opinioni

Maledetti toscani

lunedì 26 settembre 2016
di Fausto Cerulli
Maledetti toscani

Renzi non fa altro che portare a termine, con maggiore sottigliezza, il piano parapolitico che fu del Gran Maestro Licio Gelli. Basta andare su un qualsiasi motore di ricerca di Internet,come Google, cercare alla voce "Gelli, Piano di Rinascita Democratica", et voilà, appare il completo piano di Gelli, in tutti i suoi dettagli. Questo piano era ovviamente a conoscenza di quanti hanno avuto per le mani i quattro o cinque faldoni contenenti i risultati del lavoro della Commissione d’inchiesta sulla P2. Ma quello che salta subito agli occhi, leggendo il piano di Gelli, è che tutte le mosse del massontoscano Renzi sono volte a perseguire proprio quel piano. Senza entrare nei dettagli minuti, Gelli riteneva indispensabile un rafforzamento dell’Esecutivo, per rendere più governabile il Paese. Proprio come vuole fare Renzi.

Nel piano di rinascita democratica si metteva in conto un drastico ridimensionamento del ruolo dei Sindacati, ed ecco che, zacchete, il nostro Renzi annulla lo Statuto dei Lavoratoti, in particolare l’art. 18, in questo superando anche il Maestro, che aveva pensato soltanto ad un alleggerimento del ruolo dei sindacati, del resto già ridimensionato dai sindacati stessi.Nel piano di Gelli si profilava una particolare attenzione ai mezzi di comunicazione. Non si trattava di impadronirsi di quei mezzi, ma di portare dalla propria parte almeno qualcuno dei detentori di quei mezzi. I giornalisti che avrebbero presero la tessera della P2 sarebbero stati chiamati “acquisiti”con squisita denominazione. Anche in questo caso l’allievo ha superato il maestro. Renzi ha piazzato tutti uomini suoi ai vertici della televisione pubblica, perché non si disturbasse il manovratore. Dalle televisioni private, quelle di Berlusconi, non c’era nulla da temere. Il patto del Nazzareno bastava ed avanzava, Quanto alla carta stampata, per cui Gelli prevedeva una cospicua infiltrazione di “acquisiti” per condizionarne a proprio favore la linea. Renzi sembra direttore del quotidiano la Repubblica, e Calabresi, sostituendo Ezio Mauro, sembra seguire supinamente le avventure renziane. Anche la Stampa si è allineata, e il Corriere della sembra il meno determinato ad applaudire Renzi, tanto per salvare la faccia a Berlusconi, che ha comprato il Corriere comprando la RCS.

Il problema della giudici e della giustizia interessava molto Gelli, che pensava di infiltrare al solito gente con la sua tessera o fare il pieno di acquisiti. Renzi è più furbo, lui non vuole compromettere giudici e giustizia, si limita a cercare appoggi pe far passare in cavalleria i reati del padre della Boschi, o il fallimento fraudolento di Società riferibili a papà Renzi, e di cui il figlio Matteo era stato socio. A proposito di carta stampata, il nostro Renzi ha fatto crepare di rabbia le Ceneri di Gramsci, facendo dell’Unità un fogliaccio asservito totalmente alla line aa renziana, con effetti addirittura ridicoli per eccesso di zelo. Ha fatto suo persino un Enrico Deaglio, che ha lasciato stupefatti quelli che lo credevano duro e puro scrivendo sull’ Unità una patetica apoteosi del nostro Capo del Governo, come Renzi preferisce essere definito, piuttosto che Presidente del Consiglio, espressione questa che non lascia abbastanza l’idea dell’uomo forte, del Capo, appunto. Soltanto il Fatto Quotidiano resiste all’offensiva renziana, insieme al quotidiano il Dubbio, a cui prima o poi verranno meno i pochi soldi pubblici previsti da una legge che cambia oggi e domani, secondo le voglie del Capo.

Anche in questo caso l’allievo supera il maestro, se non altro per raffinatezza ipocrita. Gelli proponeva l’abolizione secca delle Provincie, Renzi finge di abolirle ma le lascia in piedi solo per non perdere i voti degli addetti, che non saprebbe dove sistemare. Anche Gelli pensava a una drastica riforma del Parlamento, con separazione di compiti tra Camera dei Deputati e Senato, che nel Piano vengono chiamati rispettivamente CD e SR, tanto per ridurne anche il valore semantico.Nei disegni di Gelli la Camera avrebbe dovuto inchinarsi al Capo. prevedendo che ai decreti legge non potessero essere portati emendamenti. Io decreto e voi parlamentari non potete dire la vostra. E Renzi va avanti a forza di decreti, che dovrebbero essere utilizzati solo per casi emergenza e che il Nostro usa anche per stabilire il prezzo delle noccioline.

Sia nel piano di Gelliche nelle intenzioni di Renzi è prevista tra le righe e manco tanto, una Repubblica Presidenziale, che non sarebbe nulla di male visto che altri paesi hanno adottato questo sistema, ma che nel nostro caso non avrebbe contrappesi, con lo svilimento del Parlamento, e con un ridimensionamento dei poteri della Corte Costituzionale. Gelli parlava bruscamentee di ridimensionamento, Renzi, più pragmatico, si è limitato a mettere sostanzialmente anche se non formalmente a capo della Corte il Dottor Sottile Giuliano Amato, di craxiana memoria, e in ogni caso se ne infischia delle sentenze della Corte, facendo finta, ad esempio di non aver saputo nulla di quella sentenza che aveva dichiarato incostituzionale l’’attuale Parlamento, pieno di parlamentari non eletti dal popolo e fedelissimi di Renzi. Dunque Renzi come Gelli. Con una differenza: Gelli tramava nei segreti dei Palazzi, Renzi fa tutto alla luce del sole, pensando magari di essere il Re sole.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 16 ottobre

Il clero della Diocesi elegge il nuovo consiglio presbiteriale

Nucci (San Venanzo Viva): "Il sindaco se ne infischia dell'opposizione"

Il Comune dichiara guerra alle biciclette: "Via dal parcheggio di Via Roma"

Tordi (M5S) replica a Bizzarri: "Segnaletica inesistente e monumenti bistrattati"

Incontro partecipativo per costruire insieme la "mappa di comunità"

Foto, storie e ricordi di Orvieto fuori dai cassetti. Il primo ad aprirli è Reno Montanucci

Si presenta il restauro artistico e architettonico di San Giovenale

Il Centro Antiviolenza di Orvieto apre le porte

Alert System, cosa è e come funziona. Rischio denuncia per chi procura falsi allarmi

Al Mancinelli Pino Strabioli e Alice Spisa portano in scena "L'abito della sposa"

Vergaglia (M5S): "Portiamo Orvieto a Bruxelles. Nota stonata la bocciatura dell'Ufficio Europa"

Vertenza Ast, Orvieto aderisce allo sciopero. Germani: "Sostegno ai lavoratori"

In arrivo la prima edizione del festival del dialogo "CuriosaMente"

Prima giornata per il festival del dialogo CuriosaMente

Seconda giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Terza giornata per il festival del dialogo "CuriosaMente"

Al via la 24esima edizione della Mostra Micologica

Le cooperative di Orvieto: "Lo sciopero sortisca effetti"

La Libertas Pallavolo Orvieto se la vede con il Clitunno Volley

Cgil, Cisl e Uil: "Dalla mobilitazione una proposta alternativa per il futuro della nostra comunità"

Un convegno per riflettere su "Alzheimer. Una lotta contro la disabilità"

Al Giubileo del Malato le testimonianze di Giosy Cento

Gioventù nazionale insieme all'associazione "Non c'è fango che tenga"

A Morre la castagna è regina dell'autunno

Ars Wetana, una tradizione ritrovata. Alla ricerca delle artigiane artiste del prezioso merletto orvietano

Breve storia dell'Ars Wetana

Trasferimento dei rifiuti campani. Nettamente contraria Altra Città: 'Le ecoballe dirigetele altrove'

Yunus, un esempio per tutti: i veri grandi non hanno presunzione

Il comunicato del Comune di Orvieto sull'assegnazione del Premio per i Diritti umani 2004 a Muhammad Yunus

Prime giornate cardiologiche orvietane: il progetto Orvieto Cittàcardioprotetta si presenta a livello nazionale

Si mobilita l'UDC. Enrico Melasecche: occorre difendere Orvieto dalla falsa solidarietà ambientale della sinistra

27-29 ottobre. Convegno a Collevalenza sulla prima Enciclica di Benedetto XVI DEUS CARITAS EST

La Romeo Menti a Collescipoli viene raggiunta nei minuti finali

Prova maiuscola della Romeo Menti che in juniores regionale batte la capolista Nestor

Debutto in scioltezza per i maschi del volley orvietano: la Libertas Pallavolo Orvieto schiaccia il Gualdo Tadino per 3-0

Abile excursus pianistico nella forma Fantasia. Pieno successo del Concerto del maestro Cambri al Festival Valentiniano

Diffondere la cultura d'impresa tra i giovani. L'impegno congiunto dell'amministrazione orvietana e Novaumbria

Insediamento della Coop centro Italia sull'Amerina: la Conferenza dei Servizi ha detto sì. Al via la megadistribuzione

Il piano integrato del sistema commerciale del Comune di Orvieto: le linee

La lavorazione del merletto orvietano

Velia Pollegioni

Renata Cardarelli

Maria Piacentini

Antonietta Burattino Ubaldini

Manuela Ciotti

Scrosci di applausi per Luca De Filippo al Mancinelli. Il lavoro della Te.Ma comincia a dare buoni frutti

Meteo

lunedì 16 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
21:00 12.4ºC 69% buona direzione vento
martedì 17 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 19.1ºC 51% buona direzione vento
15:00 23.0ºC 33% buona direzione vento
21:00 11.7ºC 75% buona direzione vento
mercoledì 18 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.4ºC 58% buona direzione vento
15:00 21.7ºC 33% buona direzione vento
21:00 10.8ºC 76% buona direzione vento
giovedì 19 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 16.3ºC 55% buona direzione vento
15:00 21.1ºC 37% buona direzione vento
21:00 10.9ºC 80% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni