opinioni

Rischio debito pubblico

mercoledì 26 aprile 2017
di Aldo Sorci
Rischio debito pubblico

Esprimendo il parere obbligatorio sul Documento di Economia e Finanza, DEF 2017, il Presidente dell’Ufficio parlamentare di bilancio Giuseppe Pisauro ascoltato dalle Commissioni competenti di Camera e Senato, si è così espresso: “il quadro programmatico della politica di bilancio è sostanzialmente indefinito… mancano indicazioni su caratteristiche e dimensione degli interventi”.

Così, anche in questi giorni, assistiamo alle discussioni su un documento di centinaia di pagine che di fatto però rinvia tutto a fine anno, a quando cioè si dovrà definire la manovra di bilancio per il 2018 sulla quale già oggi sono cominciate le dispute. Le avvisaglie di quanto difficile e contrastata sarà la sua definizione si sono palesate chiaramente nella messa a punto della cosiddetta “manovrina” correttiva da 3, 4 miliardi di euro per l’anno in corso (0,2% del PIL) e per 5 miliardi per il 2018, richiesta ed ottenuta dalla Commissione Europea per evitare la procedura di infrazione per debito eccessivo, avviata nonostante le reiterate ed improvvide affermazioni dell’ex presidente del Consiglio e del ministro dell’Economia sulla infondatezza delle “pretese” comunitarie.

Fra veti e contro veti, incontri e scontri più o meno riservati, dopo dieci giorni di ritardo ha preso corpo un provvedimento che prevede l’inasprimento delle tasse sui giochi, l’estensione dello “split payment” dell’IVA (vale a dire versamento dell’IVA direttamente all’erario da parte della P.A. e delle aziende pubbliche anziché dalle imprese fornitrici), limitati tagli di spesa ai ministeri e soprattutto l’ennesimo condono. Infatti, dopo le molteplici “voluntary” sulla emersione dei capitali nascosti e le rottamazioni delle cartelle Equitalia e dei contributi sociali, si è arrivati, con tanta fantasia, alla rottamazione delle liti fiscali con l’abbuono di tutte le sanzioni e degli interessi dovuti.

È senz’altro da sottolineare la continua attenzione con cui i recenti governi hanno guardato all’evasione fiscale attraverso vari provvedimenti quali: innalzamento delle soglie di non punibilità da 50 a 150 mila euro per l’evasione dell’ IRPEF ed a 250 mila per l’IVA; riforma delle norme sull’abuso di diritto grazie alle quali l’elusione fiscale non costituisce più reato; aumento del tetto del contante da 1.000 a 3.000 euro. A quest’ultimo proposito ricordo le polemiche che suscitò il provvedimento presentato dal governo come un modo per favorire i consumi dei ricchi. Ebbene, i dati recentissimi della Banca d’Italia ci dicono quanto azzardate e fuori luogo fossero quelle affermazioni. Infatti mentre è aumentato nettamente il numero delle banconote distribuite (+4%) con una netta inversione di tendenza rispetto alle flessioni del triennio precedente, non sono aumentati i consumi ma l’evasione fiscale che nel 2016 ha raggiunto il record di 112 miliardi di euro (7% del PIL).

Tornando al DEF, troviamo la conferma che in termini di crescita l’Italia è in coda a tutti i paesi industrializzati: l’aumento del PIL, intorno all’1% medio annuo, è la metà di quello della UE, pur essendo considerato ottimistico dal FMI e dell’OCSE. La storia si ripete da anni e credo si possa ormai affermare che essa sancisce il fallimento della politica economica degli ultimi anni caratterizzata dall’assenza di riforme organiche in campo industriale, fiscale e concorrenziale, ma da mance e bonus iniqui per loro stessa natura e poco efficaci nello stimolo dei consumi, nonché dal continuo aumento del debito.

Naturalmente le manovre sono sempre state accompagnate da narrazioni non corrispondenti alla realtà del Paese e da prese di posizione ripetitive e populiste da parte degli stessi vertici di governo. Viene in mente il pensiero del sociologo Gustave Le Bon che mi sembra calzi bene per l’ex Presidente del Consiglio: “per le masse serve l’affermazione e la ripetizione e quanto più l’affermazione è concisa e sprovvista di dimostrazione, tanto maggiore è la sua efficacia”.

Politica economica inefficace dunque ed elettoralistica, ma anche molto onerosa e perseguita in deficit, cioè aumentando il debito pubblico che costituisce il più grave problema del Paese ed al tempo stesso il più sottovalutato perché non stiamo risanando i conti pubblici, abbiamo sperperato anche i risparmi sugli interessi passivi di questi anni irripetibili grazie agli interventi della Banca Centrale Europea. Non ho visto sottolineare con preoccupazione che il DEF, pur come sempre chiaramente ottimistico, prevede un ulteriore consistente aumento dello stock del debito, per l’esattezza di 120 miliardi di euro nel quadriennio 2017/20. Così, nel periodo 2014/20 il debito sale di 250 miliardi di euro arrivando a quasi 2.350 miliardi a fine periodo.

