opinioni

A...Dio Antonia

lunedì 27 marzo 2017
di Giuseppe San Giorgio
A...Dio Antonia

No, non sentirai più quei profumi boni,
da Fusari, fino giù da Polleggioni,
quel fraudolento odore……
che lento e sublime, t’ammaliava,
e come na nenia, dolce te chiamava!
Che diventave matto……….
Come quanno, ‘l cane incontra ‘n gatto!!
Che lo stommico te ribolliva,
te facea vede’, le stelle…….
A senti quel gran profumo, de lumachelle,
quel cucinato de na volta, ginuino,
quello che ‘nsieme a ‘n bel bicchier de vino,
faceva affetto, faceva compagnia, faceva casa .…..
Ricordo de‘n tempo passato, ormai raro,
quel tempo che ritrovave da Carraro…….
No, non sentirai più quei profumi boni……..
No……….l’Antonia nun ce farà più doni,
no, nun sentirai più, quella voce schietta
che spesso, te faceva move la forchetta,
che applaudiva ‘l corteo, quanno passava,
che ‘l cinghiale, nun s’accarezzava……
che insieme al suo amore, ‘l sor Villani,
c’avevano l’oro, nel cuore e nelle mani………
No…….nun sentirai più quel profumo……
A Dio………Antonia……..

 

Commenta su Facebook