che non lo merita. Onde intenderci, l’emisfero destro è quello della creatività e delle intuizioni; il sinistro è quello analitico e razionale.

L’esperienza vissuta dalla Dottoressa Taylor dimostra che la razionalità pura, da sola, non copre tutta l’immensa distesa della realtà e la medesima, dopo essere pervenuta a guarigione, ha sì ricominciato ad occuparsi di ricerca scientifica, ma in più ha imparato a cantare, a dipingere, a forgiare sculture in vetro colorato, a scrivere romanzi, felice di vivere e irrobustita da una nuova pace e forza interiore.
Una pazza, una delle tante sciroccate che dicono di aver visto la luce, starete pensando?... Me lo posso ben immaginare, ma non è così! Una donna, invece, che ha saputo conquistare la saggezza e che, sulla sua pelle, ha pagato fino in fondo il prezzo della conoscenza di come si possono disattivare i perversi circuiti dell’ira, dell’invidia rabbiosa o della frustrazione ed attivare, al contrario, quelli della gioia e della felicità cambiando le sorti della propria vita e, di conseguenza, il mondo che gira attorno a noi.

“Gratia et Amore Dei”, non ho subìto la sventura di un malanno grave come quello di Jill Taylor ; comunque la di Lei disavventura mi ha aperto gli occhi al punto che mi sono chiesto: Mario, ma le tue battaglie per la verità e la legalità sono il frutto della ricerca di un uomo lucido o di un delirante, di un folle visionario o di un essere raziocinante?

Mi sono risposto che, senza verità, non vi è giustizia e, senza giustizia, non vi è libertà. Onde per cui se, sull’altare della verità, debbano essere sacrificate le valenze della mia cultura, della mia sensibilità e della mia passione per la vita pubblica, da alcuni derise e sbeffeggiate, sulla mia pelle sono pronto ad affrontare l’inglorioso autodafé e a pagarne il prezzo fino all’ultimo centesimo.

Preferisco infatti, e di gran lunga, una seppur striminzita legittimazione morale e culturale piuttosto che una piagnucolante, elemosinata, effimera e illusoria carriera politica.

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 gennaio

Nel "borgo magico" di Calcata, con Asds Polisportiva Castel Viscardo e Armata Brancaleone

Fermati tre ventenni all'uscita del supermercato con merce appena rubata

On line il primo numero del 2018 del periodico aziendale di informazione sanitaria "Usl Umbria 2 inForma"

All'Unitre riprende il Laboratorio di Pittura guidato da Donato Catamo

Regionali 2018, parte il viaggio di Bigiotti attraverso borghi e bellezze della Tuscia

Lo minaccia con il coltello e gli porta via l'incasso giornaliero

Umbria presente a "Winter School 2018. L'agenda sul futuro della sanità italiana"

Recupero evasione Imu, Orvieto al secondo posto tra i 16 Comuni umbri con oltre 15.000 abitanti

Sporcizia e siringhe vicino alla Casa dell'Acqua di Ciconia

Corsi serali all'Istituto Cardarelli. Un gruppo di alunni a Roma dal ministro Fedeli

"Gli Ebrei sono matti" sul palco del Teatro Boni

"Gli Psicodrammatici" mettono in scena "Il senso di colpa"

Procedura di Via. Sacripanti (Gm): "Questo è Germani, questa è la sinistra che ci governa"

Buono servizio sostitutivo del trasporto scolastico per le scuole dell'infanzia

"Vette in Vista", quando il cinema incontra la montagna

"A 80 anni dalle leggi razziali". La Regione ricorda la tragedia della Shoah

Zeno (Pci): "La città si svuota e il sindaco se ne fa una ragione"

Federalberghi: "Le risorse derivanti dall'imposta di soggiorno siano destinate allo sviluppo del turismo"

Toni e Peppe Servillo tornano al Mancinelli con "La parola canta"

Sostegno a domicilio per anziani e disabili, in pubblicazione i bandi

Assistenza sociale fittizia, le Fiamme Gialle portano alla luce oltre 4 milioni di euro di evaso

Esercitazione tecnico-tattica per i marescialli con specializzazione "Sanità"

Nuova geografia giudiziaria, Montegabbione e Monteleone con Orvieto

Testimonianze al Teatro Concordia per la Giornata della Memoria

"Vino made in biologico". Convegno all'Istituto Agrario "Ciuffelli"

Festa del Tesseramento per l'Associazione Andromeda

Orvieto FC, prima squadra nella tana del Cannara

L'allenatore Matteo Solforati valuta i progressi della Zambelli Orvieto

"Più o meno alle tre" con i Lettori Portatili. Andrej Longo presenta "L'altra madre"

Sabato 28 gennaio casting per il nuovo film di Alice Rohrwacher

Nello scavo della piramide di via Ripa Medici ritrovato il cibo degli Etruschi

Corso di Sociocrazia con Pierre Houben all'Auditorium

Orvieto, Via del Corso

L'Orvietana Rugby vince ancora al De Martino

Olimpieri (IeT): "Con Germani il Comune torna a privatizzare"

Prima seduta del nuovo Consiglio Provinciale, convalida degli eletti e giuramento del presidente

Ad aprile torna la Coppa degli Etruschi

Fabrizio Bentivoglio porta "L'ora di ricevimento" al Teatro Comunale di Todi

Imprese Creative, a disposizione 2,8 milioni di euro. Illustrati i criteri del primo bando regionale

Oltre 400 richieste in due mesi nei punti informativi di Sii, Ati e Assoconsumatori

Promozione turistica, l'Umbria presente per la prima volta all'Holiday World di Dublino

Atletica Libertas Orvieto, tanti gli eventi e le manifestazioni in arrivo nel 2017

Seduta plenaria della Pro Loco per l'approvazione dei bilanci

Prima seduta del consiglio comunale. In quindici punti l'ordine del giorno

Al Teatro Santa Cristina, il recital "...ed ora sono nel vento..."

Sisma, si riunisce comitato istituzionale. Marini: "Massimo supporto a sindaci dall'ufficio speciale ricostruzione"

Studenti in Comune per presentare "Testimoni della Memoria. Il nostro viaggio in Polonia"

Linea ferroviaria Orte-Foligno-Perugia, ripristinate due fermate

Cena a base di solidarietà. Serata speciale organizzata dai ragazzi dell'Oratorio San Filippo Neri e dagli studenti dell'Alberghiero

Donne vittime di violenza, in Regione firmato il protocollo per l'inserimento lavorativo e sociale

Sottoscritto il protocollo d'intesa tra Perugia e Orvieto per l'iscrizione delle Città Etrusche al Patrimonio Unesco

Al Teatro Boni va in scena "L'istruttoria" di Peter Weiss

"Viaggio nell'Operetta". Seconda tappa con Katia Ricciarelli e Andrea Binetti

Iaia Forte al Teatro Boni con "Tony Pagoda. Ritorno in Italia"

Benedizione dei Trattori a Ciconia. Gli agricoltori offrono il frutto del loro lavoro

"Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo". Il vescovo incontra i giornalisti per S.Francesco di Sales

Incontro su "La persecuzione in Europa e i suoi effetti anche a San Venanzo"

Uisp, la squadra Umbria Nuoto master cresce