Ma già si parla di nuove richieste di flessibilità all’Europa, cioè di autorizzazione a maggiori deficit per il 2018 e per gli anni seguenti; si dice che sarebbe flessibilità “politica” per l’ennesima manovra pre-elettorale. Allora vedremo ancora i bei grafici del ministro Padoan che ci presentano la flessione del rapporto debito/PIL e ci diranno che tutto va bene. Purtroppo non è così ed il recente declassamento del rating da parte di Ficht (ridotto a BBB) è indicativo. Con tale provvedimento l’Italia si colloca intorno al 50° posto a livello internazionale lontanissimo dai 25 paesi in area A e lontano anche dalla Spagna (BBB+). Quando il debito raggiunge consistenze così elevate, i rischi connessi sono enormi. Basti pensare da un lato all’aumento degli interessi passivi, già prevedibile per i prossimi anni e dall’altro, ad una possibile stasi o ad una recessione dell’economia italiana o internazionale e la vulnerabilità dei nostri conti pubblici nel medio termine diverrebbe triste realtà.

In conclusione mi chiedo e chiedo anche ai lettori che spero mi leggano il perché uomini saggi già impegnati in politica con successo non intervengano con la necessaria durezza su un tema così scottante e di grande rilievo per il futuro dell’Italia e, più in generale, mi chiedo perché con la loro credibilità non evidenzino il pericolo di atteggiamenti superficiali di uomini politici dalla vista corta che per ignoranza e/o per calcolo, finiscono per nascondere ai cittadini il vero rischio del loro debito.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 ottobre

"Gli Scalzi di Orvieto: storia di una Confraternita". Presentazione del libro di Luca Giuliani e visita alla chiesa

Riparte "Train...to be cool". La Polizia Ferroviaria di nuovo nelle scuole

"Etruria e Roma". All'Unitre, le lezioni di storia antica a cura di Giuseppe M. Della Fina

Autovelox sulla Cimina. Moneta rassicura: "Serve per controllare revisione e assicurazione"

"Autumn in Todi, suoni e sapori d'autore" nella Città di Jacopone

Pietro

"Giulia Farnese, la Bella". Visita guidata teatralizzata al Castello Orsini

"Dirty Dancing" al Mancinelli. Atteso ritorno per la Compagnia Mastro Titta

"A spasso con ABC" per le meraviglie del Lazio. Narratori del futuro in cerca di un altro sguardo

Nuova seduta per il Consiglio Provinciale. All'ordine del giorno, scuole e strade

"Progettare in Europa". Trenta associazioni al corso di formazione del Cesvol

Nuovi orari di apertura al pubblico degli Uffici Demografici

Un libro per ricordare l'ex sindaco Palozzi, a quindici anni dalla scomparsa

Aperto un conto corrente per sostenere il restauro della Chiesa di Titignano

Al Csco inaugurato il corso per "Tecnico specializzato in accoglienza". In mostra l'arte di Fasasi

Grossi all'Unitus per "Gli usi civici nella Tuscia: la storia, il regime giuridico e l'utilizzazione economica"

E45-E55 Orte-Mestre, via all'ammodernamento delle barriere di sicurezza per oltre 78 milioni di euro

"Un pomeriggio dal dottor Cechov". Appuntamento in Biblioteca per "Libriamoci"

Verso la tariffa puntuale dei rifiuti. L'esecutivo approva il progetto di implementazione del sistema

La lotta all'ictus per tutta l'Umbria riparte da Orvieto

Il Teatro Comunale "Accademia degli Avvaloranti" alza il sipario sulla nuova stagione

Dalla Tuscia all'Amiata, fino in Val d'Orcia. Dove l'autunno si lascia gustare

Olio protagonista con "Frantoi Aperti". Fiumi di oro verde irrigano l'Umbria

La valutazione dell'annata olearia 2016, la vicinanza della Regione al comparto

Dei fiori e di ricordi

Orvieto Fc, vittoria in rosa contro Agello

"Scantinate nel borgo". Tre giorni da bere, tra cantine aperte e sapori tipici

L'Umbria da Papa Francesco. Anche San Venanzo partecipa al pellegrinaggio giubilare

La "Fiera della Castagna e dei Prodotti Tipici della Montagna" compie trent'anni

Ad Ospedaletto gli "Amici del Monte Peglia" organizzano la Fiera della Castagna

Umbria Jazz Winter, aperte le prevendite. Ecco chi arriva a fine anno

Via libera all'accordo di programma per nuovi servizi sanitari. Investimenti per oltre 33 milioni di euro

Ad Orvieto Scalo apre "Rosso Vivo". Nuova pizzeria nei locali dell'ex Coop

A cena con Paci e Ceccherini, a Porta d'Orvieto arriva "La Iena del Don Matteo"

