opinioni

Bis in idem. In ricordo di Lucia Tammaro

sabato 12 agosto 2017
di Fausto Cerulli
Bis in idem. In ricordo di Lucia Tammaro

Ho letto il corsivo che Guido Barlozzetti, di cui mi onoro di essere amico, ha dedicato alla Tammaro, come la chiamavamo noi, saltando il nome Lucia e la qualifica di dottoressa e so che Guido non me ne vorrà se torno sul tema. Ho conosciuto la Tammaro, da non confondersi con la santa Tamaro, quando Guido era ancora in fasce. Ho frequentato la biblioteca quasi con accanimento maniacale, la Tammaro mi dava del tu e mi chiamava Cerulli sorvolando sul nome di battesimo.

Ricordo che la sua stanza di direttrice era quasi circondata da una cortina impenetrabile, e chi voleva parlare con lei doveva farsi annunciare da Dottori, che chiamavamo Baffino e non so ancora il perché di quello strano soprannome. Io godevo di una sorta di privilegio e potevo conferire - termine orrendo - semplicemente bussando allla sua porta. Lucia Tammaro, sotto l’apparenza severa, era anche donna di spirito e ribatteva pronta alle mie innocenti stilettate. Mi faceva sentire di casa, a sapeva mettermi a mio agio. Le chiedevo, come si dice adesso, consigli di lettura e poi non seguivo i suoi consigli perché pensavo che mi volesse depistare.

Per merito suo, e, debbo ammetterlo, degli odiati americani, che conobbi la letteratura americana. Gli Stati Uniti avevano organizzato una specie di Piano Marshall dei libro, chiamato Isis quasi in maniera profetica. nella speranza di colonizzarci culturalmente, loro ignoranti come capre. Ma la Tammaro comprese il lato buono della faccenda e mise in bella mostra i libri marcati Usa, Fu così che lessi Faulkner, Dos Passos, Steinbeck, ed altri autori che ai giovani di oggi sono quasi sconosciuti ma che erano e sono inarrivabili. Il fatto è che prendevo libri dieci o quasi per volta, e non li riportavo. Ricordo che la Tammaro, una volta, mi chiamò nella sua fortezza e mi disse con grazia che i libri andavano restituiti e che io ne prendevo troppi, e mi fece vedere l’elenco dei libri in mio presunto possesso.

Non ebbi cuore a dirle che molti di quei libri,per diffusione di cultura, li lasciavo in ogni luogo,nella speranza che qualcuno li leggesse. Mi limitai a dirle - già quasi avvocato - che non esisteva prova che quei libri li avevo presi io. All’epoca il prestito era basato sulla fiducia, non dovevi scrivere o far scrivere che avevi preso quel libro. La Tammaro, da persona intelligente, da allora stabilì che se prendevi un libro in prestito, dovevi mettere tanto di firma su un librone, con tanto di data. Da allora prendevo soltanto quattro libri alla volta, pur essendo il limite massimo fissato in tre. Complice Dottori, ma sapendo che la Tammaro sapeva e tollerava.

Penso e spero di aver goduto della sua fiducia e di una qualche stima ricambiata. Mi confidava i suoi problemi con il figlio, mi raccontava che andava spesso a Roma per imparare come gestire quel problema. E riusciva a gestirlo, faceva di suo figlio, che oggi diremmo disabile, una persona autonoma. Miracolo di una donna intelligente ed impegnata. Aveva quasi una mania per l’ordine e si accorgeva subito se qualcuno metteva una rivista fuori posto, cosa che per me era quasi un hobby.

Ma non aveva rimproveri, si limitava a risistemare di persona le riviste. Avevamo acquistato una qualche confidenza, ed io e la mia compagna andavamo a casa sua. Ricordo che una volta, quasi per dimostrarci i progressi che faceva suo figlio, gli chiese di suonare una chitarra, e lui lo fece con accordi precisi e luminosi. Altri tempi, ora abbiamo una biblioteca faranoica, con addette ai lavori gentili e competenti, ma io qualche volta rimpiango la biblioteca polverosa e non ancora digitalizzata di una volta, la biblioteca di Lucia Tammaro, che ora voglio per nome in ritardo della sua scomparsa. E, quando lo ho saputo, ho sentito che se ne era andati via per sempre un pezzo importante della mia non importante vita.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 14 dicembre

Francigena, Appia Antica, Romea Germanica. Tra pellegrini e moderni viandanti

Sognare colombe e lei

L'Istituto "Dalla Chiesa" presenta il progetto "Custodire la terra, coltivare l'umanità"

Sisma, presentato il calendario 2017 di Norcia. "Stimolo a lavorare ogni giorno per la rapida ricostruzione"

Massimo Ghini in scena al Teatro Mancinelli con "Un'ora di tranquillità"

Vetrya Orvieto Basket a Foligno per il recupero della terza giornata

Opposizione all'attacco: "La crisi politica di maggioranza deve arrivare in consiglio comunale"

In distribuzione "L'Orvietan". Quanta storia ritrovata dentro quella bottiglia

La libero Giulia Rocchi tiene alta la guardia alla Zambelli Orvieto

"Il volontariato degli anziani nei Comuni umbri, un patrimonio da difendere"

Roberto Colonnelli presenta il libro di poesie "Ogni stella ha il suo perché"

Sì della giunta al progetto per riqualificare la Strada di Pievelunga

Ai nastri di partenza la terza edizione di "Bookiamo lo schermo"

L'invito del sindaco Ciardo: "Venite a farvi un selfie natalizio sotto il Castello di Bartolomeo"

Jonathan Doria Pamphili dona al Comune una foto dell'antico affresco del Castello

Tra danza e musica, al Boni arrivano "Cappuccetto Rosso" e i Solisti dell'Umbria

"Natività Contemporanee" all'Antiquarium di Tenaglie

Note di Natale apre il calendario di "Natale in Musica"

Nella Chiesa di S.Maria Assunta, 11esima edizione della rassegna "Un canto vien dal Ciel"

Presentato il progetto "I sentieri del Perugino nelle terre del Marchese"

Paolo Maurizio Talanti rappresenta l'Istituto nazionale di urbanistica al summit delle città antiche cinesi

Meteo

giovedì 14 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 95% foschia direzione vento
15:00 10.9ºC 92% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 98% buona direzione vento
venerdì 15 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.0ºC 95% scarsa direzione vento
15:00 10.4ºC 98% foschia direzione vento
21:00 7.0ºC 98% discreta direzione vento
sabato 16 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 6.1ºC 97% scarsa direzione vento
15:00 6.6ºC 87% buona direzione vento
21:00 3.2ºC 94% buona direzione vento
domenica 17 dicembre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 2.8ºC 87% buona direzione vento
15:00 4.9ºC 67% buona direzione vento
21:00 -0.2ºC 84% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni