opinioni

Foto di una madre

venerdì 24 marzo 2017
di Fausto Cerulli
Foto di una madre

Un tono di voce che adesso mi sembra miele,
e forse sarà veleno, conquista, adesso,
questa mia solitudine che mi fu cara
per forza di voglia quando tu sei andata
per sempre da lui. Ora poso lo sguardo
sulla mia stanza piena di libri inutili
come le parole conforto di un amore
morto e sepolto nella terra arida
della tua anima. Vedo una foto
di Mirna Rivalta che mi fu cara
senza saperlo. Vorrei adesso
ascoltare la voce di Mirna, vorrei
che la foto parlasse di Parma,
quando era nostra di strade vuote
nell’alba livida. Vedo una foto
di mia madre quando era giovane
e attendo che mi dica le parole
di allora. Ma adesso che è morta,
con lei è morta la voce cara
che mi diceva di stare tranquillo,
ché non sarei morto in quella notte
felice di Cantalice, che avevo tempo
a vedere un arcobaleno sul Terminillo
innevato. Ah, fossi morto allora.
Ora per ora.

Commenta su Facebook