"Tutti per uno". Pranzi e cene di solidarietà nel Lazio per ricostruire l'Alberghiero di Amatrice

Vetrya Orvieto Basket all'esordio casalingo in campionato

Manutenzione in arrivo sulle strade comunali, ecco i centri abitati e zone esterne interessate

"La salute è servita. Come è cambiata la mensa scolastica". In distribuzione l'opuscolo informativo

Gnagnarini fa chiarezza sulla situazione finanziaria del Comune

Di Girolamo ufficializza le dimissioni in Consiglio provinciale

A Caprarola via al ciclo "Esodi". Per parlare di migrazioni, accoglienza e integrazione

In basilica concerto dalla Banda Musicale della Polizia di Stato

"Lago nostro, futuro nostro". Proiezione al Museo della Navigazione delle Acque Interne

"AironeLab: adotta un laboratorio. C'è bisogno di te!"

Manutenzione stradale, presto i lavori. Approvato l'odg presentato da Luciani

Polemiche sui conguagli in bolletta, la Sii chiarisce i contorni della vicenda

Al Museo del Fiore, per imparare a costruire una mangiatoia per gli uccellini

Vendemmia amorosa

In 500 tra volontari e disabili Unitalsi per la Giornata del Malato

Due solitudini e un abito. La sartoria di Pino Strabioli e Alice Spisa convince il Mancinelli

Alzheimer: una lotta contro la disabilità. Un convegno per comprenderlo

Gli allievi dei corsi estivi ospiti a Milano della stagione concertistica di Casa Verdi

Vergaglia (M5S) interroga l'assessore su sviluppo e marketing territoriale per Bardano

Assegnato a Robert Triozzi il premio internazionale "The heart before all"

Linux Day 2014. Il 25 ottobre la giornata dedicata al software libero ed open source.

Di odio si muore tutti

Orvieto Felice e le idee nuove (nuove?) per la cultura.

Pregiudicato denunciato. In macchina aveva un coltello da 25 centimetri

Microchip gratuito per cani, l'iniziativa del Comune a favore degli amici a quattro zampe

A caccia di fantasmi nel Castello di Alviano

Il Centro di documentazione contribuisce al festival di scambio e formazione

Motori caldi per la 27esima Mostra mercato nazionale del tartufo e dei prodotti agroalimentari di qualità

Truffa dei salumi biologici, i suini macellati a Orvieto fino al 2010

L'Orvietana non regge il passo della capolista, all'Amerina i tre punti

Domenica di amarezze: il Ciconia ritrova la via della sconfitta

Riesce l'iniziativa "Puliamo la Piave", ma è polemica su un mandorlo tagliato

Grande domenica di festa per l'Orvieto Basket

Vittorio Franchetti Pardo presenta il volume "La cattedrale di Orvieto: origine e divenire. Scritti editi e inediti"

Dal Prusst 625 mila euro da destinare alla realizzazione del Parco Urbano del Paglia

Gli studenti puliscono e riscoprono un tratto della "Selciata dei Cappuccini"

In barba al commissario

Tagliare, sanare o lasciare: è il giorno dell'improrogabile Consiglio del riequilibrio. Mercoledì 20 ottobre Orvietonews.it seguirà la seduta con frequenti flash in diretta

Sul concerto anche un'interrogazione della consigliera Belcapo

Orvieto e il suo Bilancio

20 ottobre 2010 - Flash dal Consiglio Comunale. La relazione del Sindaco Concina - Disavanzo 2010 a 9 milioni e mezzo di euro da sanarsi con alienazioni. Iter ex Piave da definirsi entro il 2011. Derivati.

L'intervento del Presidente del Consiglio Comunale. Frizza annuncia il suo voto favorevole al bilancio e al documento di Concina

Gli assenti

Alcuni interventi e la replica del sindaco

Dichiarazioni di voto. Tonelli vota a favore e strappa il documento del centro sinistra. Passano le linee programmatiche 11 a 6

Flash dal Consiglio Comunale. Il Bilancio dell'assessore Romiti. Passa il Bilancio e l'anatra zoppa non c'è più

LINUX DAY 2010 - sabato 23 ottobre al Centro Studi. Linux e Scuola per un "cantiere di libera cultura"

"La serva padrona" di Giovanni Battista Pergolesi al Santa Cristina di Porano sabato 23 ottobre

"Il PDCI e il centro sinistra espellano i consiglieri favorevoli alla Giunta Concina": duro dissenso della segreteria provinciale di PRC

Ambiente. 150 studenti di Narni in visita all'Oasi di Alviano

Le linee di indirizzo per il risanamento del Comune di Orvieto

Il PD Orvieto si prepara all'espulsione di Frizza e Meffi: "Finalmente il Partito Democratico può ripartire da una base di maggiore chiarezza"

Un Assessore in mezzo ai giovani

De Sio: "La maggioranza conseguita è il frutto di un'assunzione piena di responsabilità"