opinioni

Il popolo italiano unito per il No (primo paragrafo)

lunedì 17 ottobre 2016
di Mario Tiberi
Il popolo italiano unito per il No (primo paragrafo)

Scrissi e pubblicai, tra maggio e giugno dell’anno in corso, un componimento monografico suddiviso in sette paragrafi, l’ultimo dei quali riassuntivo dei sei precedenti, al fine di analizzare e illustrare le ragioni morali, giuridiche, sociali, politiche, istituzionali e culturali poste a fondamento di un voto NON confermativo della legge di revisione costituzionale promossa dal trio Renzi-Boschi-Verdini. Reputo utile, a meno di due mesi dalla consultazione referendaria, riproporlo in versione riveduta e aggiornata onde offrire al corpo elettorale fondati motivi di opposizione a quella che non esito a definire come una vera e propria “kako-riforma (pessima riforma)”. “Repetita Iuvant”!

Procediamo con ordine, principiando dall’esame sintetico dei cambiamenti che interverranno qualora detta “pessima riforma” dovesse essere, malauguratamente, confermata dal voto popolare.
L’aspetto di maggiore rilevanza risiede nella cancellazione, per la verità solo apparente, del cosiddetto bicameralismo paritario. Scomparirebbe, infatti, l’attuale Senato elettivo e, al suo posto, subentrerebbe un organo di secondo livello composto da 74 consiglieri regionali, 21 sindaci e 5 senatori scelti dal presidente della Repubblica, tutti nominati e in carica per ben sette anni.
Detto organo, denominato il Senato delle Autonomie, avrà poteri decisamente più limitati rispetto alla Camera dei Deputati: non gli spetterà più il voto di fiducia al governo, i disegni di legge ordinari non dovranno passare ancora per entrambi i rami del Parlamento, fatta eccezione per riforme e leggi costituzionali. Su tutte le altre leggi, Palazzo Madama potrà esprimere dei pareri e chiedere eventuali modifiche alla Camera che, comunque, rimane l’unica assemblea legislativa.

Cambieranno pure sia il plenum che le modalità di elezione del Capo dello Stato: spariranno i 58 cosiddetti “grandi elettori”, cioè i rappresentanti delle Regioni, e cambierà il quorum con una progressione per la quale sarà sufficiente la maggioranza assoluta dei votanti a partire dal nono scrutinio. Infine, molteplici competenze verranno tolte alle Regioni per ritornare allo Stato centrale e, tra esse, le politiche energetiche e le infrastrutture strategiche. Colmo dei colmi, inoltre, sarà che la Camera, su proposta del governo, potrà approvare leggi anche su materie di competenza regionale quando ciò lo richieda il superiore interesse nazionale. Vi è solo da domandarsi, a tal punto, a cosa servano delle Regioni così svuotate di poteri e, dunque, inutili oltreché costosissime.

Dalla lettura di quanto precede, balza subito evidente, agli occhi di chi sprovveduto non è, di come basterebbe annotare il seguente motivo fondamentale per respingere il subdolo tentativo riformatore: la Costituzione italiana, democratica e repubblicana, così non viene riformata, bensì totalmente snaturata e chi la vuole difendere non sia tacciato di conservatorismo dell’esistente mentre, anzi, è onesto sostenitore di revisioni delle istituzioni che conferiscano più voce ai cittadini e non alle oligofreniche oligarchie provvisoriamente dominanti. Chi voterà NO, non è per l’immobilismo istituzionale, tutt’altro, e ciò perché si batterà per non addossare alla Carta Costituzionale responsabilità che appartengono, invece, ad un ceto politico corrotto e inadeguato. In tal maniera, però, passerei per un semplicista e, non volendo sottrarmi a più dettagliate argomentazioni, Vi rimando ad esse nelle prossime puntate.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 maggio

Uniti nel ricordo di Alessio Papini, a dieci anni dalla scomparsa

"Il Comune non può scaricare su di noi i problemi nel gestire trasporto e accoglienza dei turisti"

"Quante bugie sul rifacimento della Strada dell'Arcone!"

Trentacinque giovanissimi scout all'Etruria Dragon

Alessandra Carnevali torna in libreria con "Il Giallo di Palazzo Corsetti"

Morte sul lavoro, i sindacati incontrano l'azienda. "Collaborazione in attesa del resoconto delle indagini"

Denunciate due trentenni, ad Orvieto nonostante il divieto di ritorno

Energia elettrica interrotta per lavori nel centro storico

Iscrizioni aperte per il Centro ricreativo estivo. C'è tempo fino al 1° giugno

Unione Europea, si riunisce il Comitato sorveglianza Por Fesr 2014-2020 e Fse 2014-2020

"OrAzione per il Corpus Domini" nella Cappella del SS. Corporale

Dieci metri sopra il cielo. Andrea Loreni sulla corda, come il funambolo de "La Strada"

SP 99 per Monterubiaglio chiusa per il ribaltamento di un rimorchio pieno di ghiaia

Incontro con l'Anpi per il tesseramento e la progettazione

Quinto Consiglio Comunale del 2018. In 8 punti l'ordine del giorno dei lavori

"Aree Interne Sud-Ovest Orvietano", iniziata la fase operativa per l'attuazione dei primi 38 progetti

Forum "Area Interna Sud-Ovest Orvietano". Nel racconto dei sindaci, la nascita della strategia

Castagnolo Orvieto Classico Superiore Barberani sul New York Times

"Destinazione Salci". Una giornata indimenticabile fa rivivere il borgo

Tre giorni di appuntamenti per la sesta Sagra della Porchetta

"Il marketing sui social". Seminario gratuito organizzato da "Orvieto per Tutti"

TeMa, botta e risposta in consiglio. Pino Strabioli prossimo all'ingresso nel CdA

Con Italia Nostra, nei luoghi etruschi e templari tra Bardano e Rocca Ripesena

Bagno di folla ad Acquapendente per i Pugnaloni. Al Gruppo Sant'Anna, l'edizione 2017

Bocciato dal Tar il bando sulla gestione dei servizi dei parcheggi. Minoranza: "Ennesima figuraccia della Giunta Germani"

Unitre, eletto il nuovo direttivo. Alla prima riunione, la formalizzazione degli incarichi

Palermo chiama Italia...e il "Dalla Chiesa" risponde: "Presente!"

La Scuola Primaria di Orvieto Scalo festeggia...al sicuro

Dedicata delicata

Parte a ottobre la terza edizione di Master Luce in comunicazione territoriale per lo sviluppo turistico

"Todi Fiorita", si chiude nella luce e nella musica l'edizione 2017

Settima edizione per "Venerdì Orvietani in Ostetricia e Ginecologia"

Giardino, una sera

"Armonie Solidali". In scena al Teatro Boni uno spettacolo musicale di beneficenza

Due giorni di appuntamenti a Torre Alfina nel nome di San Bernardino

La radioattività naturale dell'Umbria: presentato lo studio della Regione e dell'Istituto nazionale di fisica nucleare

Servizi scolastici di mensa e trasporto. Aperte le richieste per il nuovo anno 2017/2018

Nuovo dirigente alla Squadra Mobile di Terni, arriva il commissario capo Davide Caldarozzi

Riconoscimento nazionale per Francesco Barberini. La LIPU premia l'aspirante ornitologo

I due finalisti di AmaTeatro 2017. Ad autunno le finali al Mancinelli

Edilizia: mobilitazione dei lavoratori umbri per pensioni, lavoro, contratto e ricostruzione

Delegazione cinese in visita alla Provincia. Incontro su istituzioni, trasparenza e controlli

Università USA al Centro Studi: il console generale saluta l'avvio della Summer School

Al Palazzo dei Sette va in mostra la "Pittura Ermeneutica" di Pier Augusto Breccia

Nove giorni di dolci tentazioni con I Gelati d'Italia 2017

"Lea Pacini ed il Corteo Storico: quando a Orvieto sfila la Storia", tutti i premiati

In archivio la sesta "Giornata dello Sport". Basket, tennis, pallavolo e calcio per gli alunni della scuola primaria

Guardea Paese Cardioprotetto. Tra la scuola e il campo da calciotto, arrivano defibrillatore e teca

"San Sebastiano in Festa", seconda edizione. Cultura, enogastronomia e Palio del Carciofo

La scuola Giovanni XXIII di Fabro tra i premiati regionali del concorso "Play Energy Enel"

Tre giorni per visitare e conoscere i Nidi Comunali

Corso di compostaggio domestico a Sferracavallo promosso da Cosp Tecno Service e Comune

L'Asds Majorana va alla scoperta dei sentieri dislocati intorno al Castello di Corbara

Nella Sala delle Muse di Palazzo Corgna, apre la mostra "Mia"

Gli alunni dello Scientifico devolvono alla Chianelli il premio di "Lettura Dantesca"

La Azzurra Orvieto e coach Romano ancora insieme

Morto in Ospedale, medici prosciolti

“Vanno bene i campi di calcio, ma almeno pulite le aree per bambini”

"Ludi alla Fortezza", svelato il programma. Tre giorni a tutto Medioevo