opinioni

Tutti gli uomini del presidente: quelli ancora in sella e quelli già disarcionati

domenica 14 settembre 2014
di Mario Tiberi

“Promoveatur ut Amoveatur”: promuovere per rimuovere! Il Presidente del Consiglio dr.Renzi, spregiudicato e cinico, applica alle persone la famigerata dottrina del cosiddetto “usa e getta”: finché gli sono funzionali, in ragione della sua personale carriera volta al potere assoluto, le esalta; quando invece non gli servono più, o le abbandona al loro infame destino o, al massimo, le parcheggia in posteggi a pagamento a carico dei contribuenti italiani. E’ ciò che è accaduto nelle ultime settimane pur se, inopinatamente, talune operazioni sono passate sotto silenzio con l’avallo di una stampa compiacente e servile. Per non essere tacciato di squallido qualunquismo, è bene scendere in alcuni emblematici particolari.

E’ diffuso il convincimento che il primo a dover pagare dazio sarà proprio l’ormai ex-potentissimo sottosegretario alle Presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, per il fatto che non gli può essere perdonato di aver detto la verità sui quasi del tutto inutili ottanta euro. La frase”…pensavo francamente che avessero più effetto…”, risalente alla metà di luglio, non è affatto piaciuta al Capo del Governo il quale, secondo un suo stile ormai consolidato, ha promesso vendetta, tremenda vendetta. Per il malcapitato sembrerebbe pronto, nell’imminente rimpasto governativo, un ministero a scelta purché sia senza portafoglio. Come si può ben notare, i ministeri non vengono assegnati sulla base di capacità e competenze specifiche, bensì a motivo di calcoli opportunistici e/o di momentanea convenienza.

Sul ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, il quale invoca parole di verità su una crisi ingravescente e non parole di mero taglio propagandistico, si è abbattuta una tormenta di ghiaccio e gelo al punto che lo stesso ministro ha più volte manifestato l’intenzione di dimettersi e il “premier”, da par suo, non muove paglia per farlo desistere. Anzi, sembra quasi incoraggiarlo con salaci “battutine”.

Quanto a Giuliano Poletti, ministro del Lavoro, pure lui colpevole di sincerità per aver anticipato che il governo sta lavorando ad un prelievo forzoso sulle pensioni, non gli verrà riservato un trattamento migliore se già è stato ampiamente e puntualmente svergognato in una delle ultime conferenze-stampa. Non ci si meravigli, quindi, che la campagna epurativa in atto proseguirà con improvvise accelerazioni poiché, essendo il cinismo del Renzi divenuto un classico della politica italiana, non si potrà che assistere ulteriormente a riedizioni dell’ormai tristemente famoso” Enrico stai sereno”, pronunciato poco prima di ghigliottinare proditoriamente lo “sventurato” Enrico Letta. Come così pure, negli anni e nei mesi appena trascorsi, il “rottamatore” ha fagocitato e digerito decine di compagni di viaggio: dai molteplici assessori delle sue giunte fiorentine fino ad arrivare a nomi illustri, quali Lapo Pistelli e Pippo Civati.

E non è andata meglio a numerosi sodali più recenti. Ad esempio, il guardasigilli Andrea Orlando è stato definito un “doroteo”, nel senso più spregevole del termine, in relazione ad un suo presunto diniego a controfirmare il decreto sulla fecondazione eterologa. Beatrice Lorenzin, ministro della Salute, aveva infatti predisposto, di concerto con Renzi in persona, il citato decreto quando, di fronte al montare delle polemiche, per salvare se stesso non ha esitato un solo attimo a sconfessare l’operato sia dell’uno che dell’altra, entrambi suoi ministri.

Stessa sorte di giubilazione è toccata a Michele Emiliano, già sindaco di Bari, e a Vincenzo De Luca, ancora non si sa per quanto sindaco in carica di Salerno. In Emilia Romagna, il “fiorentino asso pigliatutto” ha sacrificato due fedelissimi della prima ora, Matteo Richetti e Stefano Bonaccini (tra l’altro inquisiti per peculato assieme a Descalzi indagato per corruzione internazionale), sull’altare di una instabile e provvisoria “pax” con Pier Luigi Bersani, scalpitante assieme a Massimo D’Alema, e “scaricati” risultano pure Carlo Cottarelli (costato ai contribuenti 260.000 euro per nulla) a seguito di divergenze nette e insanabili sulle procedure di revisione della spesa pubblica e persino, come ben si ricorderà, Romano Prodi che fu eliminato senza un batter di ciglio dalla corsa al Quirinale in cambio dell’accordo con Silvio Berlusconi sulle riforme, per ora solo e soltanto annunciate.

E non finisce qui! Ritengo che ricordiate il “cerchio magico” di bossiana memoria; ebbene, un altro circuito vizioso si è ad oggi innescato e non è per nulla errato o disdicevole poterlo definire il “Giglio Magico” di Renzi. Dario Nardella, Simona Bonafé e Pina Picierno, inizialmente membri effettivi del circolo gigliato, sono stati tutti rispettivamente “promossi per essere rimossi” e, dunque, relegati in periferia. Il dato reale è che il “Giglio Magico” attualmente è composto da soli tre petali: Maria Elena Boschi, Luca Lotti e Marco Carrai.

La Boschi e Lotti, assieme a Renzi, guidano e dirigono la politica “lato sensu”; Carrai quella economica. Ma fino a quando? Per il “Doge” Matteo, oggi sei magico, domani probabilmente potresti diventare tragico e, comunque, conti qualcosa soltanto quando gli torni utile. Proprio come il nemico più nemico di tutti: il governatore in carica della regione Toscana Enrico Rossi.

Fatti i debiti calcoli di convenienza, il premier ha deciso che il predetto debba ricandidarsi alle regionali del 2015 onde sgomberare il campo dai voraci appetiti di almeno una mezza dozzina di dirigenti locali del PD e di scongiurare, almeno per il momento, la cruenta rissa che si sarebbe inevitabilmente scatenata tra i suoi fedelissimi di lignaggio toscano, ora però delusissimi. Come si vorrebbe qualificare un simile comportamento se non cinismo allo stato puro?

Di questo passo, più prima che poi il dr. Renzi è destinato a rimanere desolatamente solo e da soli, come ben si sa, non si approda a nulla; per i suoi adepti, ingenui e creduloni, vale sempre l’antico detto popolare: “chi è causa del suo mal pianga se stesso”. E per il Renzi medesimo: “chi di spada ferisce, di spada perisce”.

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 giugno

Chiusura dell'ospedale, si attende la decisione del Tar dell'Umbria

L'Unitre di Orvieto ringrazia l'ingegnere Gianluca Polegri

PCI: "Ancora prognosi riservata per la nostra sanità"

Riapre la piscina comunale di Castel Viscardo - Pianlungo

"La Compagnia dei Naturali", il laboratorio integrato per bambini e giovanissimi che fabbrica amicizie, invenzioni ed emozioni

Scale mobili rotte il giorno del Corpus Domini. Olimpieri (IeT): "Altra figuraccia!"

Michele Fattorini primo a "Lo Spino"

Geotermia, documento della Rete Nogesi sulla zonizzazione toscana: "Tutto da rifare!"

Apertura serale all'Orto Botanico "Angelo Rambelli"

Sentieri

La notte delle streghe all'Osteria da Shakespeare

Non è "cosa buona e giusta" che la politica si profitti del popolo

Comitato Risparmiatori

"Ludi alla Fortezza", Templari al Palazzo dei Sette

"Africa in Piazza". Musica, cucina e solidarietà a favore dell'Etiopia

"Sì, sono amareggiato e dispiaciuto. È difficile lavorare con voi"

Torneo dei Quartieri di Basket "Corrado Spatola", le novità dell'ottava edizione

La Fondazione Centro Studi "Città di Orvieto" presenta consuntivo 2016 e primi risultati semestre 2017

Profumi e colori sul lago per la 17esima edizione della "Festa delle Ortensie"

52esima "Staffetta dei Quartieri", settima vittoria per l'Olmo. I biglietti estratti

Corpus Domini, in archivio tra luci e ombre l'edizione 2017

"In caso di perdita del segnale di videosorveglianza, impianti di mobilità non possono essere tenuti in esercizio"

Tamponamento lungo l'A1 tra Orvieto e Attigliano, incendio a Giove

Baschi-Todi chiusa per tir ribaltato, code in A1 per incendio

Casa della Salute, inaugurata la Rsa. "Tassello importante nella riqualificazione dei servizi"

24 Giugno 1947 – 24 Giugno 2017. Settantesimo anniversario del primo avvistamento U.F.O

Città blindata? Ladri in azione: furti in pieno centro durante la festa

Stage residenziali per ragazzi dagli 11 ai 14 anni presso il Parco di Villalba: 4/7 luglio - 11/14 luglio. Iscrizioni entro il 25 giugno 2011

"Sono scappati": Il PDL Orvieto punta il dito sul centro sinistra uscito dal Consiglio al momento del voto sulla finanza derivata

Presentati al Consiglio i neo Assessori Brugiotti e Marino. Gialletti: "basta avvicendamenti a mezzo stampa"

Il Corteo Storico vuole uscire dagli armadi. Tutto l'anno e una volta per tutte. La proposta dell'assessore Marino

Sui derivati incalza Gnagnarini: "Incredibile. Il Comune fa causa a chi paga denaro (BNL) e non a chi lo esige per 1 Mln l'anno (RBS)"

Festival di arte e fede. Rorwacher tenera encantadora: "Corpo Celeste" fa il pieno e cattura il pubblico

Alice Rorwacher, una singolare grazia: guarda l'intervista di Orvieto.TV

Vuoi vedere un Miracolo? Alice...

Allerona. Domenica 19 giugno, alle 18 nella Sala Polivalente, saggio finale del Corso di Canto 'Musica in Libertà'

E' scomparso Isidoro Galluccio, presidente della Fondazione Claudio Faina. Un ricordo anche per Luigina Bartella Zanchi

Un saluto al Presidente Galluccio

Allerona, Sala dell'Acqua. 2/3 - 9/10 luglio 2011: Mostra di pittura di Iolanda Dente

Ventiquattrenne orvietana denunciata per spaccio di droga. Operazione del Commissariato di Orvieto

Concluso alle scuole medie di Ciconia il progetto "Pianeta Acqua". Premiata la relazione migliore

Orvieto città Santuario. Se ne è parlato in Consiglio Comunale, ma la Curia frena

"Invece della terza discarica". Convegno degli Amici della Terra Orvieto venerdì 24 giugno 2011

Città inguaribile causa classe dirigente (di destra e sinistra) inadeguata salvo...

La Biblioteca "Fumi" cresce e si fa più "piccola". Completata, ma senza possibilità di apertura, l'area ragazzi

Torna la "Gran Fondo degli Etruschi". Al via la XVIII^ edizione domenica 21 giugno

Orvieto accoglie i partecipanti al Cammino Nazionale delle Confraternite

Gli impegni dei primi 100 giorni per Feliciano Polli, neo presidente della Provincia di Terni

Dissidi tra librerie: potrebbe saltare lo stand estivo del libro. Il Comune da il permesso poi lo revoca, la Libreria dei Sette minaccia azione legale

Musica fuori orario. Scattano i primi verbali

Rubate le bandiere dei Quattro Quartieri al Duomo

Autotreno si ribalta sulla A1. Code e rallentamenti nel tratto orvietano

Fine stagione per Radio Orvieto Web. Festa della Musica in ricordo di Francesco Satolli

Il Sottosegretario per i Beni Culturali On. Giro in visita a Orvieto. Plauso all'ottimo lavoro svolto per la reinstallazione della Maestà

Formazione, 1331 nuove opportunità nel catalogo della Provincia di Terni

Festa della Musica dell'Arci 2009 - "Più Spazio alla Musica - Più Spazi per la Musica"

Festa della salvezza per l'Orvieto Basket. Sabato alle 20,30 al PalaPorano

Il Coro “Canto Libero” di Allerona domenica a Spoleto per l’apertura del Festival dei due Mondi

Numeri vincenti della I^ lotteria Associazione Lea Pacini - Corteo Storico - Corteo delle dame

Domenica 21 e Lunedì 22 giugno turno di ballottaggio per l'elezione del Sindaco e Referendum sulla Legge Elettorale

E Toni Concina risponde in tempo reale

La Libreria Valente precisa la sua posizione rispetto alla soppressione della Fiera del libro: "del tutto estranea"

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni