opinioni

Sabbia d'estate

giovedì 23 marzo 2017
di Fausto Cerulli
Sabbia d'estate

Ho cercato nel vento leggero la tua leggerezza, ho trovato
l’ebrezza che mi fa vero.
Ora cerco nei fiori il tuo profumo, e non so primavere,
ricordo soltanto l’estate al lago, una donna scoperta,
una certa sensazione di essere altrove per sempre,
ho cercato le nuove emozioni, il tuo corpo, percorso da brividi,
quel reggiseno bianco come lo slip quasi inesistente.
La mia mente passeggiava la strada della tua lontananza,
se un passo di danza toccava la sabbia.
Il mondo sembrava scavato nel solco che esiste
a dividere un seno dall’altro.
E pensavo e pensavo la pelle tua morbida
baciata dal sole.
E pensavo.

Commenta su Facebook