opinioni

Perchè non mutare rotta?

lunedì 23 marzo 2015
di Mario Tiberi
Perchè non mutare rotta?

Da quando me ne sono uscito, per nausea e disgusto, da un partito oligarchico e inaffidabile, qual è il PD, non è però trascorso giorno che non mi sia chiesto il perché di quanto a me accaduto. Cinque anni sono corsi in fretta e, ancor oggi, poco o punto riesco a capacitarmi di come una allettante intuizione iniziale sia poi naufragata per imperizia dei piloti della nave. Checché se ne dica, a mio parere nemmeno il dr Renzi alla lunga riuscirà nell’impresa poiché non esistono, almeno in politica, gli uomini della Provvidenza e tanto meno coloro che pretenderebbero di comandare in solitaria compagnia di solo se stessi. Ma non è degli esiti politici nazionali che intendo, al momento, occuparmi.

A fine Maggio si andrà al rinnovo del Consiglio Regionale dell’Umbria e, aldilà di ogni altra considerazione, mi sento di affermare che il potere ultraquarantennale della cosiddetta “sinistra umbra” abbia finito per sfiancarla e logorarla fin nelle sue viscere, tanto che l’appiattimento ideativo e il grigiore programmatico stanno investendo tutti i comparti dell’azione pubblica, dalla sanità ai trasporti, dall’agricoltura all’industria, dalla formazione scolastica alla cultura, e chi più ne ha più ne metta.

Di ben altro, invece, vi è urgente necessità: dotare la Regione dell’Umbria di una dirigenza politica, autorevole e illuminata, che sia in grado di risollevare con tempestivi interventi le pessime sorti in cui la medesima è stata fatta precipitare. Tutto ruota attorno al partito egemone, appunto il PD. Ci si chiede, sin dalla sua nascita, se è o meno realistico che all’interno di detto partito esistano davvero due o più anime e, se sì, come mai non si sia ancora riusciti a renderle conciliabili, complementari e compatibili in ragione di una coesistenza pacifica e generatrice di una soddisfacente politica per il governo della “cosa pubblica”.

Per parte mia, in questi giorni, sto congetturando su dove sia e come sia plasmata l’anima del PD la quale, senza inganno di apparenza, da qualche parte dovrebbe pur esserci e, anche se non potrò essere del tutto esauriente, mi proverò comunque a descrivere le brevi tappe delle mie riflessioni. Il nucleo centrale dell’identità ideale di un partito che tende a proporsi come forza di progresso non può prescindere dal praticare, nella concretezza della realtà, una strategia programmatica fondata su princìpi sussidiari e solidali nel comparto sociale, pluralisti e popolari a baluardo e difesa della democrazia, riformisti e/o riformatori nella stesura legislativa di norme, regolamenti e discipline.

Tutto quanto precede in virtù di meri ed astratti intendimenti poiché, spesso e volentieri, vengono proclamati e diffusi tali concetti mentre, paradossalmente, non se ne conosce né la sostanza e né la loro pratica applicazione. Ci si riempie la bocca, ad esempio, del termine solidarietà e non si ha piena la percezione del valore ecumenico della “Pietas”, non dico solo di quella cristiana, ma anche di quella greco-latina che, pur pagana, era abbondantemente ricolma di raffinata sensibilità umana. Basti pensare al pio Enea, descritto da Virgilio, nell’immagine di lui che si carica sulle spalle l’anziano padre Anchise, malato e sofferente, come a voler simbolicamente prendere su di sé il dolore e il bisogno dei deboli, dei reietti e degli sconfitti.

Anche del pluralismo non si hanno ben definiti i contorni in quanto, “ictu oculi, si avverte la sensazione di un suo uso limitativo e limitato al “plurimum civitatis”, che porta con sé un’idea riduttiva e riservata alle sole maggioranze di passaggio, mentre invece ci si dovrebbe riferire alla “pluritas civitatis maiestatis” (Quintiliano, De eloquentia) per afferrare appieno il senso della partecipazione di tutti, e di tutti indistintamente, alle vicende economiche, politiche e sociali della comunità di appartenenza senza substrati di discriminazione per ragioni di diversità di pensiero o di azione.

Cosa poi ci sia dietro e dentro l’espressione “realizzare una politica riformista”, non è affatto chiaro se non si coglie il significato proprio della parola “reformé”, usata nel periodo meno violento e più costruttivo della Rivoluzione Francese. Con “reformé”, che ha le sue origini semantiche nella greca “diamorfé”, deve intendersi il processo di metamorfosi da una forma arcaica di organizzazione societaria verso un’altra più evoluta ed elevata, tale da garantire migliori e più moderne strutture amministrative.

Le sintetiche valutazioni sopra riportate sono offerte all’attenzione di ogni cittadina/o e, in particolare, alla introspezione del PD umbro se non vuol che di lui si dica di essere stato, non tanto il promotore di una coerente politica progressista, quanto piuttosto il suo necroforo. Dubito, però, che il PD sia in grado di guardare dentro se stesso e, per cui, altra via non vedo se non quella di volgere lo sguardo, noi corpo elettorale, verso altri lidi mutando radicalmente rotta.

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 aprile

Allarme sicurezza, sale in ospedale per una visita e le rubano l'auto

#OrvietoSocialTour. Occhi da top Instagramers per raccontare la grande bellezza

Luci basse per l'Earth Day. Al Colle del Duomo, di notte l'arte si racconta

Il nuovo tour dei Brahmanelporto parte dalla Germania

Modifiche temporanee alla circolazione stradale, il mercato trasloca in Piazza Cahen

Consenso al Pd su sostegno alle frazioni e gestione diretta dei servizi turistici e culturali

Orvieto dice addio ad Enrico Medioli

Festa della Liberazione, le iniziative a Todi per il 25 Aprile

Il Comune di Parrano per la libertà di Gabriele Del Grande

Al via "Il Maggio dei Libri". In Umbria una settantina di iniziative e la presentazione di kit-lettura per bambini

Usl Umbria 2: "Altre cinque strutture hanno superato le verifiche per l'accreditamento"

A scuola di sicurezza, con la Polstrada. Via a un nuovo ciclo di incontri di educazione stradale

In Duomo l'ultimo saluto. Germani: "La città lo ricorderà"

Geotermia. Nogesi: "Assalto alla diligenza con la complicità del postiglione"

Inaugurato il Centro di ricerca e documentazione sulla disabilità

"Aspettando i Pugnaloni 2017", presentazione dei bozzetti al Teatro Boni

Da Bardano al resto dell'Umbria, l'abbassamento delle temperature compromette la produzione agricola

Consap chiede l'istituzione di un presidio di polizia in ospedale

Orvieto4Ever 2017. È "Victory", il tema del concerto-evento con Andrea Bocelli

Pd, macchina organizzativa al lavoro in vista delle primarie

TeMa, lettera aperta di Calcagni al sindaco Germani

Madonna del Fossatello in festa per la 277esima ricorrenza

Buon lavoro al Laboratorio per la Biennale dello Spazio Pubblico

Dramma sulle strade orvietane, muore quarantenne in moto

Escursione guidata alla scoperta delle antiche miniere e fornaci di Vetriolo

Voleva gettarsi dall'Albornoz. Ragazzo orvietano salvato da agente di Polizia

Lotta all'abusivismo. I tassisti orvietani non ci stanno e alzano la voce

Furto nella notte in un'abitazione a Pianlungo. Oro e contanti nel bottino dei malviventi

Servizi migliori a costi più bassi. Avviato dal SII il monitoraggio dei contatori abusivi

Fabro. Dal 23 aprile al 22 maggio "Il Mito di Garibaldi". Mostra storica al Castello di Carnaiola

Svolgimento della "Via Crucis" nel Centro Storico e ad Orvieto Scalo. Indicazioni per la circolazione

La Giunta regionale approva il regolamento per contributi all'attività e all'impiantistica sportiva

Calandrino, Buffalmacco e la giostra del Presidente

Allerona. Mostra fotografica di Ellen Emerson dedicata alla magia dell'albero: 23 aprile - 8 maggio

L'Assessore al Turismo e Commercio Marco Sciarra interviene sulla questione "tassisti abusivi"

Confagricoltura Umbria in prima linea per la sicurezza in agricoltura. A breve l'avvio di nuovi corsi di formazione

Ultime partenze. Si conclude la gestione dei migranti tunisini al centro Caritas di Orvieto

Operazione "Pasqua sicura". Carabinieri in azione, due arresti per tentato furto

Continua la Conferenza programmatica del PD Orvieto. Prossime tappe centrate sull'ascolto dei cittadini

E' ancora possibile studiare e lavorare in democrazia?

Premiate le migliori pizze di Pasqua dell'Orvietano al Palazzo del Gusto

Il PdCI Orvieto su una battuta "infelice" di Fabio Fazio: "Il PdCI e Rifondazione comunista esistono ma Fazio non lo sa perché guarda troppa tv"

"Il Mosaico Risorto. Inediti di Cesare Nebbia tra restauro e valorizzazione". Spazio espositivo a Palazzo Coelli fino al 23 maggio

"Le vie della tessitura" a Palazzo dei Sette. Mostra di artigianato ed arte tessile

Settimana della Cultura. Il Duomo di Orvieto oggetto di una visita organizzata dal Comune di Castel Viscardo

Cordoglio per la scomparsa del collega Marcello Martinelli

Protezione Civile. Sabato 24 aprile ad Orvieto assemblea regionale del Volontariato

Local on line, la forza dell'informazione dal territorio. Al Festival del Giornalismo in corso a Perugia il punto su ruolo, problemi e prospettive delle news locali

Elogio dell'erba verde

Diserbo a raffica? No grazie!

"Non numeri ma persone". Mostra fotografica alla Chiesa di San Rocco

Verso OrvietoComics #2. Una locandina che farà storia

"Abruzzo un anno dopo" mostra fotografica della Protezione Civile di Orvieto

Avviato l'iter partecipativo per definire il Quadro Strategico di Valorizzazione del centro storico

"Il Ruggito dell'Eccellenza Italiana". Alla Tenuta Vitalonga festa in campagna in compagnia delle rosse di Maranello

Porano apre il progetto "Strade Sicure" nei piccoli Comuni della provincia di Terni. Intervista al presidente ACI Bartolini e al vice sindaco Conticelli

Venerdì a San Venanzo "La foresta incantata", spettacolo teatrale di Solidarietà

L'assessore Sciarra: "La legge 12 non prevede l'esclusiva alla partecipazione delle associazioni di categoria". Intanto il coordinamento dei commercianti convoca un'importante assemblea per il prossimo lunedì