opinioni

La discarica le decisioni dall'alto e l’orvietano che non s’indigna

giovedì 17 marzo 2016
di Giorgio Santelli - RAI News
La discarica le decisioni dall'alto e l’orvietano che non s’indigna

Stéphane Hessel qualche anno fa, nel 2010, scrisse un libro di una ventina di pagine. 700mila copie in Francia e la capacità internazionale di mobilitare le coscienze di milioni di giovani. Occupy Wall Street, gli indignados in Spagna solo due dei casi di impegno civile ispirati dalle parole di un vecchio partigiano come lui. L’indignazione, al contrario, è una parola ormai completamente scomparsa dal vocabolario orvietano. Questa città non ne conosce più il significato. I cittadini orvietani e quelli del territorio pure.

Guardate, visti da fuori, la malattia è grave. Perché nel frattempo vi stanno togliendo tutto. Forse il problema è il non esserci. Non stare lì, forse, dà modo di vedere quel che vi accade uscendo dalla bolla anastetizzante che vivete quotidianamente. Vi portano via ogni giorno un pezzetto di vita, di serenità, di tranquillità, di salute, e non ve ne accorgete. I vostri giovani se ne scappano fuori e non tornano più, la crisi economica è pesante, ciò che di buono accade è troppo poco rispetto a quel che di cattivo continua.

I vostri politici locali vivono lì senza preoccuparsi di quel che accade fuori, con una miopia politica e un orizzonte che non si spinge molto al di là della Patarina, che nemmeno riesce più ad arrivare a Perugia. Non è cattiveria I vostri politici regionali hanno già venduto la vostra pelle, riducendo al nulla il vostro ruolo di elettori, non permettendovi di contare più a livello regionale.
La politica regionale vi considera sempre più periferia dell’impero.

Vi hanno tolto la Asl, il Tribunale, l’ipotesi di trasformare Orvieto in santuario, le caserme… Hanno negato, i poteri perugini compresi quelli col cappuccio e il compasso, la possibilità di avere una vera università sulla Rupe quando il decentramento l’avrebbe permesso.

Vi portano via il bello, vi lasciano il brutto di una discarica. Dite di no alla sopraelevazione del secondo calanco, al terzo. Lo dite tutti insieme, politica compresa. All’unanimità. Ma la Marini vi prende a schiaffi e dice che si farà. E insieme a lei dice si la politica regionale, che intanto… meglio a Orvieto che tanto non conta nulla. E anche i cinque stelle che dicono no ad Orvieto a Perugia cincischiano.

Vi tolgono il bello e vi lasciano l’aumento dei tumori gastrointestinali che se si potesse fare una indagine epidemiologica, si vedrebbe che colpisce in modo sempre più frequente anche i giovani del territorio.

Vi tolgono il bello e inquinano il bello. Le vigne, gli oliveti. Che potrebbe mai accadere se un giorno ci fosse arsenico nei nostro vini e nel nostro olio? Che succederebbe alla nostra città, alle nostre produzioni?
Come disse Hessel, forse ha senso ed è ora di indignarsi. Tutti insieme

S’indignino i politici locali, si dimetta il sindaco, utilizzi questa minaccia di fronte ad una politica regionale sorda. Cerchi l’evento mediatico. Che senso ha restare sindaco di una città che non è più considerata città? Peppe, ti stanno chiudendo la città!

S’indignino i padri e le madri dei giovani costretti ad andarsene.

S’indignino gli agricoltori che rischiano di perdere quel che hanno.

S’indignino i contribuenti, gli elettori, facendo squadra al di là dell’appartenenza culturale e politica perché alla fine ci vanno di messo tutti.

S’indigni chi sta fuori, come me. Perché devi avere piacere a tornare nella tua città e nel tuo territorio. E da fuori può e deve aiutare perché Orvieto è un bene comune di tutti.

S’indignino gli orvietani, prima che anche l’indignazione non serva più. E ormai non manca più molto.

Vadano sotto il palazzo della Regione, a Piazza di Montecitorio. Ma non in 100 ma in mille, in 10mila. Richiedano l’impegno dei parlamentari eletti anche con i propri voti.

Strusciare per il Corso, parlare di fronte a Montanucci, stigmatizzare i fatti piangendo e borbottando, parlarne tra noi, dicendo sommessamente “non va bene” non serve a nulla.
Serve l’indignazione, la protesta e l’urlo, non il chiagne e fotte. Altrimenti resta solo l’accettazione di un futuro pensato dagli altri per noi. L’ineluttabilità delle decisioni degli altri. Non ha futuro chi accetta supinamente quello stabilito da altri per sé stessi. Non si è più cittadini ma servi.

Pubblicato da Claudio il 18 marzo 2016 alle ore 14:51
Condivido in pieno. Sono tra quelli il cui figlio se n'è andato (e sto pensando di farlo anch'io). Mi dolgo, e confesso, di essere anche tra quelli che non vanno oltre il mugugno dello struscio.
Pubblicato da Andrea Corritore il 22 marzo 2016 alle ore 09:39
Aggiungerei alla condivisibile analisi anche altre tre vicende estremamente preoccupanti e pericolose per l'incolumintà dei cittadini e l'economia del territorio: geotermia sull'Alfina, mega eolico sul Peglia e centrali a biomasse sul resto del territorio.

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 aprile

Allarme sicurezza, sale in ospedale per una visita e le rubano l'auto

#OrvietoSocialTour. Occhi da top Instagramers per raccontare la grande bellezza

Luci basse per l'Earth Day. Al Colle del Duomo, di notte l'arte si racconta

Il nuovo tour dei Brahmanelporto parte dalla Germania

Modifiche temporanee alla circolazione stradale, il mercato trasloca in Piazza Cahen

Consenso al Pd su sostegno alle frazioni e gestione diretta dei servizi turistici e culturali

Orvieto dice addio ad Enrico Medioli

Festa della Liberazione, le iniziative a Todi per il 25 Aprile

Il Comune di Parrano per la libertà di Gabriele Del Grande

Al via "Il Maggio dei Libri". In Umbria una settantina di iniziative e la presentazione di kit-lettura per bambini

Usl Umbria 2: "Altre cinque strutture hanno superato le verifiche per l'accreditamento"

A scuola di sicurezza, con la Polstrada. Via a un nuovo ciclo di incontri di educazione stradale

In Duomo l'ultimo saluto. Germani: "La città lo ricorderà"

Geotermia. Nogesi: "Assalto alla diligenza con la complicità del postiglione"

Inaugurato il Centro di ricerca e documentazione sulla disabilità

"Aspettando i Pugnaloni 2017", presentazione dei bozzetti al Teatro Boni

Da Bardano al resto dell'Umbria, l'abbassamento delle temperature compromette la produzione agricola

Consap chiede l'istituzione di un presidio di polizia in ospedale

Orvieto4Ever 2017. È "Victory", il tema del concerto-evento con Andrea Bocelli

Pd, macchina organizzativa al lavoro in vista delle primarie

TeMa, lettera aperta di Calcagni al sindaco Germani

Madonna del Fossatello in festa per la 277esima ricorrenza

Buon lavoro al Laboratorio per la Biennale dello Spazio Pubblico

Dramma sulle strade orvietane, muore quarantenne in moto

Escursione guidata alla scoperta delle antiche miniere e fornaci di Vetriolo

Voleva gettarsi dall'Albornoz. Ragazzo orvietano salvato da agente di Polizia

Lotta all'abusivismo. I tassisti orvietani non ci stanno e alzano la voce

Furto nella notte in un'abitazione a Pianlungo. Oro e contanti nel bottino dei malviventi

Servizi migliori a costi più bassi. Avviato dal SII il monitoraggio dei contatori abusivi

Fabro. Dal 23 aprile al 22 maggio "Il Mito di Garibaldi". Mostra storica al Castello di Carnaiola

Svolgimento della "Via Crucis" nel Centro Storico e ad Orvieto Scalo. Indicazioni per la circolazione

La Giunta regionale approva il regolamento per contributi all'attività e all'impiantistica sportiva

Calandrino, Buffalmacco e la giostra del Presidente

Allerona. Mostra fotografica di Ellen Emerson dedicata alla magia dell'albero: 23 aprile - 8 maggio

L'Assessore al Turismo e Commercio Marco Sciarra interviene sulla questione "tassisti abusivi"

Confagricoltura Umbria in prima linea per la sicurezza in agricoltura. A breve l'avvio di nuovi corsi di formazione

Ultime partenze. Si conclude la gestione dei migranti tunisini al centro Caritas di Orvieto

Operazione "Pasqua sicura". Carabinieri in azione, due arresti per tentato furto

Continua la Conferenza programmatica del PD Orvieto. Prossime tappe centrate sull'ascolto dei cittadini

E' ancora possibile studiare e lavorare in democrazia?

Premiate le migliori pizze di Pasqua dell'Orvietano al Palazzo del Gusto

Il PdCI Orvieto su una battuta "infelice" di Fabio Fazio: "Il PdCI e Rifondazione comunista esistono ma Fazio non lo sa perché guarda troppa tv"

"Il Mosaico Risorto. Inediti di Cesare Nebbia tra restauro e valorizzazione". Spazio espositivo a Palazzo Coelli fino al 23 maggio

"Le vie della tessitura" a Palazzo dei Sette. Mostra di artigianato ed arte tessile

Settimana della Cultura. Il Duomo di Orvieto oggetto di una visita organizzata dal Comune di Castel Viscardo

Cordoglio per la scomparsa del collega Marcello Martinelli

Protezione Civile. Sabato 24 aprile ad Orvieto assemblea regionale del Volontariato

Local on line, la forza dell'informazione dal territorio. Al Festival del Giornalismo in corso a Perugia il punto su ruolo, problemi e prospettive delle news locali

Elogio dell'erba verde

Diserbo a raffica? No grazie!

"Non numeri ma persone". Mostra fotografica alla Chiesa di San Rocco

Verso OrvietoComics #2. Una locandina che farà storia

"Abruzzo un anno dopo" mostra fotografica della Protezione Civile di Orvieto

Avviato l'iter partecipativo per definire il Quadro Strategico di Valorizzazione del centro storico

"Il Ruggito dell'Eccellenza Italiana". Alla Tenuta Vitalonga festa in campagna in compagnia delle rosse di Maranello

Porano apre il progetto "Strade Sicure" nei piccoli Comuni della provincia di Terni. Intervista al presidente ACI Bartolini e al vice sindaco Conticelli

Venerdì a San Venanzo "La foresta incantata", spettacolo teatrale di Solidarietà

L'assessore Sciarra: "La legge 12 non prevede l'esclusiva alla partecipazione delle associazioni di categoria". Intanto il coordinamento dei commercianti convoca un'importante assemblea per il prossimo lunedì

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni