opinioni

Semmai un giglio

lunedì 12 dicembre 2016
di Fausto Cerulli
Semmai un giglio

E dunque, amica mia, sono a chiederti
perdono se le mie parole ti sono
parse lascive. a me compete
la parola erotica come il sole
alla terra. Nascondo la mia
mancanza di amore in molti
amori finti. E questa mia paura
in una impudicizia
Sono come un giglio falciato
dal vento in un prato
di parole. Basta un soffio di vento
a sprofondarmi nel silenzio.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 ottobre