opinioni

Il Giardino dei Lettori, lo spazio di Valentina Satolli

lunedì 22 settembre 2014
di Fausto Cerulli
Il Giardino dei Lettori, lo spazio di Valentina Satolli

Una terrazza affacciata su un panorama senza limiti, per bellezza ed ampiezza. Una terrazza improvvisamente affascinante per una semplice e insieme complessa intuizione di Valentina Satolli. Una serie di sedute che sembrano nuvole, tanto sono leggere ed insieme avvolgenti e rassicuranti, impreziosite dalle ceramiche di Marino Moretti, ma già di per sè al limite, se posso dirlo, del capolavoro di architettura, di idee fresche e nuove, e nello stesso tempo sapienti e frutto di una sapienza antica.

Sedere su quella sorta di nuvole, sognare, sentirsi liberi, e insieme uniti a tutti ed at tutto: ecco l'intelligenza, secondo me, dell'idea di Valentina, attenta come suo costume ai particolari più minuti, ed insieme scrupolosa e geniale nell'idea complessiva. Una piazza nuova per Orvieto, e del tutto inimitabile, dove studio ed idea fulminante si incontrano e si fondono. Io, che non sono scarso di parole più o meno azzeccate, sono rimasto come ammutolito. E non ho fatto i complimenti a Valentina, perché non avrei saputo da dove cominciare, anche se conosco Valentina da sempre: ma spesso mi fa soggezione per le idee che pre-sento in lei.

Idee che le assomigliano, in un misto di silenzi loquaci, e di slanci improvvisi ma mai casuali. E quel suo lavoro sulla terrazza affacciata sul tutto del nulla che è poi l'infinito, assai le assomiglia. Avverti per un attimo il lavoro preciso e curato poi sei trascinato nella leggerezza incantata ed incantevole. Quelle panchine che non sono solo panchine, ma anche sogni, idee immateriali ed insieme corpose; c' è tutta, Valentina, in quello che ha saputo inventare: la sua minuziosa precisione quasi di miniatura, e la leggerezza quasi improvvisa del suo crearsi nell' atto di creare: la sua riservatezza e i suoi slanci, la sua capacità di star sola, in certi silenzi impetrati, e la sua capacità, strana e mai calcolata, di darsi e di dare.

Così è di quella sua ultima indimenticabile creazione: che unisce la durevolezza del materiale, alla leggerezza in cui quel materiale si invola. Non so se Valentina avesse in mente tutto questo, ma so che tutto questo le appartiene come la pelle al corpo, come la preghiera al sacro-profano. Valentina ha inventato la piazza più libera di Orvieto dopo averla forse a lungo meditata: ma il suo pregio sta tutto nell'aver risolto e quasi sciolto la precedente meditazione, nella leggerezza completa del risultato. Era modesta e insieme orgogliosa di tutta quella gente che si affollava per vedere quello che lei aveva fatto. Ed io, anonimo tra tutta quella gente, riflettevo su quanto e come quella magica invenzione rappresentasse l'essere di Valentina.

Ed io la conoscevo ora come fatta diversa in una maggiore nuova serenità, quasi greca, ellenizzante. Dicevo di una piazza nuova, e di un nuovo modo di concepire la piazza: raccolta ed insieme aperta a tutto ed a tutti; una sorta di sito antico,un'arena aperta alle orazioni di un rétore, ad uno spettacolo teatrale, ad una pubblica assemblea ed ad un luogo di incontro per innamorati romantici. Il tutto delimitato ed insieme teneramente esasperato da quelle magiche poltrone in pietra. Sentivo che Valentina aveva voluto esprimere qualcosa di arcano, o semplicemente esprimere la vera Valentina.

E la caratteristica che ho chiamato ellenizzante era accentuata dalla fuga di prospettive, da quel magico affacciarsi su un panorama vasto, e da una erta di attesa che incombe su tutto. Quasi che da quella invenzione architettonica stiano per emergere le serene divinità di un'arte antica e insieme rivoluzionaria: si avverte come una attesa sacra in quello spazio riempito di vita e insieme in attesa di una vita da ricominciare. Valentina, per quello che so, ha molto lavorato su quel progetto: e la bellezza insolita di quello che Valentina ha realizzato consiste forse nell'aver trasformato il lungo lavoro preparatorio in qualcosa di artisticamente improvvisato. Come sempre accade nelle intuizioni generose e geniali:

Grazie dunque, Valentina per quella piazza che non è solo una piazza, per quello spazio in cui possiamo spaziare in una olimpica calma di riflessione, o di una totale immersione in una folla che partecipa e sa partecipare. Se poi pensiamo che accanto a quelle sedute, nel progetto di Valentina, dovranno realizzarsi prati verdi e roseti, l'idea di una creazione in qualche modo rivoluzioriamente ellenizzante,si accresce di un fascino ulteriore. Io ho letto tutto questo in quella realizzazione che ho ammirato: e Valentina, e soltanto lei, potrà dirmi se ho compreso quello che lei voleva dirci.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 settembre

Fiori e luci alle finestre, San Domenico celebra la Madonna della Mercede

Seconda Categoria Umbra: Ferro di Cavallo pareggia la prima in casa

Orvieto, forse il Duomo

La Zambelli Orvieto vince la settima edizione del Trofeo Agricola Zambelli

L'assessore al turismo Andrea Vincenti replica alla minoranza: "L'unico vero flop"

Al PalaPapini l'Orvieto Fc punisce il Calvi

Cortile di Francesco. Migranti, l'Umbria accoglie e non rifiuta

Orvietana schiacciasassi, tre colpi al Massa Martana e si va avanti

A cena per riqualificare la Chiesa dell'Immacolata Concezione

Roberto Meffi nominato vice coordinatore provinciale di Forza Italia

Nuovo anno scolastico per la Scuola Comunale di Musica di Orvieto

"Non si può più stare tranquilli, adesso rubano anche i vestiti"

Saluti istituzionali tra il presidene della Provincia e l'ex comandante della Compagnia Carabinieri

Turismo, guerra all'ultimo numero. Opposizione: "Sugli insulti gratuiti, non ci pronunciamo"

Gli studenti dell'Unitus a lezione da Vetrya, parte il secondo corso in Marketing e Qualità

Federazione Ordini Ingegneri della Regione Umbria, Marco Balducci è il nuovo presidente

All'Unitus si presenta il libro fotografico "Dentro Santa Rosa. Oltre Santa Rosa"

Maria Beatrice Autizi presenta il romanzo "Le Stelle di Giotto. Enrico Scrovegni e i Templari"

Interruzione dell'erogazione idrica in via Tevere e zone limitrofe

Open Day alla Scuola Comunale di Musica "Fabrizio De André"

Csco, il console USA inaugura il Fall Semester 2017. Annunciato il programma delle attività formative

Dalla filiera agroalimentare passa il rilancio dell'economia del territorio della Rupe

Dedicata al tema "Voci dal Borgo", l'edizione 2017 di "Umbrialibri" omaggia Anna Marchesini

Edi Dottori, chef de "La Sala della Comitissa" ospite d'onore a ChocoMoments

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni