opinioni

La sinistra ha privatizzato la sanità

giovedì 22 ottobre 2015
di Gruppo Consiliare "Identità e Territorio"
La sinistra ha privatizzato la sanità

Per anni uno dei cavalli di battaglia della sinistra è stato quello della difesa della Sanità pubblica. Oggi, al contrario di quanto diceva fino a qualche tempo fa, la sinistra - di fatto – sta abolendo la Sanità pubblica e obbligando milioni e milioni di italiani a rivolgersi a strutture private. Ormai la sinistra sta costruendo un sistema sanitario di stampo americano, per cui solamente i benestanti potranno curarsi, mentre tutti coloro che versano in condizioni economiche normali o, peggio ancora, disagiate verranno abbandonati a loro stessi.

Tra razionalizzazioni, tagli ai servizi, aumento del costo delle prestazioni e dei ticket sanitari, sono ormai il 10% gli italiani obbligati a rinunciare alle cure, mentre il 41% delle famiglie italiane hanno dovuto fare a meno che un proprio componente ricorresse ad una prestazione sanitaria: se poi aggiungiamo che nel 2015 i tagli alla sanità pubblica da parte del Governo della sinistra sono stati di 2 miliardi e 350 milioni di euro, che a carico degli utenti il costo delle prestazioni sanitarie complessive è passato da 33 a 34 miliardi di euro e che decine e decine di esami sono stati cancellati arriviamo ad una situazione che è assolutamente drammatica e che obbliga milioni di malati a fare a meno delle cure. Se poi focalizziamo l’attenzione sul nostro Ospedale, sui servizi socio-sanitari sul nostro territorio e sui finanziamenti pubblici osserviamo che, in via continuativa e costante, sono anni ed anni che la Regione razionalizza, taglia e diminuisce fortemente sia i servizi nel settore sanitario e socio-sanitario, sia il personale medico, para-medico ed infermieristico.

Il nuovo piano di riorganizzazione della sanità che metterà in atto la ASL di Foligno (perché oggi Orvieto è sotto Foligno!!) è in procinto di tagliare presso il nostro Ospedale una porzione consistente dei posti letto e depotenziare altri servizi. Pertanto, il combinato disposto tra i dati nazionali, che evidenziano una fortissima contrazione dei servizi sanitari pubblici ed un fortissimo incremento dei costi per le prestazioni, ed i dati locali, che restringono ancora di più gli accessi alla sanità pubblica attraverso una diminuzione dei posti letto e delle prestazioni, determina gravissime conseguenze sul nostro sistema sociale e produce un ulteriore impoverimento della nostra realtà. Se poi aggiungiamo che del nostro nosocomio la sinistra che governa la Regione si interessa solo in prossimità delle campagne elettorali e per effettuare false inaugurazioni, allora la situazione diventa, oltre che grave, anche tragicomica.

Eccolo il nuovo sistema sanitario creato dalla sinistra: una sistema che espelle tutti coloro che vengono ignorati dalle strutture pubbliche e tutti coloro che non possono permettersi le prestazioni sanitarie a pagamento (sia pubbliche che private). In pochissimi anni la sinistra ha creato una sanità di stampo americano e solo per ricchi. Come cambia il mondo!

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 novembre

Tanta Umbria, ancora poco Orvietano nell'Atlante dei Cammini d'Italia

Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

Chiusa la fase congressuale del Pd, Scopetti confermato segretario

Pendolari sul piede di guerra: "Il futuro dei treni a Orvieto e il silenzio degli amministratori"

Tari, tariffe corrette e conformi alla normativa. Creta: "Non ci sono stati errori"

L'Orvietana punta il Castel Del Piano per riscattarsi dalla sconfitta

A Magione si corre l'Individual Race Attack, tanti orvietani al via

La Filarmonica festeggia Santa Cecilia. Concerto al Teatro Concordia

Parlare di violenza sulle donne per cambiare prospettiva. In Biblioteca, tre appuntamenti

Visita Pastorale del vescovo Benedetto Tuzia. Il decreto di indizione

Alla Rocca dei Papi, conferenza sul genio di Michelangelo

"Orvieto in Philosophia". Per la città della sapienza, Festival di Filosofia in Dialogo e Decade Kantian

Confetti rossi per Alessandra Polleggioni, prima laureata in Informatica Umanistica dell'Orvietano

Scuole, Variati (Upi): "Del totale dei fondi generali solo il 14 per cento destinato alle Superiori"

Ladri in azione in pieno giorno. Paura sull’Alfina

L'Università dell'Arizona presenta il progetto del Museo Archeologico "Poggio Gramignano"

In tanti agli Stati generali della Scuola. Bartolini: "Temi vitali per il futuro dei nostri giovani"

Anas, investimenti per quasi 200 milioni di euro per servizi di progettazione definitiva e fattibilità tecnico-economica

Monte Peglia e Provincia Autonoma di Bolzano, esperienze a confronto per il riconoscimento Mab Unesco

"La Natività ad Orvieto". Decima edizione per il concorso dei presepi, come partecipare

Al Museo di Palazzo Davanzati a Firenze, si presenta il volume di Lucio Riccetti

Giornata di studio su gestione pazienti con Bpco, integrazione Ospedale-Territorio

Al Museo Emilio Greco si presenta il volume "Cristo e il potere. Teologia, antropologia e politica"

Liberati (M5S): "Alta velocità? Poco chiare le risorse, Umbria tagliata fuori dalle opportunità"

Sostanze tossiche, rischio sismico. Consegnata la diffida ai sindaci

"100 Mete d'Italia", riconoscimenti a Monteleone d'Orvieto e Civita di Bagnoregio

"Il Tabarro" di Puccini risuona al Museo della Navigazione nelle Acque Interne

La Quercia

"Non fate come me". A Caffeina Incontri, l'esordio letterario di Massimiliano Bruno