opinioni

Senza verità non vi è giustizia e, senza giustizia, non vi è libertà

domenica 22 ottobre 2017
di Mario Tiberi
Senza verità non vi è giustizia e, senza giustizia, non vi è libertà

Alcuni mesi orsono, di pomeriggio e come spesso mi accade, ho soffermato il mio incedere dinanzi ad una delle librerie di città e ho iniziato a sbirciare tra i volumi esposti in vetrina. La mia attenzione è stata attratta da un titolo alquanto inusuale, “ La scoperta del giardino della mente”, e accanto all’attrattiva si è pure scatenata una robusta dose di curiosità. Non me lo sono domandato due volte e, dando fondo agli ultimi spiccioli che mi erano rimasti in tasca, ho acquistato l’opera letteraria in questione.

Ad essere sincero, non l’ho letta tutta d’un fiato; anzi, per lungo tempo, l’ho tenuta sul comodino della mia camera da letto e, ogni tanto, ne scrutavo una pagina alla mattina, una o due alla sera, come fossero delle pastiglie da assumere ad intervalli più o meno regolari. Andava riflettuta e ripensata perché di argomenti su cui pensare e riflettere ve ne erano in abbondanza e, alla fine, ho ammesso a me stesso che si era rivelato un ottimo farmaco per il mio intelletto e per il mio Spirito.

“La scoperta del giardino della mente”, autrice Jill Bolte Taylor, racconta la storia autobiografica di una ricercatrice e neuroscienziata alla quale, a soli trentasette anni, esplode all’improvviso un capillare nell’emisfero sinistro del cervello che le provoca una copiosa emorragia con conseguente danno cerebrale devastante. Scrive la Dottoressa Taylor: “Nelle quattro ore successive, con gli occhi esperti di una neuroanatomista, assistetti al crollo completo della capacità della mia mente di elaborare, indurre, dedurre e concettualizzare. Non riuscivo più nemmeno a camminare, parlare, leggere, scrivere o ricordare eventi della mia vita”.

La protagonista della storia, però, non è tipo da arrendersi tanto facilmente: stringe i denti, si appella a tutte le sue residue risorse ed intraprende una avventura verso la guarigione durata otto anni, nel corso dei quali sperimenterà il doppio ruolo di medico e paziente e incorrerà in mille occasioni di meditazione sul chi siamo, come agiamo, dove andiamo.

La scienziata-scrittrice, dopo l’ictus, non è più stata la stessa di prima: è diventata una persona migliore perché, mentre l’emisfero sinistro del suo cervello era fuori uso, si è applicata a chiedere il massimo a quello destro e, così, ha scoperto la pace, il senso di comunione con la Natura e l’Universo, il potere delle emozioni e del distacco da esse, il saper discernere tra ciò per cui vale la pena di vivere e ciò che non lo merita. Onde intenderci, l’emisfero destro è quello della creatività e delle intuizioni; il sinistro è quello analitico e razionale.

L’esperienza vissuta dalla Dottoressa Taylor dimostra che la razionalità pura, da sola, non copre tutta l’immensa distesa della realtà e la medesima, dopo essere pervenuta a guarigione, ha sì ricominciato ad occuparsi di ricerca scientifica, ma in più ha imparato a cantare, a dipingere, a forgiare sculture in vetro colorato, a scrivere romanzi, felice di vivere e irrobustita da una nuova pace e forza interiore.
Una pazza, una delle tante sciroccate che dicono di aver visto la luce, starete pensando?... Me lo posso ben immaginare, ma non è così! Una donna, invece, che ha saputo conquistare la saggezza e che, sulla sua pelle, ha pagato fino in fondo il prezzo della conoscenza di come si possono disattivare i perversi circuiti dell’ira, dell’invidia rabbiosa o della frustrazione ed attivare, al contrario, quelli della gioia e della felicità cambiando le sorti della propria vita e, di conseguenza, il mondo che gira attorno a noi.

“Gratia et Amore Dei”, non ho subìto la sventura di un malanno grave come quello di Jill Taylor ; comunque la di Lei disavventura mi ha aperto gli occhi al punto che mi sono chiesto: Mario, ma le tue battaglie per la verità e la legalità sono il frutto della ricerca di un uomo lucido o di un delirante, di un folle visionario o di un essere raziocinante?

Mi sono risposto che, senza verità, non vi è giustizia e, senza giustizia, non vi è libertà. Onde per cui se, sull’altare della verità, debbano essere sacrificate le valenze della mia cultura, della mia sensibilità e della mia passione per la vita pubblica, da alcuni derise e sbeffeggiate, sulla mia pelle sono pronto ad affrontare l’inglorioso autodafé e a pagarne il prezzo fino all’ultimo centesimo.

Preferisco infatti, e di gran lunga, una seppur striminzita legittimazione morale e culturale piuttosto che una piagnucolante, elemosinata, effimera e illusoria carriera politica.

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 aprile

"Gli Ordini mendicanti e predicatori nella Diocesi di Orvieto-Todi: la povertà come ricchezza"

Anche la Compagnia delle Lavandaie della Tuscia alla Sagra dell'Aparago Verde

Alla Festa della Birra Artigianale di Piazza del Popolo, anche "I Fritti della Castellana"

"Una birra per piacere, senza sballo si può". Se ne parla con Cittaslow e A.Ge.

"Occhi sulla Luna. Un omaggio al nostro satellite naturale"

Soffiava il vento

Nei weekend estivi, i giovani del Servizio Civile aprono la Torre e il Palazzo Comunale

"Diversità e integrazione" a Rocca Ripesena, in festa per "Il Paese delle Rose"

Il Palio dei Comandi ai runners della Scuola Sottufficiali dell'Esercito

Guasti alla linea telefonica, è possibile contattare il Comune da Facebook

La Zambelli Orvieto volta pagina, la semifinale comincia a San Giovanni in Marignano

Per "Parrano Feudo 900" iniziativa con le scuole dell'Alto Orvietano a "La Badia" di Ficulle

Festa della Liberazione, pomeriggio di iniziative alla Fortezza Albornoz

La Corte dei Conti accerta il ripiano finanziario e la conclusione del Piano di riequilibrio pluriennale

"Claudia Giontella, una archeologa e la sua dialettica del territorio"

Match point al PalaPorano per la Vetrya Orvieto Basket

Cinema Teatro Turreno, la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia dona l'immobile a Comune e Regione

Per "San Pellegrino in Fiore", sei visite guidate tra chiese, fontane e palazzi

Chiusura temporanea del casello autostradale di Orvieto per lavori di pavimentazione

Inaugurato il Polo tecnologico per l'Umbria dell'Università Internazionale Uninettuno

Caso discarica, ancora 10 giorni. Italia Nostra contesta la Soprintendenza

Il direttivo Fisar si rinnova: 5 su 7 sono nuovi consiglieri, Amilcare Frellicca nuovo delegato

Disabilità, le famiglie in presidio sotto il palazzo della Regione

Venticinque secco al Lotto

Orvieto FC, prima vittoria per le ragazze del calcio a 11. Big match contro il Ciconia

Punture di vespe, "l'Ospedale è in grado di affrontare con efficacia queste situazioni"

'Sette giorni di... vini nella provincia di Terni'. Dal 24 al 30 aprile degustazioni con prelibatezze a Orvieto, Ficulle, Amelia e Terni

Il programma della manifestazione

'Umbria, verde rinascita dell'italico vino': convegno giovedì 26 aprile

Il Team Eurobici Orvieto si fa onore alla ‘10° gran fondo dei Colli Albani’

Soddisfazione dello SDI per Ségolène Royal candidata alle presidenziali francesi. Lo segnala il consigliere provinciale Marinelli

Supera le 179 mila adesioni la raccolta firme per la Legge di iniziativa popolare per la tutela e la gestione pubblica dell’acqua. Obiettivo: 500 mila firme per dare più forza alla proposta di legge

Convegno del Centro studi Gianni Rodari venerdì 27 aprile: 'La mente scientifica - Come fare Scienze a scuola'

Ripartito il fondo regionale 2007 alle Comunità montane. Oltre 535 mila euro alla Monte Peglia e Selva di Meana

All'insegna del rinnovamento nominata la nuova segreteria dell'Unione Comunale DS Orvieto. I FORUM CIVICI altro elemento di novità

Villa San Giorgio in cantiere. Pronti tra 450 giorni la nuovissima Residenza Protetta e il Centro Riabilitativo

Voci su un'ipotetica cava di basalto in località Biagio: un'interpellanza del consigliere Imbastoni per saperne di più

Contraddittorio educare gli studenti al riciclaggio e al mangiar sano e farli mangiare con stoviglie di plastica. Perché non si installa una lavastoviglie all'Ippolito Scalza?

Bella affermazione per l'orvietano Gian Marco Fusari, vincitore del Premio Nazionale Musica d'Autore