opinioni

La Cassazione e Stasi

giovedì 23 giugno 2016
di Fausto Cerulli
La Cassazione e Stasi

E' finito un processo infinito. Sul processo con imputato Stasi per l’omicidio di Garlasco è caduta la pietra tombale della Corte di Cassazione che ha confermato la condanna. E' vero che le sentenze non si giudicano, ma è lecito interpretarle. La vicenda che ha avuto come protagonista Stasi si è trascinata con una sentenza di primo grado, una sentenza di appello, una sentenza della Cassazione che ha rinviato il processo ad altra Corte di Appello, ed ora la sentenza definitiva della Cassazione che ha sancito inesorabilmente la condanna di Stasi. Già questo palleggiamento tra diverse sedi giudiziarie dovrebbe dirla lunga sulla raggiunta certezza sostanziale sulla colpevolezza di Stasi.

Qui, non si tratta di difendere ad oltranza Stasi (a ciò avranno debitamente provveduto i di lui coriacei legali), si tratta solo di dare un’occhiata alla sentenza della Cassazione, ormai irrevocabile salvo una improbabile revisione del processo, extrema ratio in un sistema in cui giudice non morde giudice. Quello che colpisce, nel la sentenza definitiva della Cassazione è il palese contrasto tra la formula di rito adottata, per cui i Supremi Giudici avrebbero raggiunto la certezza della colpevolezza di Stasi “oltre ogni ragionevole dubbio” e l’affermazione contenuta nel dispositivo, per cui le indagini sarebbero state svolte in maniera a dir poco approssimativa. Ora, anche uno studente del primo anno di Giurisprudenza sa che un processo indiziario si basa soprattutto sulle indagini compiute e magari sulle dichiarazioni dei testimoni.

Non risulta che le prove testimoniali esperite abbiano dato un solido sostegno alla tesi accusatoria. Restano dunque le indagini, che chi procede alle stesse compie sotto la sorveglianza del pubblico ministero. Affermare, come si fa in questa ultima decisione della Cassazione, che le indagini svolte lascino molto a desiderare. significa o dovrebbe significare colpire in qualche modo il pilastro stesso dell’accusa. A ben vedere, la colpevolezza di Stasi sarebbe fondata su due elementi. La mancanza di un alibi, e una certa storia di scarpe con o senza tracce di sangue. Quanto alla mancanza di un alibi, nulla di più aleatorio. Almeno cento persone potrebbero non avere un alibi nella circostanza.

Anzi, si dovrebbe ritenere che proprio la mancanza di un alibi potrebbe deporre a favore di Stasi: a meno che non si tratti di un imbecille, la prima cosa che generalmente compie chi ha deciso di commettere un delitto gravissimo è il predisporsi un adeguato alibi. Stasi sin dall’inizio ha detto che al momento dell’omicidio stava lavorando ad una tesi. Alibi fuggevole, non suscettibile di essere provato. Ma resta il fatto che spettava all’accusa e non all’imputato dimostrare la sicura infondatezza del presunto alibi. Non averlo fatto, sembra rientrare in quella accusa di approssimatezza, per non dir peggio, delle indagini svolte. Anzi, ci si sarebbe aspettati che la Corte rinviasse gli atti alla Procura per indagare sul perché della sciatteria delle indagini. Il che non è avvenuto.

Quanto alla prova che sarebbe costituita dallìassenza o meno di materiale ematico sulle scarpe di Stasi, è da osservare che molta, troppa gente ha frequentato il luogo del delitto subito dopo la scoperta del cadavere. Scoperta avvenuta proprio su denuncia di Stasi. E anche questa circostanza potrebbe giocare a favore dell’imputato, oggi definitivamente condannato. Ammesso che Stasi non avesse un alibi certo, se lo sarebbe potuto procurare ex post, senza denunciare lui stesso l’avvenuto omicidio. Non si vuole con questo sostenere a spada tratta l’innocenza di Stasi. Si vuole soltanto pensare che la Suprema Corte, nel momento in cui ammette che le indagini furono svolte male, per colpa o per dolo, non avrbbe dovuto affermare di aver raggiunto la colpevolezza di Stasi “oltre ogni ragionevole dubbio” I dubbi non saranno ragionevoli, ma mai come in questo caso i dubbi restano dubbi. E, come si dice in latinorum giuridico, dubium pro reo. Dubium.

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 luglio

Tre torchi per l'arte. Calcografia, xilografia e litografia nell'ex chiesa di Sant'Anna

"Voyager. Ai confini della conoscenza" torna in Umbria. Ecco dove

Aspettando "Uff", a Castel Viscardo l'energia di Eusebio Martinelli Gipsy Orkestar

Nasce il comitato Caprarola-Carbognano per la difesa del territorio, dell'ambiente e della salute

Settimane della Cultura, una terza edizione piena di eventi

Servizio telefonico interrotto per alcune utenze di Canale Nuovo. "Scandaloso e incredibile"

Ancora fuoco tra Umbria, Toscana e Lazio dove è stato chiesto lo stato di emergenza

Due anni per un'ecografia cardiaca. PCI: "Il sindaco si muova in difesa della sanità"

Edilizia scolastica, nel prossimo triennio lavori di adeguamento in oltre duecento scuole

Incontro su "Infrastrutture e trasporti: l'Umbria, il piano industriale FS, la viabilità stradale"

La presidente della Regione incontra il nuovo questore di Terni

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 5

Incendi nelle aree naturalistiche, FAI e CAI si rivolgono al Ministro Galletti

Costituito il Comitato per la Campagna "Ero Straniero. L'Umanità che fa bene"

Il Corsica si aggiudica il Torneo dei Quartieri

Beni culturali, parte il primo programma post-sisma per 20 milioni di euro

Cestistica Azzurra Orvieto conferma Margherita Monaco

I licaoni di Cristo

In Duomo l'ultimo saluto a Giuseppina Mattia

Contributi a tanti eventi, spicci (non ancora erogati) all'associazione "Lea Pacini"

Il Pullman Azzurro della Polizia fa tappa a Villa Paolina per parlare di sicurezza stradale

Riunito il "Tavolo Verde", proposte per froteggiare i maggiori fabbisogni legati alla siccità

Per "MuseiOn" all'Anfiteatro Pistonami, concerto-spettacolo "Confesso che ho vissuto"

A Pietro Belli il diploma di onorificenza come Cavaliere

L'Odissea di Blas Roca Rey chiude la rassegna "Teatri di Pietra"

"Completare il rifacimento delle strade è un obbligo"

Ginevra di Marco alla terza edizione di "Francigena Folk Festival"

Dopo anni, la nuove legge sulla rigenerazione urbana della Regione Lazio

S'infiamma il mercato dell'Orvietana. Locchi primo colpo

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni