opinioni

La Pasqua è madre

sabato 15 aprile 2017
di Mario Tiberi
La Pasqua è madre

Sì, ormai ne sono certo! La Pasqua, porta di transito da Vita a Vita, è Madre per eccellenza della “Universitas Spiritus et Corporis”. Se vorrete, qui di seguito mi proverò a fornirvene le motivazioni.

Dalla pia “Mater Gea”, così come fu definita e illustrata da Plinio il Vecchio, alle “Humanae Matres” dei tempi odierni tra crisi, famiglia e povertà diffuse. E’ in me profonda la convinzione che, nella vita sia corporale e sia spirituale, ogni donna sia madre, ciascuna a modo proprio e con le peculiari sue caratteristiche.

Che abbia partorito figli o meno, esiste comunque un filo, forse impercettibile ad uno sguardo distratto, che lega la sua capacità biologica di generare e ospitare un’altra vita con l’innata attitudine all’accoglienza dell’altro. Sono state create così, le donne: generate per procreare qualcosa che è bene, e per se stesse e per l’umanità intera.

Soffermiamoci, anche solo per un attimo, su un assunto del tutto naturale e ci renderemo conto che all’interno di esse pulsa un organo anatomico che non serve unilateralmente a loro medesime, neanche un po’, ma che è utile esclusivamente a qualcun altro in quanto gli dona la vita.

Ed è in quella sacra ampolla, nell’utero materno cioè, che Dio ha scelto di farsi Uomo. Scrive Sant’Agostino: “Nel grembo della Madre, l’unigenito Figlio di Dio si è degnato di unire a sé la natura umana per congiungersi, immacolato, alla Sua Chiesa immacolata”. E poi, ancora, che “Maria è l’arcana sorgente della vita, la porta del cielo, l’eco di un mondo diverso che tutti sogniamo, ma che sembra sfuggirci. Quanto più il mondo s’inaridisce, diventa cinico e soffre violenza, tanto più sente bisogno di tenerezza, cerca amore, ha nostalgia di una madre a cui tutto confidare, sicuro di essere ascoltato e compreso”.

Ci siamo da non molto lasciati alle spalle una grande porta, la porta di un anno di grazia: l’anno della Misericordia e, quindi, della Fede. Alle donne, come “madri dentro” e che serbano in sé un angolo protetto dove possono generare un’altra vita e dove concedono a qualcosa di “totalmente altro” di crescere e spiccare il volo fuori da sé, sia affidato il compito di contribuire ad amare sempre senza riserve poiché, comunque la si pensi, è vero che per continuare ad esistere abbiamo tutti un estremo bisogno di dare e ricevere amore.

Già, l’amore delle madri!
Ogni madre è, come detto, altro rispetto ai figli; pur tuttavia, in quei nove mesi di gestazione, quest’alterità non è del tutto avvertibile e compiutamente compiuta: la madre e l’embrione che vive nel suo grembo costituiscono quasi un solo organismo, pur essendo effettivamente due, ma in una condizione in cui l’uno dipende totalmente dall’altra, la quale se ne prende cura e ne garantisce la vitalità.

Forse è proprio questa la caratteristica principe della maternità: il prendersi cura in maniera amorevole e completamente altruista, condividendo in modo radicale tutto fino ad addirittura la propria corporeità.

Mi piace immaginare la figura della madre mentre nutre ed accudisce i propri figli; oppure quando, magari nascosta dietro ad una finestra, spia i loro primi passi nel cortile sotto casa all’inseguimento di una nidiata di pulcini in fuga od, anche, intenta ad insegnare loro come crescere nella preghiera e nelle opere.

Una missione irta di difficoltà e pertanto non immune da errori; eppure preziosa tanto da giustificare una certa indulgenza verso una retorica di maniera che, spesso, circonda la figura materna medesima: commuoversi al pensiero di una madre, con le lacrime agli occhi, è qualcosa di cui non ci si deve affatto vergognare.

Anzi, al contrario, poiché solo i bugiardi e i vigliacchi non piangono mai.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 giugno

Convegno sulla Grande Battaglia di Montegabbione del '44

A Benevento il 4° Festival della Poesia italiana della LietoColle. Tema privilegiato: "L'ustione nella poesia"

Presidio ospedaliero: scontento, petizioni, problemi su problemi. Ne parliamo con il consigliere regionale Fausto Galanello

L'interrogazione del cons. regionale Galanello sulle carenze dell'Ospedale di Orvieto e le criticità del modello socio-assistenziale comprensoriale

Preoccupazione di OCC per il depotenziamento del Day Hospital Oncologico dell'Ospedale di Orvieto. Chiesto un incontro al Direttore generale

Valorizzazione del Lago di Corbara. Passa per tre fasi la proposta orvietana di restyling

La Compagnia di Teatro Integrato “Amleto in Viaggio” al Festival di Cultura Contemporanea (Ac)Cenni 2010

Assemblea programmatica per l'associazione Promogest. Si parlerà di progetti, iniziative, consuntivi, prospettive

A Monteleone tutto pronto per la "Notte dei Luminari", festa caratteristica in onore dei Santi patroni Pietro e Paolo

Ieri, oggi e domani

Sciopero generale, venerdi 25 giugno l'Umbria si ferma per otto ore

Due viterbesi sospettati dei furti di Sferracavallo e Castel Viscardo

Criticità dell'Ospedale di Orvieto. Un gruppo di cittadini orvietani invita a sottoscrivere una petizione

GENTE CHE PASSA. Orvietani dal vero tratteggiati dalla penna degli alunni di una classe della media Scalza - Signorelli

SUPER BOY

LA  SIGNORA  DEI SOGNI

Acqua: una merce o un bene comune? Ne parla sabato Luca Martinelli di Altraeconomia

Meteo

sabato 24 giugno
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 30.0ºC 38% buona direzione vento
15:00 33.4ºC 31% buona direzione vento
21:00 22.5ºC 54% buona direzione vento
domenica 25 giugno
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 29.7ºC 46% buona direzione vento
15:00 31.8ºC 39% buona direzione vento
21:00 22.6ºC 69% buona direzione vento
lunedì 26 giugno
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 29.5ºC 41% buona direzione vento
15:00 33.4ºC 31% buona direzione vento
21:00 24.2ºC 61% buona direzione vento
martedì 27 giugno
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 30.7ºC 34% buona direzione vento
15:00 33.2ºC 27% buona direzione vento
21:00 22.0ºC 57% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni